martedì 31 marzo 2009

Video La degna rabbia - Un altro mondo un altro cammino, in basso a sinistra

http://www.yabasta.it/IMG/arton665.gif

Associazione Ya Basta e Margine Operativo

presentano il video e il dvd LA DEGNA RABBIA

progetto
Associazione Ya Basta – Margine Operativo
regia_montaggio_ riprese
Riot Generation Video - Margine Operativo
traduzioni Marco Giusti, Valeria Vitale, Aline Pennisi
galleria fotografica Simona Granati
grafica Lorenzo Sansonetti - Carta
produzione
Associazione Ya Basta Italia
Coordinamento Toscano di sostegno alla lotta zapatista

26, 27, 28, 29 dicembre Città del Messico - 31 dicembre 2008, 1 gennaio 2009 Oventik_ Chiapas - 2,3,4,5 genaio San Cristobal de las Casas_ Chiapas.
Per 10 giorni, itinerante e nomade per il Messico, si è svolto il Primer Festival Mundial de la Digna Rabia proposto e costruito dalle donne, uomini, bambine, bambini, anziani dell' EZLN – Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale - a cui hanno partecipato tantissim@ attivisti/ribelli/artisti/ esperienze di lotta da tutto il pianeta terra.

Il video "La degna rabbia" realizzato da Riot Generation Video / Margine Operativo racconta il magma incandescente di visoni e di lotte che ha attraversato il festival.
Narra l'anomalia di un festival autonomo e indipendente creato da una molteplicità di linguaggi, di conflitti, di codici artistici che si collocano per scelta in basso e a sinistra. 10 giorni densi, straordinari che hanno tracciato un calendario e una geografia delle lotte e delIe prospettive che attraversano i movimenti nel mondo, e che hanno disegnato una mappa del possibile.

Di nuovo rivolgiamo la nostra parola.
Questo vediamo, questo guardiamo.
Questo giunge al nostro udito, arriva al nostro cuore scuro.

per la Toscana  richiedere il dvd  SCRIVENDO a  info@ilbarbagianni.it 


 


 

 

la jornada :Se aliaron narcos de México e Italia: Roberto Saviano

'El gobierno mexicano actuó demasiado tarde contra los cárteles y no podrá enfrentarlos solo''


"El gobierno mexicano actuó demasiado tarde contra los cárteles y no podrá enfrentarlos solo" advierte el escritor
Ericka Montaño Garfias
México e Italia son el futuro de la droga, y mientras este problema no se resuelva en el primer país no podrá haber solución en el segundo, sentencia el escritor italiano Roberto Saviano, autor del libro Gomorra, en el cual da cuenta de la forma en la que opera la mafia napolitana, la Camorra, organización que lo tiene amenazado de muerte. En una videoconferencia con medios mexicanos, Saviano habla de las ligas entre narcotraficantes de ambos países y advierte: el gobierno mexicano actuó demasiado tarde y solo no podrá frenar el narcotráfico porque, de acuerdo con versiones de la agencia antidrogas estadunidense (DEA, por sus siglas en inglés) y la Organización de las Naciones Unidas, existen pruebas de que (los narcotraficantes) en México y África construyeron estructuras más grandes y estables que las de las instituciones. Gomorra ha vendido en México más 20 mil ejemplares y en el mundo unos 2 millones; ya fue llevado a la pantalla bajo la dirección de Matteo Garrone y recibió múltiples premios europeos. La cinta fue seleccionada por Italia para competir en los Óscares, aunque quedó fuera de la selección final. Tras el éxito del libro, Saviano vive oculto, sin domicilio fijo, protegido por cinco guardaespaldas y viajando siempre en vehículos blindados. Su situación ha generado la simpatía de escritores de todo el mundo, entre ellos varios premios Nobel, quienes exigieron al Estado italiano "acciones efectivas para protegerlo y vencer a la Camorra". En verdad, dice el escritor y periodista, "el problema del narcotráfico y de los cárteles italianos no podrá ser resuelto si no se soluciona primero en México. Siempre se ha pensado que Colombia es el número uno (en el tráfico de drogas) y no se dan cuenta de que México ha evolucionado mucho en este negocio". Lo que ahora hacen los narcotraficantes colombianos para competir con México es que entregan la droga a domicilio, lo que antes no pasaba, explica el escritor desde la sede de la editorial Random House-Mondadori en Roma. México, añade, "es la demostración de que el narcotráfico tiene un poder tal que puede generar un capital similar al producto interno bruto de un país e incluso tener un ejército superior al de un Estado. Sin embargo, el problema de los cártelesmexicanos no es sólo del país, sino del mundo. Lo mismo va para las mafias italianas: no son un problema de esa nación, también son un problema del mundo. En África a la cocaína se le llama petróleo blanco y eso nos habla de la cantidad de dinero que se mueve en torno suyo". El narcotráfico en nuestro país es el tema de uno de los libros en los que está trabajando –el otro tiene que ver con su afición al box, y es acerca de Óscar de la Hoya–, y subraya que uno de los lazos más fuertes que existe entre italianos y mexicanos se da entre la Ndragheta (la mafia calabresa) y el cártel del Golfo. Incluso existe otro más, porque los mafiosos están importando a Malverde como santo patrono, lo que muestra también un intercambio cultural.

La Ndrangheta "ha contribuido a que México se haya convertido en el número uno en el tráfico de drogas. La fuerza de los cárteles mexicanos en su relación con Italia es que desde su país llega la droga a Estados Unidos y África; de África pasa a Europa y este movimiento es manejado por los cárteles italianos. Lo que hacen las mafias italianas es que compran a México lo que produce y distribuye".Saviano (Nápoles, 1979) señala la dificultad de ofrecer un consejo al gobierno mexicano, aunque agrega: por los análisis de los observadores internacionales más importantes, tengo la impresión de que México ha iniciado demasiado tarde el ataque al narcotráfico y no podrá hacerlo solo, o contando nada más con la ayuda de la DEA. El narcotráfico tiene que ser enfrentado de manera internacional, como sucede con el terrorismo islámico.Las advertencias se hicieron hace años y una provino del subcomandante Marcos, quien presagió que el narcotráfico llegaría a tener mucho poder. Los avisos ya estaban, pero no se actuó con tiempo suficiente, refirió Saviano, cuyo nuevo libro Lo contrario de la muerte, estará en las librerías mexicanas en unas semanas.El gobierno mexicano "tiene una responsabilidad gigantesca, pero el poder de los cárteles va más allá de lo que se puede hacer con Estados Unidos, porque llega a todo el mundo.Existen países que llegan a aceptar este aspecto criminal como algo normal, e inclusive son importantes para la economía de esas naciones.Que un narcotraficante como Joaquín El Chapo Guzmán llegue a la lista de Forbes no sorprende a este periodista napolitano. Todo nos lleva a pensar que el futuro de estas burguesías criminales es florido. Tengo la certeza de que los capos de la organización italiana entran en la categoría de burguesía criminal, porque tienen perfiles empresariales: son médicos, empresarios, algunos hasta sicoanalistas y licenciados. Tienen cierto nivel de instrucción universitaria. No sé si en México ocurra lo mismo, pero la tendencia general es que la gente que maneja este negocio ya no es gente que viene de la calle.En varias ocasiones Saviano ha comentado que, pese a lo que vive, no se arrepiente de haber publicado el libro. Habla de la posibilidad de abandonar Italia, pero no para tener una vida normal eso es imposible; pero estoy seguro que con el tiempo estas organizaciones me darán una tregua, cuando ya no esté a su alcance; a lo mejor México no es la mejor opción.Convertido en símbolo de la lucha por la libertad de expresión y contra la mafia, Saviano reconoce: eso pesa un poco porque soy escritor, no juez antimafia. Siento mucha responsabilidad por contar (estas historias) y ayudar a los que son perseguidos por la mafia. No le temo a la muerte, pero sí a vivir de esta forma. No creo que lo peor sea la muerte, sino vivir como estoy viviendo. Me han cortado la libertad, me quitaron mi vida anterior al libro, la destruyeron; mi familia ha tenido presiones muy fuertes. En este sentido tal vez ya ganaron, pero cada vez que hablo y alguien me escucha, siento que ellos pierden.

sabato 28 marzo 2009

Manu Chao ospite indesiderato in Messico

http://www.fullsong.it/uploads/News/manu-chao.jpg

Manu Chao ospite indesiderato in Messico

Il Governo Messicano fa marcia indietro dopo le voci di divieto di entrata per il cantante impegnato nella Campagna di denuncia dei fatti di Atenco

Sabato 28 marzo 2009

Nei giorni scorsi era circolata la voce che il Governo Messicano avrebbe avuto intenzione di vietare l'ingresso nel paese a Manu Chao, dopo le sue dichiarazioni di denuncia della violenza delle forze dell'ordine a Salvador Atenco.
Manu Chao durante la selezione di Cinelandia al Festival Internacional de Cine, a Guadalajara, aveva denunciato il caso delle donne assassinate a Ciudad Juárez, e aveva riaffermato il suo impegno nella "Campaña Nacional e Internacional: Libertad y Justicia para Atenco" dicendo: "Stiamo preparando molte iniziative per porre fine all'ingiustizia e perché si capisca quello che è successo ad Atenco... si è trattato di terrorismo di stato."
Alla notizia dell'intenzione del Governo Messicano di sanzionare Manu Chao immediatamente a livello internazionale in molti si sono mobilitati. A questo punto la "Secretaría de Gobernación" si è vista costretta ad emettere un comunicato in cui afferma di non aver avuto nessuna intenzione di applicare sanzioni al cantante.

 

venerdì 27 marzo 2009

FW: Taglio della luce agli zapatisti




La Jornada – Venerdì 27 marzo 2009

 

La GBG studia misure contro "gli abusi dei mal governi"

La CFE sospende l'energia elettrica nel villaggio di Pueblo Maya Tzeltal

Hermann Bellinghausen

 

Dal caracol di La Garrucha, Chiapas, la giunta di buon governo (JBG) El camino del futuro, ha denunciato "gli abusi del malgoverno federale, statale e municipale" contro Pueblo Maya Tzeltal (già barrio San Jacinto, nella città di Ocosingo), località appartenente al municipio autonomo Francisco Gómez. Si tratta di nuovi tagli della luce da parte della Commissione Federale dell'Elettricità (CFE), "che violano i diritti dei compagni basi di appoggio zapatisti".

 

Secondo le indagini della GBG, lo scorso 20 marzo si sono presentti nella comunità menzionata due lavoratori della CFE per tagliare la luce agli zapatisti. "Quelli della CFE dicevano di avere ricevuto l'ordine dal malgoverno di tagliare la luce". In realtà, del "falso delegato" del quartiere, Ernesto Cruz Gomez. La GBG accusa il presidente municipale panista Carlos Leonel Solórzano di minacciare e voler obbligare le basi zapatiste a pagare il servizio nonostante siano in resistenza.

 

"Il terreno è stato legalmente donato dalla proprietaria María Tilsia Robledo Ramírez  all'ufficio della GBG, lasciando la scrittura originale per gli usi legali del municipio autonomo. Per questo il delegato Cruz Gómez non può obbligare i compagni zapatisti a effettuare pagamenti per il terreno. Il municipio Francisco Gómez è il proprietario legittimo dei tre ettari ed un quarto che occupa Pueblo Maya Tzeltal."

 

Già in precedenza le autorità avevano sospeso l'erogazione elettrica: a marzo del 2007 e maggio 2008. In entrambe le occasioni le basi zapatiste avevano riparato la linea. Nella seconda occasione i lavoratori della CFE "si sono portati via tutti i cavi che i compagni dell'EZLN avevano comprato; la CFE li ha rubati su ordine dei tre livelli del malgoverno che imbroglia, questo sì nei fatti e non a parole", dichiara la JBG con riferimento allo slogan pubblicitario del governo di Juan Sabines Guerrero ("fatti, non parole").

 

"I tre livelli del malgoverno stanno facendo pressioni sulle basi zapatiste per pagare la luce. I nostri compagni basi di appoggio dell'EZLN non pagano la luce perché sono in ribellione", afferma l'autorità autonoma. 

 

"Pueblo Maya Tzeltal ripristinerà di nuovo la luce", aggiunge la denuncia. "Se la CFE tornerà a tagliare la luce dei compagni, la GBG prenderà altre misure".

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



Organizza, modifica e condividi le tue foto. Scarica Raccolta foto!

venerdì 20 marzo 2009

OCEZ denuncia aggressioni

 

La Jornada – Venerdì 20 marzo 2009

È strumento della contrainsurgencia ufficiale, denuncia la OCEZ

Denunciano assalti ed usurpazioni dell'organizzazione perredista Orcao nell'ejido El Carrizal

Hermann Bellinghausen

L'Organizzazione Campesina Emiliano Zapata (OCEZ) ha denunciato che un gruppo di elementi dell'Organizzazione Regionale deiColtivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao), noto come Los Petules, compie assalti ed usurpazioni di terre contro l'ejido El Carrizal, Chiapas, i villaggi vicini e le persone che transitano sulla strada Cuxuljá-Altamirano, dove hanno stabilito un insediamento su poderi ejidali che non appartengono loro e, secondo la OCEZ, coperti dalle autorità del governo.

La denuncia sottolinea che, dopo che il dirigente della Orcao, José Pérez Gómez, "ha iniziato ad utilizzare la sua organizzazione come strumento della contrainsurgencia ufficiale, ingannando una parte della sua gente affinché operasse come gruppo paramilitare contro l'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale", il leader "si è posto alla testa di questa strategia governativa per distruggere le organizzazioni indipendenti, ed ha ordinato a Los Petules di attaccare anche la OCEZ".

Bisogna segnalare che i fatti denunciati avvengono nella stessa zona dove la Orcao, di filiazione perredista, ha in corso dei conflitti con le comunità del municipio autonomo 17 de Noviembre, como Moisés Gandhi.

Il gruppo "ha provocato molti problemi in tutta la zona". Nell'ejido El Carrizal "ha rubato i raccolti, distrutto piantagioni di caffè, divelto recinzioni e introduce il suo bestiame nelle nostre milpas; si ubriacano continuamente e si radunano in strada a molestare le persone che passano e gli abitanti di Tomás Munzer, e la cosa peggiore è che molestano sessualmente le ragazze che vanno alla scuola secondaria e le donne che si recano nella clinica".

Il 25 agosto 2008 hanno cercato di rubare con violenza una motocicletta ad un passante. Gli agenti municipali delle comunità confinanti Chalam del Carmen San Agustín, Viejo Chalam del Carmen e Sacrificio Buenos Aires fermarono e multarono i responsabili, "ma il delegato di governo ed il pubblico ministero di Ocosingo proteggevano i ladri". Recentemente hanno dato fuoco ad una casa a Tomás Munzer, ed il 13 marzo hanno danneggiato gravemente un trattore di un elemento della OCEZ.

Gli abusi ed i crimini "sono stati coperti dal presunto agente municipale di Nacimiento, il loro villaggio", si aggiunge nella denuncia. "È evidente che non hanno nessuna volontà di rispettare gli usi e i costumi secondo i quali convivono pacificamente le comunità della zona, e per questo è sempre più necessario che siano spostati lontano da qui".

L'ostilità di queste persone non è nuova; 15 anni fa "un gruppo di coloni di El Carrizal, nel municipio di Ocosingo, guidati da Pedro López Rodríguez, incominciarono a commettere assalti in strada". Durante una rapina nel 1994, suo fratello José morì vicino ad Oxchuc, in uno scontro a fuoco con poliziotti giudiziali. 

 

Secondo la OCEZ, i delinquenti cercarono di farsi passare per zapatisti, "ma poi si inserirono nella Orcao".

La OCEZ, che appartiene al Frente Nacional de Lucha por el Socialismo (FNLS), in diverse occasioni ha denunciato come "paramilitari" organizzazioni della Orcao, appoggiate da suoi dirigenti, funzionari federali, statali e municipali e dalle forze di polizia.

"Los Petules hanno tentato di strappare terre e diritti a 12 membri della OCEZ a El Carrizal con la complicità delle autorità agrarie e ricorrendo a provocazioni ed aggressioni violente contro le nostre famiglie. Noi non lo permettiamo", perché El Carrizal è "il risultato della lotta fatta dalla OCEZ per recuperare queste terre nel 1985; di fronte al loro fallimento, questo gruppo, nell'aprile del 2007, ha montato un caso dicendo falsamente che il nostro gruppo li aveva sgomberati".

"L'autosgombero" era stato pianificato. Le autorità "diedero loro rapidamente tutto l'appoggio per installare quel villaggio irregolare che chiamarono Nacimiento. Ci misero la scuola ufficiale, diedero le lamiere per i tetti delle loro case, asfalto ed ora luce elettrica". 

 

La OCEZ lancia "un appello fraterno" alle basi della Orcao "affinché non permettano che la loro organizzazione continui ad essere usata per nascondere bande di delinquenti e gruppi di scontro".

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



Gli Indigeni gestiranno l'ingresso alle cascate di Misol-ha

 






La Jornada – Mercoledì 18 marzo 2009

 

La decisione presa di fronte al rifiuto delle autorità di risolvere il conflitto

Gli indigeni faranno pagare il biglietto di ingresso alla cascata di Misol-ha

Il governatore del Chiapas, "cieco e sordo" alle proteste

Hermann Bellinghausen

 

Gli indigeni che vivono nei pressi della cascata di Misol-ha, appartenenti all'ejido Adolfo Ruiz Cortines, a Salto de Agua, Chiapas, hanno annunciato che installeranno un ingresso a pagamento per l'accesso alle famose cascate che attraggono migliaia di visitatori tutto l'anno. L'assemblea ejidale, alla quale partecipano in armonia membri di diverse organizzazioni, comprese basi di appoggio dell'EZLN, ha preso la decisione di fronte alla mancanza di risposte del governo all'annosa richiesta di rispetto dei loro diritti territoriali sulla strada Ocosingo-Palenque che porta al sito naturale.

 

Da anni gli indigeni chiedono il rispetto da parte "di chi usufruisce e  viola i nostri diritti ejidali percorrendo la strada che conduce al centro turistico senza nessun permesso o consultazione", e controlla l'unico ingresso a pagamento. 

 

Denunciano che il governo di Juan Sabines Guerrero non ha risposto alle loro domande "di un popolo violentato e sfruttato", comportamento che lo porta "sulla stessa strada dei governanti passati". Nemmeno dal governo federale hanno ottenuto risposta "nonostante le autorità di distretto e di delegazione federali sappiano delle nostre preoccupazioni e delle minacce di morte ricevute dalla società cooperativa ejidale turistica Cascada de Misol-ha" (La Jornada, 13 gennaio).

 

Gli ejidatari pensano di installare un ingresso a pagamento per i turisti, "e utilizzare il 100% del ricavato per la nostra gente dimenticata ed ingannata, perché è nostro diritto di usufrutto, se non c'è alcun documento legale" espropriare il terreno. 

 

Nel gennaio scorso gli ejidatari avevano fissato un termine di 60 giorni per ottenere risposte. Di fronte all'indifferenza del governo hanno deciso di installare l'ingresso a pagamento sul tratto di strada di loro "competenza". Oggi "entreremo in azione e faremo pagare l'ingresso ai turisti, senza esagerare né abusarne, secondo i prezzi correnti". Il pagamento dell'ingresso offrirà "un migliore servizio e più rispetto per i visitatori".

 

Affermano: "Non vogliamo soldi che influiscano negativamente sullo sviluppo dei nostri figli, ma solo un casello di ingresso a pagamento per avere posti di lavoro e contribuire allo sviluppo del luogo". Avvertono: "Non cederemo, non useremo la forza. Se il governo imporrà la sua forza con poliziotti, esercito ed altro, noi denunceremo la sua mancanza di leadership ed onestà".

 

Esigono "un trattamento giusto, pace ed armonia", e riterranno responsabili i governi statale e federale, ed i vicini della società cooperativa Cascada de Misol-ha, di "qualsiasi evento che metta a rischio la nostra integrità fisica e la nostra libertà". Dichiarano che "la terra è di chi la lavora" ed invitano ad esigere dal governo "una politica di uguaglianza e non solo per quelli che hanno di più, né per le proprie fila politiche e gli amici".

 

Solo lo scorso 12 marzo il governo del Chiapas aveva riconosciuto "l'impegno dell'iniziativa autonoma di prendersi cura e preservare la riserva di Huitepec", riconoscendo "la vocazione alla cura e preservazione del villaggio zapatista Bolom Ajaw" (ad Agua Azul, non lontano da Misol-ha). Il comunicato governativo sottolineava "l'atteggiamento rispettoso delle comunità zapatiste nel non realizzare nuove invasioni".

 

In questo contesto, diceva, il governo dello stato "contribuirà affinché in queste due località ed in altre le comunità indigene beneficino della loro opera di salvaguardia". A tale proposito, "in risposta alla domanda crescente", annunciò che avrebbe reso nota "la prima di una serie di impegni che apriranno molte possibilità di sfruttamento ecoturistico, amministrazione e benefici su basi di autogestione comunitaria nelle immediate vicinanze dei siti archeologici, riserve ecologiche, aree naturali e patrimoni culturali delle comunità stesse".

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)

mercoledì 11 marzo 2009

FW: Guerra batteriologica contro gli zapatisti


 



La Jornada – Mercoledì 11 marzo 2009

 

I PRIISTI TRASFORMANO IN DISCARICA I RIFUGI DEGLI ZAPATISTI AD ACTEAL

HERMANN BELLINGHAUSEN

 

San Cristóbal de las Casas, Chis., 10 marzo. Il municipio priista di Chenalhó ha scatenato, in silenzio ma sfacciatamente, una nuova tappa dell'ostilità contrainsurgente rivolta alle comunità ed agli accampamenti di rifugiati zapatisti del municipio autonomo San Pedro Polhó. Una rozza ma non meno dannosa forma di guerra batteriologica. Hanno trasformato gli accampamenti di Acteal ed i dontorni nella loro discarica di rifiuti.

 

Quattro o cinque volte al giorno, i camion del municipio di Chenalhó riversano ogni tipo di rifiuti ed animali morti a circa 300 metri dall'accampamento zapatista di Acteal. Hanno così trasformato l'intera zona in un immondezzaio pestilenziale, che viene dato alle fiamme e che sprigiona permanentemente fumi sopra questo insediamento, colpendo anche gli accampamenti e le comunità di Cacacteal, Chimix e Tzanembolom.

 

I rifiuti sono così abbondanti che hanno ormai invaso l'unico ruscello della zona. In tutti questi luoghi la maggior parte degli abitanti soffre di infezioni intestinali e respiratorie a causa dell'acqua e dei fumi velenosi, o lamentano costanti mal di testa. La pestilenza è cronica ed arriva ad essere insopportabile.

 

All'aggressione si è sommato il municipio di Pantelhó, sempre priista, che ha deciso di scricare proprio qui i rifiuti del suo capoluogo municipale senza che le autorità sanitarie del Chiapas intervengano nonostante sappiano che si tratta una delle zone indigene a maggiore fragilità in materia di salute.

 

A dispetto del disinteresse dell'opinione pubblica, continuano ad essere migliaia i profughi zapatisti che non sono tornati nelle loro comunità dal 1997, quando si scatenò la violenza paramilitare culminata col massacro di Acteal il 22 dicembre di quell'anno. Nonostante gli sforzi del municipio autonomo e di organizzazioni civili come il Fideicomiso para la Salud de los Niños Indios de México (Fisanim), promosso dall'attrice Ofelia Medina, e dell'ospedale di Esquipulas (i cui medici si dicono "spaventati" dalla dimensione del problema). La denutrizione, la disoccupazione e la siccità sono la realtà quotidiana tra questi contadini tzotziles defraudati che continuano ad essere gli ultimi, i più ignorati.

 

La mancanza di controllo sanitario è tale che i rifiuti, non solo si riversano nella valle avvelenando suolo, acqua ed aria, ma ostruiscono perfino il transito veicolare sulla strada. 

 

L'atteggiamento di disprezzo del governo municipale di Chenalhó, e lo stesso fatto di avere trasformato in discarica di rifiuti una zona che si trova tra la miniera di ghiaia di Majomut (Polhó) ed Acteal, è il proseguimento con altri mezzi la guerra contro le comunità in resistenza.

 

Nello stesso modo in cui il sistema di salute zapatista è stato capace di soddisfare e risolvere molte minacce alla salute degli indigeni, in particolare dei bambini, così affronta situazioni di grande difficoltà e fuori del suo controllo, come questa sorgente di rifiuti tossicia, una deliberata aggressione del municipio priista che conta sulla complicità, almeno per omissione, del governo statale perredista.

 

A questo si sommano la mancanza d'acqua (molto acuta in questa stagione), di cibo ed in fin dei conti di casa e terre, visto che le piantagioni di caffè, le case e le capanne degli zapatisti sono stati usurpati dagli stessi che hanno scatenato una guerra civile virtuale dieci anni fa. Sono i frutti a lungo termine dell'impunità.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



Organizza, modifica e condividi le tue foto. Scarica Raccolta foto!

martedì 10 marzo 2009

ZAPATISTI HANNO ESTIRPATO ALCOLISMO E DROGA

 

La Jornada – Sabato 7 marzo 2009

 

GLI ZAPATISTI HANNO ESTIRPATO ALCOLISMO E DROGA

Hermann Bellinghausen - Inviato

 

Municipio autonomo Lucio Cabañas, Chis., 6 marzo. Un risultato sanitario indiscutibile delle comunità zapatiste è lo sradicamento dell'alcolismo da oramai 20 anni. La differenza nella quotidianità familiare e comunitaria è profonda ed implica meno violenza, che è già un indicatore sanitario. Ancora di più trattandosi di popoli indigeni e conoscendo le stragi che causa tra loro l'alcool, sempre di pessima qualità.

 

Lo raccontano cronache e romanzi: gli indios si controllano con l'acool. Fernando Benítez negli anni '70 visitò in Chiapas questi popoli e li trovò prostrati, con la dignità umiliata, ubriachi come un'epidemia. Oggi non si vede più questo nelle comunità in resistenza. Le feste che hanno fatto per 15 anni, visibili o discrete, grandi o piccole, sempre con danze fino all'alba, si svolgono sempre senza una goccia di alcool. È un'eccezione assoluta su scala nazionale, con carnevali e feste patronali a colpi di posh, acquavite o brandy sintetico. E senza andare lontano, ogni fine settimana.

 

Non bevendo, i contadini, in particolare gli uomini, eliminano il rischio di malattie frequenti nei popoli indigeni: ulcera, cirrosi, denutrizione e ferite di machete provocate dalle risse tra ubriachi. Non si scorge tra gli indicatori di salute delle istituzioni governative, ma il suo effetto sulla salute pubblica, a ben vedere, è eccezionale.

 

Per non parlare dell'inesistenza di consumo o spaccio di droga, assolutamente non  permessi nelle comunità autonome. Il ritorno all'alcolismo normalmente è il percorso verso la diserzione nelle comunità divise e strumento privilegiato delle strategie di contrainsurgencia dal 1995.

 

Il murales sulla facciata della clinica autonoma Esperanza de los Pobres, dipinto dai promotori di salute, fiancheggia l'accesso alle strutture, povere come il nome, ma di una pulizia che balza agli occhi. La sua parte principale è come un libro aperto con le istruzioni per il percorso della salute. È un dipinto che potrebbe anche essere esposto in un museo, anche se parla solo dell'igiene personale e comunitaria, della latrina, deimmetodi per separare la spazzatura, legare gli animali, spazzare il patio. Tutto illustrato in maniera molto espressiva.

 

I promotori di guardia, un ragazzo ed una ragazza, tzotziles molto svegli, permettono a La Jornada di visitare le strutture. Un ambulatorio ampio, arredato solo con un lettino e strumenti base; sotto il vetro della scrivania una foto grande del dottor Ernesto Che Guevara. Una sala di ginecologia per il controllo di gravidanze, parti ed esami. Un'area dentistica. Una farmacia con le cose essenziali ordinate con cura. "Visitiamo qui e a domicilio", afferma il promotore. "Raramente c'è un medico, ma accompagniamo la gente che deve andare all'ospedale". Qui si distribuiscono anche i vaccini del municipio autonomo.

 

Sopra il sedile posteriore di un combi (taxi collettivo - n.d.t.) appoggiato alla parete dell'entrata, si legge: "Sala d'aspetto". Ci conducono al laboratorio dove si realizzano biometrie, esami delle urine, il test per la tubercolosi, coproculture, paptest. Imbrunisce. Arriva di corsa una famiglia indigena con un neonato in lacrime. Il promotore li accompagna nell'ambulatorio.

 

"Quella è l'ambulanza", dice Irma, la promotrice, indicando una combi adattata per trasportare i pazienti. È promotrice da anni, e sembra saperci fare. Se qualcosa risalta nelle cliniche autonome zapatiste è la mancanza assoluta di negligenza. Non potrebbe esserci. Le comunità non lo permetterebbero. 

 

Dall'oscurità della strada spuntano tre figure; una è avvolta in una coperta. È un anziano con grave difficoltà respiratoria. Irma saluta e porta l'anziano all'interno della clinica. Ci sono notti che qui non si dorme, come nei grandi ospedali.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)

Le zapatiste 8 Marzo

 

La Jornada – Lunedì 9 marzo 2009

 

La festa della donna si conclude con un messaggio della dirigenza dell'EZLN

 

LE ZAPATISTE NEL GIORNO DELLA DONNA: "È TEMPO DI PRENDERCI I NOSTRI DIRITTI"

Hermann Bellinghausen - Inviato

 

Oventic, Chis. 8 marzo. "È l'ora di rompere le catene, di rompere il silenzio, di dire 'basta' di sentirsi inferiori agli uomini. È tempo di agire, di prenderci i nostri diritti. È tempo di mettersi in marcia". Le comandanti Hortencia, Rosalinda e Florinda diffondono in castigliano e tzotzil un intenso messaggio del Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno (CCRI-CG) dell'EZLN nel Giorno Internazionale della Donna.

 

"Più della metà della popolazione mondiale sono donne. Bisogna che questa metà si ribelli", affermano le comandanti mentre scende la sera, accompagnate dalle donne della giunta di buon governo, dei consigli autonomi degli Altos, dalle responsabili di commissione ed insurgentas in divisa e senza armi.

 

"Non sappiamo quante ne festeggeremo di celebrazioni come questa, perché la guerra continua", denunciano. "Ma adesso, festeggiamo che siamo vivi". 

 

Dall'ampio spazio del caracol Resistencia y rebeldía por la humanidad, migliaia di donne indigene, provenienti dai cinque caracol, ascoltano, compatte, i messaggi delle loro compagne. "In tutti i caracol stanno facendo festa molte compagne che non sono venute qua", informano le comandanti. Finalmente il sole si impietosisce dei presenti.

 

Dedicano la festa "alle compagne cadute dalla nascita del nostro movimento ed alle desaparecidas, imprigionate ed assassinata dal malgoverno". Ma "non abbiamo paura della morte", aggiungono. "Col malgoverno non abbiamo speranza che la situazione nei nostri villaggi cambi. I potenti sperano di distruggerci, come hanno fatto ad Acteal, Unión Progreso, Oaxaca, Atenco e Guerrero".  Si dicono consapevoli che "il malgoverno può attaccare in qualsiasi momento, e dobbiamo essere preparate.

 

"Dobbiamo afferrarci alla nostra forza. Altrimenti, che esempio diamo alle nostre figlie, che tributo diamo alle nostre cadute?" Rivolgono un appello "speciale" alle ragazze "delle nuove generazioni affinché partecipino ai lavori di salute, educazione ed altre attività necessarie, perché siete voi quelle che porteranno avanti la nostra lotta".

 

Poco prima, le comandanti avevano incitato "le donne zapatiste che ancora non hanno nessuna responsabilità" ad unirsi ai lavori. "Si devono nominare più compagne nel CCRI e nelle JBG. Dobbiamo formare più collettivi". E propongono di "diventare miliziane". 

 

Ringraziano gli uomini "che lo hanno compreso ed hanno permesso alle loro compagne di partecipare", perché dentro lo zapatismo ci sono ancora reticenze maschiliste ai cambiamenti che subiscono migliaia di donne choles, tojolabales, tzeltales, tzotziles, mam e zoques nelle montagne del sudest.

 

La capitana Elena parla per le truppe insorte dell'EZLN: "Fino a quando continueranno a molestarci i malgoverni?". Denuncia che "quando le donne si organizzano per protestare, le perseguono ed assassinano. 

 

"Ci vogliono tenere prigioniere, ingabbiate come animali. Sono milioni le donne in questo paese che non hanno mai preso in considerazione". Critica i politici ed i partiti, che "si scelgono tra loro", in particolare le donne che diventano legislatrici e funzionarie, perché pur essendo donne "stanno col malgoverno".

 

Scende la nebbia. La capitana prosegue: "Dov'è la libertà per le donne? Dov'è la felicità per il popolo del Messico?". Ed afferma: "Siamo in grado di lavorare, di fare quello che ci chiede il popolo e di combattere di fianco agli uomini". 

 

Dichiara: "Siamo qui per servire il popolo del Messico". Ed aggiunge: "Non abbiamo paura delle armi del nemico".

 

Migliaia di indigeni di bassa statura, insieme a molte donne del resto del paese e di altre parti, concludono la loro festa, ora in onore di doña Concepción "Coral" (come pronunciano ripetutamente le indigene nominando Mamá Corral), madre di desaparecidos politici. Le sue figlie, Adela e Rosario Corral, ascoltano l'omaggio delle comandanti ad un lato della piazza. 

 

Per il caracol di La Realidad parla Everlida; per Morelia, Liliana; per Roberto Barrios, Grisel. Ed infine la bambina Lupita lancia un breve e fulminante avvertimento a nome delle "donne e bambine maltrattate". Con la sua vocina dice: "Un giorno, col nostro potere, vinceremo".

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)

: Resistenza contro il caro bollette in Chiapas

 

La Jornada - 10 marzo 2009

 

Bollette della luce di 2 mila pesos in una zona dove la gente guadagna meno di 50 pesos al giorno

Abitanti dell'ejido chiapaneco di Lázaro Cárdenas sono in resistenza per gli abusi della Commissione Federale dell'Elettrica (CFE)

Accusano il governo perredista di Pijijiapan di sostenere la commissione nella campagna di vessazioneo

HERMANN BELLINGHAUSEN

 

San Cristóbal de las Casas, Chis., 9 marzo. Il Consiglio Autonomo Regionale della Zona Costa del Chiapas, aderente all'Altra Campagna, denuncia gli abusi della Commissione Federale dell'Elettricità (CFE) e del governo perredista di Pijijiapan contro l'ejido Lázaro Cárdenas, dove "oltre 200 abitanti sono in resistenza per gli alti costi dell'energia elettrica".

 

Questo a causa delle bollette bimestrali che vanno tra i 500 e 2 mila pesos, "un abuso della CFE e del governo in una zona dove la gente percepisce meno di 50 pesos al giorno per sopravvivere". Per questo motivo "sono in lotta da oltre 15 anni come Frente Cívico e da quasi due anni come Consiglio Autonomo Regionale".

 

Nella denuncia si segnala che da molti anni la CFE "non viene nella comunità neppure per aggiustare un cavo, un palo o un trasformatore, ma solo per riscuotere ed abusare della gente e obbligarci a pagare la luce, riscossioni abusive ed ingiuste perché siamo gente umile, semplice e povera". Rivendicano il loro appello "a tutte le resistenze contro la CFE perchè si prosegua organizzati ed andare avanti insieme per resistere a qualsiasi attacco o attentato contro la nostra gente".

 

Chiedono la cancellazione dei debiti delle comunità e la liberazione dei loro "prigionieri politici": Horacio Enríquez Escobar (nel penitenziario 13 di Tonalá), Rigoberto Méndez Mérida (Penitenziario di Tapachula) ed i quattro di Puerto Madero, arrestati per aver fatto resistenza alla CFE. 

 

Chiedono la sospensione dei tagli indiscriminati dell'energia elettroca, la fine della repressione e persecuzione, la manutenzione delle linee elettriche e tariffe giuste per il Chiapas e tutto il Messico. "Ci opponiamo a qualsiasi progetto neoliberista e capitalista, alle privatizzazioni di luce, acqua e delle risorse naturali e vogliamo il rispetto dei diritti umani e dei popoli in resistenza".

 

Rivelano abusi della CFE e del municipio di Pijijiapan, guidato da Saín Cruz, che il 21 gennaio ha notificato al commissario ejidale che dopo "una supervisione negli abitati con illuminazione pubblica, si è scoperto che Lázaro Cárdenas non è solvente", ed "è invitato" a presentarsi negli uffici della CFE "presso gli uffici addetti e con il nome di chi sosterrà il pagamento".

 

In un'altra lettera ufficiale inviata dal municipio perredista il 19 gennaio a Maritza López Selvas, agente commerciale a Pijijiapan della CFE, si rimette un accordo del consiglio comunale che ordina che "ogni comunità paghi il servizio di energia elettrica. 

 

Il 26 gennaio, Lázaro Cárdenas ha ricevuto una lettera dalla CFE di Pijijiapan che dice: "Come parte del nostro programma di verifica del servizio, il 17 luglio 2008 abbiamo controllato la vostra linea ed abbiamo riscontrato un'anomalia che consiste in ui-03 (servizio diretto senza contratto), cosa che viola i termini di contratto di erogazione che regolano la prestazione che forniamo".

 

Questo "ha fatto sì che del 17 luglio 2008 al 16 gennaio 2009 non sia stato fatturato il totale dell'energia consumata, per una differenza di 9.210 kw/h ed un importo di 20.478 pesos" e si richiede la vostra presenza nell'agenzia Pijijipan "per liquidare la somma succitata entro 72 ore".

 

Il Consiglio Regionale dichiara che gli ejidatari e vicini, e le autorità ejidali si oppongono al pagamento dell'illuminazione pubblica. "È obbligo dei municipi erogare il servizio pagato dalle nostre tasse e non c'è nessuna normativa che obblighi ejidos o comunità a pagare i servizi di base".

 

Gli ejidatari ed il consiglio regionale comunicano che non pagheranno l'illuminazione pubblica "e che se non si rispetterà questo diritto prenderemo misure più drastiche contro la CFE ed il municipio, affinché imparino a rispettare i popoli organizzati". Tutti gli abitanti dell'ejido sono contrari al pagamento ed avvertono le autorità che "non devono imporsi al popolo che si oppone a queste bugie e farse".

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)

viareggio zapatista Mercoledi 11 marzo, ore 21:30

Mercoledi 11 marzo, ore 21:30
Presso l'ex scuola Inalpi, via Belluomini,  quartiere Varignano, Viareggio

> LA PRATICA DELL'AUTONOMIA NELLE COMUNITà ZAPATISTE DEL CHIAPAS
Dada Virus invita il Coordinamento Toscano in sostegno alla lotta zapatista per parlare delle comunità ribelli del Chiapas: la lotta per la dignità, la pratica dell'autonomia, l'autogoverno.

saranno proiettati 2 video dell'associazione messicana Promedios
- "l'orto di Zapata" : nel 1994 le comunità indigene zapatiste occupano migliaia di ettari di terre ai ricchi latifondisti. nel videosi racconta di come gli abitanti di una comunità della Selva Lacandona si sono organizzati per lavorare collettivamente una terra "recuperata". 19 min.
- "la vita delle donne in resistenza" : le donne zapatiste si raccontano: grazie alla lotta zapatista e alle Leggi Rivoluzionarie delle Donne, la donna nelle comunità indigene ha ottenuto diritti. ma ancora c'è molto da lottare per una completa emancipazione. 18 min.

info
coordinamento-toscano-zapatista@inventati.org

http://dignidad-rebelde.blogspot.com/
www.dada-tv.org/

sabato 7 marzo 2009

jORNADA DE 06/03/2009

Contra el narco, Estados Unitos, listo a ayudar a México con tácticas de contrainsurgencia: Mullen

Los mexicanos necesitan soporte en inteligencia y métodos que usamos contra el terrorismo en Irak y Afganistán, explica el jefe del Estado Mayor Conjunto estadunidense

Reuters
Publicado: 06/03/2009 23:34

 

Washington. Las fuerzas armadas de Estados Unidos están listas para ayudar a México en su guerra contra el narcotráfico, con tácticas de contrainsurgencia como las usadas contra los rebeldes de Irak y Afganistán, dijo esta noche el almirante Mike Mullen, jefe del Estado Mayor Conjunto estadunidense.

Añadió que el Departamento de Defensa está moviéndose para proveer de equipo al Ejército mexicano, incluyendo helicópteros, bajo un programa de ayuda de mil 400 millones de dólares.

"Tienen una necesidad urgente. Todos tenemos una sensación de urgencia sobre esto. Así que todos vamos a empujar duro para entregar esa capacidad tan rápidamente con sea posible", dijo Mullen a periodistas en una teleconferencia durante su regreso a Estados Unidos de la visita oficial a México.

La violencia del narcotráfico ha causado la muerte de miles de personas en México, en medio de una guerra declarada por el gobierno del presidente Felipe Calderón contra los cárteles de la droga, que ganan unos 10 mil millones de dólares al año haciendo pasar narcóticos hacia el mercado de Estados Unidos.

La ciudad más golpeada por la violencia es la fronteriza Ciudad Juárez, frente a El Paso, Texas, donde el gobierno mexicano envió esta semana cientos de soldados para tomar el control de los esfuerzos de la policía, marcada por la corrupción y los vínculos con el narco.

Mullen, quien estuvo en México el viernes como parte de una visita a cinco naciones en Latinoamérica -incluyendo Brasil, Perú, Chile y Colombia- dijo que los militares estadunidenses ya están apoyando a México con inteligencia, aunque no dio detalles.

Dijo que durante conversaciones con oficiales militares de alto rango de México enfatizó la disposición del Pentágono para proveer más ayuda en inteligencia, vigilancia y reconocimiento, en la forma de aviones espías no tripulados, específicamente a lo largo de la frontera entre ambos países.

"Necesitan soporte en inteligencia, capacidades y tácticas que han evolucionado para nosotros en nuestra lucha contra de las redes en el mundo terrorista", dijo. "Hay una gran cantidad de similitudes", añadió.

Mullen afirmó que los líderes en México están tomando medidas para eliminar problemas causados por la corrupción de funcionarios, que podría comprometer los esfuerzos contra el narco.

El militar comentó que no discutió con sus anfitriones mexicanos la posibilidad de colocar tropas estadunidenses en la frontera binacional, lo que sugirió el gobernador de Texas, Rick Perry.

 

da la jornada del 6/03/09

http://www.badarkablar.es/wp-content/Imagenes/Fuerza_del_Estado_Michoacan.jpg

Tropas del Ejército incursionan y hostigan zonas zapatistas, denuncia el EZLN

Con el pretexto de combatir la siembra de droga, las fuerzas armadas buscan controlar y provocar a las bases de apoyo en resistencia, sostiene.

Notimex
Publicado: 06/03/2009 22:55

San Cristóbal de las Casas. El Ejército Zapatista de Liberación Nacional (EZLN) denunció que tropas del Ejército mexicano han incursionado en aldeas zapatistas con el pretexto de combatir la siembra de marihuana.

"Desde el comienzo del presente año ha habido sobrevuelos de aviones y helicópteros militares en nuestra zona Altos, pero en estas últimas fechas, se han incrementado", dijeron en un comunicado de prensa difundido hoy.

Sostienen en el comunicado que el objetivo de las incursiones del Ejército es "controlar, provocar y hostigar a las bases de apoyo zapatistas en resistencia".

La Junta de Buen Gobierno Corazón Céntrico de los Zapatistas Delante del Mundo, uno de los gobiernos autónomos que el EZLN mantiene en la zona, que está en el municipio oficial San Andrés Larráinsar, señala que desde el 21 de febrero pasado el Ejército realiza patrullajes por aire y tierra en varias aldeas.

"La Junta de Buen Gobierno de la Zona Altos denuncia enérgicamente estas acciones que está realizando el mal gobierno a través de su Ejército federal y de las personas afiliadas al Partido Revolucionario Institucional (PRI)", indica el comunicado.

Por otra parte, la Junta de Buen Gobierno con sede en el municipio Oventic, vecino del anterior, consideró las incursiones de los soldados como "una provocación". Es "un pretexto para meter sus soldados a nuestras comunidades", indicó.

"Todo el mundo sabe que en los municipios autónomos y en todo el territorio zapatista está prohibida la siembra, el tráfico y el consumo de drogas y otras actividades ilícitas y son reglamentos que se tienen que cumplir", agregaron en el pronunciamiento.

 

venerdì 6 marzo 2009

viareggio zapatista 11 marzo,

http://themustardseed.files.wordpress.com/2008/12/zapatista-babe.jpg
Mercoledi 11 marzo, ore 21:30
Presso l'ex scuola Inalpi, via Belluomini,  quartiere Varignano, Viareggio

> LA PRATICA DELL'AUTONOMIA NELLE COMUNITà ZAPATISTE DEL CHIAPAS
Dada Virus invita il Coordinamento Toscano in sostegno alla lotta zapatista per parlare delle comunità ribelli del Chiapas: la lotta per la dignità, la pratica dell'autonomia, l'autogoverno.

saranno proiettati 2 video dell'associazione messicana Promedios
- "l'orto di Zapata" : nel 1994 le comunità indigene zapatiste occupano migliaia di ettari di terre ai ricchi latifondisti. nel videosi racconta di come gli abitanti di una comunità della Selva Lacandona si sono organizzati per lavorare collettivamente una terra "recuperata". 19 min.
- "la vita delle donne in resistenza" : le donne zapatiste si raccontano: grazie alla lotta zapatista e alle Leggi Rivoluzionarie delle Donne, la donna nelle comunità indigene ha ottenuto diritti. ma ancora c'è molto da lottare per una completa emancipazione. 18 min.

info
coordinamento-toscano-zapatista@inventati.org

http://dignidad-rebelde.blogspot.com/
www.dada-tv.org/

le donne zapatiste..

http://www.narconews.com/images/women-ginna1.jpgle donne zapatiste.. "ci sono cose che si chiedono e cose che si impongono . Noi chiediamo le condizioni materiale minime . Noi non chiediamo che ci diano libertà e rispetto. La nostra libertà e dignità è qualcosa che imporremo, le riconoscono o no i compagni o il governo.."
dallo sperduto angolo del sud-est messicano, il Chiapas... le zapatiste chiamano le donne per l'8 marzo a Oventik http://www.globalproject.info/art-18898.html
Le leggi delle donne zapatiste
Dietro ai volti zapatisti coperti da passamontagna che il primo gennaio del 1994 dichiararono guerra al governo messicano, non c'erano solamente tratti maschili .
Con sorpresa di molti, dietro ai passamontagna c'erano le donne indigene, che oltre alla lotta armata ne combatterono un'altra, quella per il riconoscimento dei loro diritti.
Poco dopo la dichiarazione di guerra da parte dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, le notizie sulla sollevazione indigena confermarono il gran numero di donne che militavano e partecipavano al movimento.
Le donne avevano propri motivi per impugnare sia le armi di guerra che le armi della parola. Cercavano un modo di combattere le diverse forme di violenza nei confronti delle donne, forme di violenza che aumentano quando si parla di donne indigene.
Il da farsi non era facile e le donne zapatiste iniziarono a stabilire la forma e la base di un documento che potesse rispecchiare le loro richieste e le loro necessità.
Fu incaricata una donna indigena tzotzil, Susana, a viaggiare per le varie comunità e a parlare con le donne. Dopo quasi un anno di discussioni e consensi, nel marzo del 1993, il Comité Clandestino Revolucionario Indígena (CCRI) approvò la Legge Rivoluzionaria delle Donne (Ley Revolucionaria de Mujeres).
In una lettera indirizzata al giornalista Alvaro Cepeda Neri, del quotidiano La Jornada, il 26 gennaio del 1994, il Subcomandante Marcos scrive che il CCRI discuteva delle Leggi Rivoluzionarie, e all'interno di queste c'era la Legge delle donne: " A Susana toccò il compito di leggere le proposte che erano nate dalle idee di migliaia di donne indigene. Iniziò a leggere e più andava avanti con la lettura più l'assemblea diventava inquieta". Aggiunge inoltre: "Susana non si arrese e continuò a inveire contro tutto e tutti: non vogliamo che ci obblighino a sposarci con chi non vogliamo. Vogliamo avere i bambini che noi vogliamo e che possiamo accudire (…) Le leggi delle donne che Susana finiva di leggere erano per le Comunità una vera rivoluzione".
Occorre aggiungere che le Leggi Rivoluzionarie sono le leggi che regolamentano la vita degli zapatisti nelle comunità liberate.
Così la Legge Rivoluzionaria delle Donne fu pubblicata ne' El Despertador Mexicano, organo di informazione dell' EZLN, il primo dicembre del 1993, insieme con la Prima Dichiarazione dalla Selva Lacandona. Questi documenti uscirono anche, sullo stesso organo di informazione, il 1° gennaio del 1994, come parte del contesto più ampio delle leggi zapatiste.
Il testo che introduce gli articoli della legge dichiara che " nella giusta lotta per la liberazione del nostro popolo l'Esercito Zapatista include le donne nella lotta rivoluzionaria a prescindere dalla razza, dalla religione, dal colore della pelle o dalla appartenenza politica, con l'unico requisito che anche le donne facciano proprie le richieste del popolo sfruttato e mettano in pratica e facciano mettere in pratica le leggi e le regole della rivoluzione."Continuando poi così: " inoltre considerando la condizione delle donne lavoratrici in Messico, si includono le loro giuste richieste di uguaglianza e giustizia nella seguente Legge rivoluzionaria delle Donne"
La legge contiene dieci articoli:
1) Le donne, non importa la loro razza, la loro religione, la loro appartenenza politica, hanno diritto a partecipare alla lotta rivoluzionaria nel luogo e nel ruolo determinato dalla propria volontà e capacità.
2) Le donne hanno diritto ad un lavoro e ad un salario equo.
3) Le donne hanno il diritto di decidere il numero di figli che possono avere e possono accudire
4) Le donne hanno diritto a partecipare agli affari delle comunità e a ricoprire cariche se vengono elette liberamente e democraticamente.
5) Le donne e i loro figli hanno diritto alla prima assistenza per quel che riguarda la loro salute e alimentazione.
6) Le donne hanno diritto all'educazione.
7) Le donne hanno diritto a scegliere il proprio compagno e a non essere obbligate, con forza, a sposarsi.
8) Nessuna donna potrà essere colpita o maltrattata fisicamente né da famigliari né da estranei. I crimini di tentato stupro o stupro saranno seriamente puniti.
9) Le donne potranno ricoprire incarichi di direzione nell'organizzazione e avere ruoli militari nelle forze armate rivoluzionarie.
10) Le donne avranno tutti i diritti e tutti i doveri indicate dalle leggi e dalle regole rivoluzionarie.
Dopo la sua pubblicazione, la legge e' diventata un punto di riferimento per il movimento femminile messicano e un passo importante nel riconoscimento dei diritti delle donne indigene.
Oggi si sa che le donne rappresentano quasi il 45 per cento delle basi dell'Esercito Zapatista, ribellione indigena che ha le sue origini nelle Forze di Liberazione Nazionale, che quindici anni fa si è fatto conoscere con la presa di sette municipi nello stato del Chiapas.
Comunque, lo stesso subcomandante Marcos disse " il primo levantamiento (ribellione) del EZLN fu nel marzo del 1993 e lo diressero le donne zapatiste. Non ci furono perdite e vincemmo. Cose che succedono in queste terre"…

lunedì 2 marzo 2009

Le donne che lottano

 

La Jornada – Sabato 28 febbraio 2009

 

Los de Abajo

 

La festa delle donne che lottano

Gloria Muñoz Ramírez

 

Come ogni anno da ormai un quarto di secolo, le donne insurgentes e dei villaggi dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) si preparano a celebrare il Giorno Internazionale delle Donne che Lottano. I festeggiamenti si realizzeranno i giorni 7 e 8 marzo nel caracol di Oventik, la stessa regione nella quale questa settimana le autorità autonome zapatiste hanno denunciato pattugliamenti aerei e terrestri dell'Esercito federale, col pretesto di cercare coltivazioni di marijuana.

 

Non è un caso che in vista di un'imminente celebrazione zapatista il governo federale risponda con l'invio di aeroplani, elicotteri e camion pieni di soldati, malgrado nemmeno nei peggiori momenti delle ostilità militari siano riusciti a frenare una festa pacifica dell'EZLN. Anche così, non si può ignorare che sono incrementati i sorvoli negli Altos del Chiapas nelle settimane recenti e sono state rafforzate le mobilitazioni militari terrestri. Il pretesto è vecchio ed illegittimo, perché a questo punto "tutto il mondo sa che nei municipi autonomi ed in tutto il territorio zapatista è proibita la semina, il traffico ed il consumo di droghe e di altre attività illecite".

 

L'8 marzo è una data emblematica nelle terre zapatiste. Fu precisamente un Giorno Internazionale della Donna, di 15 anni fa, quando le insurgentas dell'EZLN si presenterano per la prima volta in una cerimonia di fronte ad un piccolo gruppo di giornalisti, in una notte stellata nella comunità tzeltal di Prado Payacal. Una festa intima durante la quale le insurgentas Irma ed Elena, tra molte altre, rivendicarono il ruolo della donna indigena nella lotta per la liberazione del loro popolo. Indossando i loro abiti multicolori, decine di donne, con i bambini in braccio, ascoltavano ed assentivano in silenzio.

 

Tre lustri dopo quell'umile celebrazione notturna, le bambine che pendevano dagli scialli delle madri vivono un'altra realtà. In così poco tempo sono state protagonise del risultato forse più importante e più difficile delle zapatiste: la rivendicazione dei loro diritti, sforzo che hanno visto concretizzato nella partecipazione di donne tzeltales, tzotziles, tojolabales, choles, mames e meticce nei diversi incarichi dell'autonomia, nei comandi del Comitato Clandestino e nelle file dell'esercito zapatista.

 

È per questo che, se le zapatiste non decideranno diversamente, questi 7 e 8 marzo ci sarà molto da festeggiare e riflettere. All'evento politico, culturale ed artistico "mamá Corral" parteciperanno donne dell'AltraCampagna e della Zezta Internazional.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



Governo assente nell'assistenza sanitaria in Chiapas

 
La Jornada – Domenica 1 marzo 2009

 

Non ci sono specialisti né letti, dice il responsabile della clinica nel caracol

Il governo è negligente per la mancanza di servizi medici in Chiapas

Hermann Bellinghausen

 

Oventic, Chis., 28 febbraio. Dall'ambulatorio principale della clinica La Guadalupana arriva il pianto intermittente ma intenso di un neonato, il crepitare acuto e fragile dei suoi polmoni. Esce, preoccupato, un medico, "cooperante" europeo, che lavora qui frequentemente. Parla col 'compagno', si consulta con due infermieri e rientra nell'ambulatorio. 

 

Un anziano ed un'anziana prendono sono seduti al sole, forse sono stati da poco operati; entrambi indossano le vestaglie azzurre dell'ospedale. Convalescenti e pazienti guardano il viale che attraversa il caracol, animato come sempre. Alle loro spalle un murales con grandi ritratti di Che Guevara ed Emiliano Zapata. Nel laboratorio di erboristeria due donne tzotziles imbottigliano delle sostanze in boccette semitrasparenti di plastica.

 

Dalla finestra della cucina attigua arrivano le canzoni e le voci zapatiste di Radio Amanecer del Pueblo. Sue due tavoli all'aperto, altri giovani indigeni fanno delle registrazioni: circondati da carte ascoltano le persone che di tanto in tanto li interpellano. 

 

Luis, responsabile di salute del caracol di Oventic e promotore da 15 anni, riceve il giornalista sulla terrazza dell'edificio dove ci sono aule e camere da letto per i promotori di tutti gli Altos. Inquieto, pallido.

 

- Questo bambino non riesce a respirare. Ha 20 giorni. Ha dei blocchi respiratori - spiega. La conversazione viene interrotta un paio di volte da altri promotori che lo informano in tzotzil sui preparativi di un'auto per il trasferimento. L'ambulanza di cui dispongono, ben equipaggiata, è in riparazione. Hanno dovuto arrangiare un veicolo da carico Nissan.

 

- Nella nostra zona degli Altos sono molti i problemi di salute. È sempre così nelle comunità indigene. Da parte del governo non ci sono stati cambiamenti reali riguardo all'assistenza. Non è migliorata. Spendono un mucchio di soldi, costruiscono edifici, riempiono le strade con ambulanze e fuoristrada per il trasferimento del loro personale. Ma quando la gente ne ha bisogno non ci sono medici, né personale, tanto meno medicine.

 

Sempre autocritico, Luis ammette che il servizio autonomo di salute è molto povero. "Ci mancano molte cose", dice. 

 

- Gli ospedali del malgoverno sono pieni di indigeni. Non ci sono letti, né specialisti, e dicono sempre che il paziente non è grave, anche se lo è. Se ha bisogno di ulteriori analisi, la vedono come un'impossibilità.

 

A volte la clinica di Oventic conta su medici volontari e sull'appoggio di chirurghi, ma in generale si basa su proprie risorse. "Nell'assistenza alle nostre comunità, con le nostre piccole conoscenze, ci prendiamo cura dei malati e diamo istruzioni alle famiglie". Ed aggiunge:

 

- La denutrizione è un problema generale negli Altos. In alcune parti, non in questo municipio di San Andrés, c'è la tubercolosi. Nelle nostre comunità facciamo le vaccinazioni. E scopriamo i casi. 

 

Benché ripeta che "manca molto", riconosce che "prima c'erano più morti, con i nostri sforzi sono diminuiti". Smentisce quello che dicono quelli del "malgoverno" sulla salute delle comunità zapatiste: "Non dicono la verità".

 

Arriva un'infermiera per avvisarlo che è tutto pronto. Luis interrompe l'intervista, scende e sale al volante della Nissan. Sul sedile posteriore viaggia il bebè, minuto e scuro, in braccio ad una promotrice che aggiusta la mascherina che copre il viso del bimbo. Al suo fianco, la madre, non molto giovane, tenta di sorridere, senza riuscirci. Nella parte posteriore del rimorchio, sotto una tenda nera, il padre della creatura li seguirà fino all'ospedale civile di San Cristóbal de las Casas reggendo la grossa bombola di ossigeno collegata ai polmoni del figlio attraverso lo sportellino.

 

Intraprendono il viaggio il più velocemente possibile nella valle di Jovel. Più di un'ora tra le montagne e le incessanti curve. Fino all'ospedale nel centro di San Cristóbal. Luis si ferma all'entrata del pronto soccorso, scende dal veicolo ed insieme alla promotrice che porta il bambino entra nell'edificio, apre la porta senza esitazione e senza fermarsi allo sportello né chiedere permesso. Mettono il neonato su una barella e chiedono l'immediato intervento dei medici.

 

Li avvertono che non ci sono posti, né letti. I promotori zapatisti insistono con fermezza ed un medico finisce per dare loro ascolto. Luis non se ne va fino a che la sua compagna, aiutata da un'infermiera, mette il bambino nel respiratore. Allora esce in strada, parla con la madre in tzotzil. E poi mi dice, più tranquillo ma con i nervi ancora tesi:

 

- E' così ogni volta. Se non insistiamo noi, non ci assistono perché siamo indigeni, credono che non lo sappiamo, a loro non importa se i nostri malati muoiono. Se lasciamo fare a loro, sarà sempre troppo tardi, non hanno colpa, se ne lavano le mani.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)

_______________________________________________

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...