sabato 27 settembre 2008

Violan y asesinan a Marcella Sali Grace, internacionalista

Oaxaca de Juárez, Oaxaca.
Jueves 25 de septiembre.

¡Justicia para nuestra hermana Marcella Sali Grace!

Hermanos y hermanas.
Nuestros corazones están llenos de tristeza y rabia porque nuestra hermana Sali fue violada y asesinada brutalmente a 20 minutos de San José del Pacífico y hasta este momento la procuraduría de Oaxaca como es su costumbre no esta haciendo nada a pesar que existen testigos que dan indicios para identificar a los responsables.

Marcella Sali Grace nació en los Estados Unidos, con un corazón grande y solidario con las causas justas quien tenía muchas amigas y amigos porque siempre estaba dispuesta a ayudar, así con sus dotes de artista pintaba una manta o una pared o bailaba su danza árabe para sacar fondos para la lucha, o hacía sus conciertos con bandas de punks, o daba sus cursos de defensa personal a las mujeres pues conocía muy bien como los hombres las acosan, ésta era una de sus luchas, el que las mujeres fuéramos libres y respetadas, Sali estaba tan comprometida en la lucha que fue acompañante internacional de hermanos y hermanas que están siendo hostigadas por el mal gobierno de Ulises Ruiz Ortiz.

Desgraciadamente este 24 de septiembre fue encontrado el cuerpo de una mujer con las características físicas de Sali, en una cabaña deshabitada a veinte minutos de la población de San José del Pacífico y al momento en que un poblador fue a alimentar a unos perros que se encontraban por ahí, lo impresionó un olor fétido que provenía de dicha cabaña y dio aviso a las autoridades municipales de dicha población, los cuales procedieron a hacer el levantamiento del cuerpo que se encontraba ya en estado de putrefacción, y después de dichos sucesos, no se dio mas información a los pobladores.

El día de ayer se le dio aviso a la compañera Julieta Cruz (quien tenía conocimiento de que Sali se dirigía para dicho lugar), que una joven extranjera se encontraba en el anfiteatro de Miahuatlán, a donde ella se dirigió, en dónde reconoció el cuerpo de Sali debido a los tatuajes que tenía, ya que su rostro estaba irreconocible, la compañera supone que es debido a quemaduras, pues no se explica por qué el resto del cuerpo tiene daños visiblemente menores. Al momento en que pedimos el número de averiguación se nos fue negado al igual que los resultados de la necropsia, argumentándonos que debido a que no éramos familiares de la persona no se nos podría facilitar ningún dato.

Debido al trabajo solidario con la lucha popular del pueblo de Oaxaca, de otras luchas del mundo y contra el racismo en la frontera de México con Estados Unidos, en diversas ocasiones y a diferentes personas, Sali comentó que en Oaxaca, en fechas recientes sufría de persecución política y vigilancia. Esto nos hace pensar que su cobarde asesinato tiene relación con la represión generalizada a los movimientos sociales y dirigida particularmente a los observadores internacionales. Por esto mismo no descartamos que los actores intelectuales sean los mismos que ordenan la represión contra el pueblo de Oaxaca que lucha por justicia y libertad.

Ante estos hechos sangrientos, y por la brutal crueldad que ejercen sobre la compañera Sali, no dejamos de lado que puede ser un claro mensaje dirigido a todo el pueblo de Oaxaca, así como a los compañeros solidarios de diferentes partes del mundo; esto lo decimos basado en las recientes noticias que están circulando a nivel nacional e internacional, de que "los appistas son los que mataron al periodista norteamericano Bradley Roland Will" y como no hay justicia en Oaxaca, nos preocupa la distorsión de la información que pudiera interferir en la procuración de una verdadera justicia para nuestra compañera y la ya evidente lentitud burocrática con la que están tratando el caso las autoridades actualmente implicadas en la investigación.

Ante estos hechos lamentables EXIGIMOS:

La inmediata agilización de las investigaciones.

El esclarecimiento inmediato de los hechos.

El castigo a los asesinos intelectuales y materiales.

¡Justicia para nuestra hermana Marcella Sali Grace!

¡Basta de asesinatos, violencia y odio contra las mujeres que luchan por justicia!

Pedimos su adhesión (en el correo que se indica) a esta exigencia de justicia y a formar parte de las actividades urgentes para demandar el esclarecimiento de estos hechos cobardes.

rebeldiasentrelazadas@yahoo.com
Información: (01 951) 5178190 CIPO

VIERNES 25 DE SEPTIEMBRE

9:00 am Presencia en el Consulado de los Estados Unidos en Oaxaca
(Plaza Santo Domingo, Col. Centro. Oaxaca)

12:00 del medio día Mitin en la Procuraduría de Justicia del estado de Oaxaca: Para la exigencia de atraer el caso a la ciudad de Oaxaca y agilicen su trámite burocrático para la imparticiòn de justicia (Domicilio conocido, San Antonio de la Cal, Col. Experimental).

Firmas:
Encuentro de Mujeres Oaxaqueñas "Compartiendo Voces de Esperanza"
Colectivo Mujer Nueva
Consejo Indígena Popular de Oaxaca Ricardo Flores Magón
Voces Oaxaqueñas Construyendo Autonomía y Libertad
Colectivo Tod@s Somos Pres@s
Encuentro de Jóvenes en el Movimiento Social Oaxaqueño

mercoledì 17 settembre 2008

Fw: [Ezln-it] EZLN CONVOCA FESTIVAL FINE ANNO

 
COMUNICATO DEL COMITATO CLANDESTINO RIVOLUZIONARIO INDIGENO-COMANDANCIA GENERALE DELL'ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE.
COMMISSIONE SESTA-COMMISSIONE INTERGALATTICA DELL'EZLN.
MESSICO
15 E 16 SETTEMBRE 2008
 
A GLI/LE ADERENTI ALLA SESTA DICHIARAZIONE E ALL'ALTRA CAMPAGNA
A GLI/LE ADERENTI ALLA ZEZTA INTERNAZIONAL:
AL POPOLO DEL MESSICO:
AI POPOLI DEL MONDO:
COMPAGNE E COMPAGNI:
FRATELLI E SORELLE:
 
Di nuovo rivolgiamo la nostra parola. 
Questo vediamo, questo guardiamo. 
Questo giunge al nostro udito, arriva al nostro cuore scuro.
 
I.
Là in alto vogliono ripetere la loro storia. 
Vogliono tornare ad imporci il loro calendario di morte, la loro geografia di distruzione. 
Quando non ci sradicano dalle nostre radici, le distruggono. 
Ci rubano il lavoro, la forza. 
Lasciano senza persone, senza vita, i nostri mondi, la terra, le sue acque e tesori. 
Le città ci perseguitano ed espellono. 
I campi muoiono e ci fanno morire. 
E la menzogna si trasforma in governi e l'usurpazione l'arma i loro eserciti e poliziotti. 
Nel mondo siamo illegali, clandestini, indesiderati. 
Siamo perseguitat@. 
Donne, giovani, bambini, anziani muoiono in morte e muoiono in vita. 
E là in alto predicano la rassegnazione, la sconfitta, la claudicazione, l'abbandono per quelli in basso. 
Qua in basso restiamo senza niente. 
Solo rabbia. 
Solamente dignità.
Non c'è ascolto per il nostro dolore se non da chi è come noi. 
Non siamo nessuno. 
Siamo soli e solo con la nostra dignità e con la nostra rabbia. 
Rabbia e dignità sono i nostri ponti, i nostri linguaggi. 
Ascoltiamoci dunque, conosciamoci. 
Che il nostro coraggio cresca e si faccia speranza. 
Che la dignità sia di nuovo radice e nasca un altro mondo. 
Abbiamo visto ed ascoltato. 
Piccola è la nostra voce per fare da eco a questa parola, il nostro sguardo è piccolo per così tanta degna rabbia. 
Ancora dobbiamo vederci, guardarci, parlarci, ascoltarci. 
Siamo altri, altre, altro.
Se il mondo non ha un posto per noi, allora bisogna fare un altro mondo. 
Senza altri strumenti che la rabbia, senza altro materiale che la nostra dignità. 
Dobbiamo ancora incontrarci, conoscerci. 
Manca quello che manca…
 
II
A 3 anni dalla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona, l'EZLN ha fatto una riflessione collettiva, alimentata dall'orizzonte più ampio di quello che le/i nostr@ compagn@ dell'Altra Campagna in Messico e della Zezta Internazionale nel Mondo ci hanno regalato. 
Non è poco quello che abbiamo visto ed ascoltato, a volte direttamente, a volte nelle parole e negli sguardi degli altri, delle altre. 
Tanta è la rabbia che abbiamo toccato e tanta la dignità che abbiamo trovato, che pensiamo di essere ancora più piccoli di quello che credevamo. 
In Messico e nei 5 continenti abbiamo trovato quello che avevamo intuito quando abbiamo iniziato questo nostro sesto passo: c'è un altro mondo, c'è un'altra strada. 
Se la catastrofe che si avvicina si può impedire e l'umanità ha un'altra opportunità, sarà per quest@ altr@ che, in basso e a sinistra, non solo resistono, ma già abbozzano il profilo di un'altra cosa. 
Di qualcosa di diverso da quello che succede in alto.
Nell'impossibile geometria del Potere politico, i fondamentalismi si distribuiscono equamente: le destre tornano ultradestre e le sinistre istituzionali mutano nell'impossibile destra erudita. Chi si lamenta sulla stampa progressista del fatto che i fanatici della stampa opposta censurano, distorcono e calunniano il loro capo, a sua volta censura, distorce, calunnia e tace di fronte a qualsiasi altro movimento che non si piega al giudizio del capoccia, e senza pudore distribuiscono condanne ed assoluzioni al ritmo mediatico assurdo. Fanatici di una e dell'altra parte si disputano bugie travestite di verità ed i crimini valgono secondo il tempo mediatico che occupano. Ma tutto questo non è altro che il pallido riflesso di quello che succede nella politica.
Il disgusto di fronte al cinismo e l'incompetenza delle classi politiche tradizionali, si è trasformato in rabbia. A volte questa rabbia persegue la speranza di un cambiamento sulle stesse strade di sempre e si imbatte nella delusione che immobilizza o nella forza arbitraria che soffoca. Il nord confuso e brutale torna alle solite. Quando non fomenta frodi elettorali (come in Messico) promuove, incoraggia e finanzia colpi di Stato (come sta tentando ora in Bolivia e Venezuela). La guerra continua ad essere la sua diplomazia internazionale per eccellenza: Iraq ed Afghanistan bruciano ma, per la disperazione dell'alto, non si consumano.
Le imposizioni di egemonia ed omologazione su scala mondiale, trovano nelle nazioni, nelle regioni e nelle piccole località, gli apprendisti stregoni che tentano l'impossibile ritorno storico ad un passato dove il fanatismo era legge ed il dogma scienza. Nel frattempo, le classi politiche di governo hanno trovato nel mondo del teatro il travestimento adeguato per occultare il loro ingresso nel crimine organizzato.
Stanco di tanta avarizia, il pianeta comincia a presentare l'impagabile conto della sua distruzione. Ma anche le catastrofi "naturali" sono di classe e le sue stragi si fanno sentire soprattutto tra quelli che non hanno niente e non sono nessuno. Di fronte a questo, la stupidità del Potere non ha limiti: milioni e milioni di dollari sono impiegati per fabbricare nuove armi ed installare altre basi militari. Il Potere del capitale non si preoccupa di formare maestr@, medici, ingenier@, ma soldati. Non prepara costruttor@, ma altro distruttori. 
E chi si oppone a questo è perseguitat@, incarcerat@, assassinat@.
In Messico in prigione ci sono contadini che difendevano la loro terra (San Salvador Atenco); in Italia sono perseguiti e trattati come terroristi coloro che si oppongono all'installazione di basi militari; nella Francia di "libertà, uguaglianza e fraternità" gli esseri umani sono liberi, uguali e fratelli solo se lo dicono i documenti; in Grecia la gioventù è un vizio da sradicare; ed ancora in Messico, ma ora nella città con lo stesso nome, i giovani sono criminalizzati ed assassinati e non succede niente perché non rientra nell'agenda che in alto dettano quelli di una e dell'altra parte, mentre una consultazione legittima si trasforma nel penoso lavarsi le mani di un capo di governo assassino; nella Spagna della moderna Unione Europea si chiudono giornali e si criminalizza una lingua, il basco, pensando che uccidere la parola uccide chi la inalbera; nell'Asia tanto vicina, alle richieste campagnole si risponde con ingiustizie blindate; nella superba Unione Americana, nata dal sangue di immigranti, si perseguono ed uccidono gli/le altr@ colori che vi lavorano; nel lungo dolore che si chiama America Latina è disprezzato e umiliato il sangue scuro che la sostiene; nel Caribe ribelle, un paese, Cuba, deve sommare alla disgrazia naturale quella di un blocco imperiale che non è altro che un crimine impunito.
Ed in tutti gli angoli della geografia del mondo e tutti i giorni dei loro calendari, coloro che lavorano, coloro che fanno andare avanti le cose, sono spogliati, disprezzati, sfruttati, repressi. 
Ma ci sono anche volte, molte, tante, in cui ci strappano il sorriso, in cui le rabbie cercano le proprie strade, nuove, altre. Ed il "no" che si alza non solo resiste, ma comincia a proporre, a proporsi. 
Dalla nostra apparizione pubblica, orami quasi 15 anni fa, è stato nostro impegno l'essere ponte affinché le ribellioni passino da una parte all'altra. 
A volte ci siamo riusciti, a volte no. 
Ora vediamo e sentiamo non solo la ribelle resistenza che, sorella e compagna, continua ad essere al nostro fianco ed incoraggia i nostri passi. 
C'è ora qualcosa che prima non c'era, o che non riusciamo a vedere allora. 
C'è una rabbia creativa. 
Una rabbia che dipinge di tutti i colori le strade del basso e a sinistra nei cinque continenti…
 
III
PER TUTTO QUESTO, E COME PARTE DEGLI EVENTI IN OCCASIONE DEL 25 ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DELL'ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE, I 15 ANNI DELL'INIZIO DELLA GUERRA CONTRO L'OBLIO, IL QUINTO ANNO DELLE GIUNTE DI BUON GOVERNO ED IL TERZO ANNO DELL'ALTRA CAMPAGNA E DELLA ZEZTA INTERNAZIONALE, GLI UOMINI, DONNE, BAMBINI ED ANZIANI DELL'EZLN INVITIAMO TUTT@ I RIBELLI DEL MESSICO E DEL MONDO ALLA CELEBRAZIONE DEL
PRIMO FESTIVAL MONDIALE DELLA RABBIA DEGNA
DAL TEMA:
UN ALTRO MONDO, UN ALTRO CAMMINO: IN BASSO E A SINISTRA
CHE SI SVOLGERÀ NELLE SEGUENTI SEDI E DATE:
NELL'ALTRA CITTÀ DEL MESSICO, DISTRITO FEDERAL, I GIORNI 26, 27, 28 E 29 DICEMBRE 2008. NELLA STRUTTURA DELL'ASSOCIAZIONE LOS CHARROS REYES DI IZTAPALAPA, del Frente Popular Francisco Villa Independiente-UNOPII, avenida Guelatao # 50, Colonia Álvaro Obregón, Delegación Iztapalapa, vicino alla stazione Guelatao della metropolitana, dove si terrà l'esposizione. E NEL LOCALE DELLA UNÍOS, calle Dr. Carmona y Valle #32, colonia Doctores, vicino alla stazione Cuauhtemoc della metropolitana, dove si svolgeranno altre attività.

NEL CARACOL DI OVENTIK, CHIAPAS, SEDE DELLA GIUNTA DI BUON GOVERNO "CORAZÓN CÉNTRICO DE LOS ZAPATISTAS DELANTE DEL MUNDO", I GIORNI 31 DICEMBRE 2008 E PRIMO GENNAIO 2009.
NELLA CITTÀ DI SAN CRISTÓBAL DE LAS CASAS, CHIAPAS, I GIORNI 2, 3 E 4 GENNAIO 2009. NELLA SEDE DEL CIDECI, che si trova s Camino Real de San Juan Chamula s/n, Colonia Nueva Maravilla.
 
ALCUNI DEI SOTTO-TEMI DEL FESTIVAL SARANNO:
.- UN'ALTRA CAMPAGNA
.- UN'ALTRA POLITICA
.- UN'ALTRA CITTÀ
.- UN ALTRO MOVIMENTO SOCIALE
.- UN'ALTRA COMUNICAZIONE
.- UN'ALTRA STORIA
.- UN'ALTRA ARTE E UN'ALTRA CULTURA
.- UN'ALTRA SESSUALITÀ
 
IL FESTIVAL "UN ALTRO MONDO, UN ALTRO CAMMINO: IN BASSO E A SINISTRA", AVRÀ LE SEGUENTI CARATTERISTICHE:
1. - Nella sede di Città del Messico sarà installata una grande esposizione nazionale ed internazionale dove ogni lotta, ogni esperienza, ogni rabbia avrà un suo spazio dove potrà mostrare la sua lotta ed il suo coraggio. Affinché tutt@ possiamo guardarli, ascoltarli, conoscerli. 
2. - Nella sede in territorio zapatista, la dignità e la rabbia si faranno arte e cultura, musica e canto, perché la ribellione si balla. E con le parole il dolore si farà speranza. 
3. - Nella sede a San Cristóbal de las Casas, Chiapas, la parola andrà e verrà per far nascere altre parole e dare forza e ragione alla rabbia.
4.- I gruppi, collettivi ed organizzazioni nazionali ed internazionali che parteciperanno al festival saranno solo quelli invitati per tale scopo. Per questo, la Commissione Sesta dell'EZLN ha avviato consultazioni con organizzazioni politiche e sociali, così come con collettivi e gruppi anarchici e libertari, di comunicazione alternativa, di arte e cultura, di difesa dei diritti umani, di lavoratori e lavoratrici del sesso, con intellettuali attivisti sociali, con ex prigionier@ politic@, tutt@ aderenti alla Sesta Dichiarazione; e con gruppi, collettivi ed organizzazioni di altri paesi, tutt@ parte della Zezta Internazional. Dopo queste consultazioni si stabiliranno i criteri per gli inviti e le regole di partecipazione.
5. - Per le tavole rotonde e conferenze, l'EZLN inviterà organizzatori sociali, pensator@ e dirigenti di progetti anticapitalisti del Messico e del Mondo. La lista degli invitati sarà resa nota in seguito. 
6. - Ulteriori dettagli su come pensiamo sarà questo festival della degna rabbia saranno comunicati a tempo opportuno (cioè, quando avremo un'idea approssimativa della faccenda in cui vi stiamo cacciando). 
Per ora è tutto.
 
LIBERTÀ E GIUSTIZIA PER ATENCO!
Dalle montagne del Sudest Messicano.
Per il Comitato Clandestino Rivoluzionario Indigeno-Comando Generale dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.
Subcomandante Insurgente Marcos
Messico, Settembre 2008

(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" – Bergamo)


lunedì 15 settembre 2008

FW: [globalmeetingnetwork] DALLA SELVA LACANDONA ALLA SELVA DI CHIAIANO







Dalla Selva Lacandona alla Selva di Chiaiano

 

Siamo reduci dalla carovana internazionale che si è svolta nei territori zapatisti della Selva Lacandona, nel sud-est del Messico, nel mese di Agosto; per molti di noi era la prima volta che si andava in Chiapas e anche la prima volta che si vedeva, da vicino, il cuore profondo del processo di costruzione dell'autonomia zapatista.

 

Abbiamo visto come, con dignità, determinazione e consapevolezza, decine di migliaia di indigeni stanno cambiando il corso della loro vita, ribaltando una storia di 500 anni di dominazione e disconoscimento della propria identità, della propria cultura, della loro stessa esistenza. 

 

Abbiamo visto nei loro occhi la forza di essere comunità resistenti in lotta contro l'annientamento fisico,  l'espropriazione delle risorse naturali e per la difesa della terra e con essa la difesa della loro stessa vita.

 

Abbiamo visto come organizzano la loro vita ogni giorno, senza partiti e senza politici di professione, senza le istituzioni che sono lontane dai bisogni e dalle necessità di tutti e di ognuno.

 

Abbiamo visto come funziona la democrazia e la pratica del buon governo e abbiamo capito cosa realmente significa quella scritta che c'è all'ingresso di ogni villaggio e comunità:

 

Aquì Manda el Pueblo y el Gobierno Obedece

 (qui comanda il popolo e il governo obbedisce)

 

Ci hanno spiegato che le cose cambiano solo facendole dal basso, con l'autorganizzazione, che ogni cosa è decisa con il consenso di tutti e tutte nelle assemblee di comunità e che così facendo scelgono come vogliono vivere e organizzarsi.

 

Siamo tornati con la consapevolezza, ancora più forte, che debbano essere le comunità a decidere autonomamente della propria vita e del proprio destino.

 

Per questo, nel riportare i saluti delle comunità zapatiste in lotta, siamo a fianco delle comunità di Marano e Chiaiano contro gli interessi di chi vuole devastare il territorio e distruggere l'ambiente per fare una discarica nell'unico polmone verde di Napoli, a ridosso di centri abitati e ospedali, incurante della salute degli abitanti, negando l'evidenza di una scelta criminale e volendola imporre con la forza dei militari e la repressione poliziesca sui cittadini.

 

Saremo il 27 settembre a Chiaiano e Marano per dire che

 

il popolo comanda e che il governo deve obbedire

 

Ass. Ya Basta! Napoli – Partecipanti alla Carovana Internazionale di osservazione e solidarietà con le comunità zapatiste del Chiapas

 

Napoli, 15 sett.08

Ass. Ya Basta
Cooperazione Rebelde Napoli
tel.3357888115
Sostieni i progetti di solidarietà dell'Ass. Ya Basta
donando il tuo 5 x mille:
nel riquadro "sostegno al volontariato"
firma e scrivi il C.F. di YA BASTA 92128610281
 



Crea gli inviti, contatta i tuoi amici e condividi le foto. I tuoi Eventi sono Live!

sabato 13 settembre 2008

Fw: [Ezln-it] COMUNICATO EZLN .txt

 

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

COMMISSIONE SESTA DELL'EZLN

MESSICO

11 settembre 2008

Alle compagne, compagni e compagnei aderenti alla Sesta Dichiarazione, all'Altra Campagna ed alla Zezta Internacional:

A chi si senta chiamata, chiamato e chiamatao in causa:

Compas:

  Che cos'è questa cosa del "compagnei"? Qui pensiamo che in questo modo possiamo risolvere il problema della chiocciola, cioè del simbolo @ ed andare un po' più avanti. Perché, come diceva il defunto Elías Contreras, risulta che… Bene, sto iniziando un poco confuso. Riprendiamo:

Compas:

  Prima di tutto mandiamo i nostri saluti zapatisti. Scriviamo a tutte, tutti e tuttei per parlare un poco di quello che pensiamo (ovvero facciamo) come compagni di lotta quali siamo.

  Non è un solo pensiero, ma diversi. In effetti sì, è un solo pensiero, ma ne contiene molti, ovvero è un pensiero complesso. Cioè, Cioè vivace. E parlandolo e scrivendolo e discutendolo con voi è come si va sistemando e definendo. Dunque per prima cosa pensiamo di cominciare dal primo.

  Il primo pensiero sono i/le nostr@ compagn@ ingiustamente reclusi da quei primi giorni del mese di maggio del 2006, nella selvaggia repressione contro il popolo di San Salvador Atenco. Anche se alcun@ sono stati liberati, ancora ce ne sono altr@ che restano ingiustamente in carcere, tra loro il compagno Ignacio del Valle, del Fronte dei Popoli a Difesa della Terra. Citiamo lui non perché dimentichiamo o non conosciamo gli altri, ma perché il suo caso è emblematico dell'ingiustizia che è legge e istituzione in questo Messico agonizzante.

  Bene, tutt@ voi più o meno sapete quello che è successo, quindi vogliamo parlare con voi di quello che possiamo fare e faremo, come zapatisti, e con altr@ compagn@ che non sono zapatisti ma sono dell'Altra Campagna, ovvero compagne, compagni e compagnei.

  Fin dai primi giorni in cui i/le nostr@ compagn@ dell'Altra Campagna e del Fronte dei Popoli in Difesa della Terra furono presi in ostaggio dal governo federale (allora ed ora del Partito di Azione Nazionale) e dallo Stato del Messico(del PRI) ed incarcerat@ ingiustamente, un piccolo gruppo di uomini e donne dell'Altra Campagna installò un presidio davanti al carcere di Santiaguito.

  Con perseveranza e senza clamore, da allora questo presidio è stato mantenuto, prima davanti alla prigione di Santiaguito e poi, quando i/le nostr@ prigionier@ sono stati trasferiti, di fronte alla prigione di Molino de las Flores (sempre nello Stato del Messico). La loro rivendicazione era ed è quella di tutt@ quelli che fanno parte dell'Altra Campagna: libertà e giustizia per Atenco.

  Ma non solo. In questi 2 anni, ed in condizioni avverse, questo presidio ha fatto sapere a@ nostr@ compagn@ prigionier@ ed ai loro familiari che non erano né sono soli, che non dimentichiamo. 

  In questi più di 2 anni sono usciti decine di quest@ compagn@ prigionier@. Secondo il nostro pensiero, questo è stato grazie alle mobilitazioni realizzate in Messico e nel Mondo, al lavoro serio dei loro avvocati ed alla tenacia di questo piccolo gruppo di compagn@ che, senza avere l'attenzione dei mezzi di comunicazione (ma quella dei poliziotti federali, statali e municipali sì, che non hanno mai smesso di perseguitarl@ e minacciarl@), giorno e notte chiedono libertà e giustizia per Atenco.

  In questi più di 2 anni, è vero, alcun@ si sono ritirati o si sono allontanati dal presidio talea, ma un nucleo si mantiene costante ed è questo nucleo che fa sapere, in ogni momento, ai nostr@ prigionier@ che il nostro movimento non li abbandona né li lascerà soli. 

  Come tutti voi sapete, alcune settimane fa, quella farsa che è la giustizia legale messicana, ha emesso una nuova condanna che indigna contro i nostr@ compagn@ che si trovano nella prigione di Molino de las Flores e nel Carcere di Massima Sicurezza di La Palma (Almoloya), nello stato del Messico, infilando un altro anello alla già lunga catena di ingiustizie che pesa su quest@ compagn@.

  Fin da quel momento l'EZLN ha preso contatto con i/le compagn@ che mantenevano il presidio insieme ad alcuni gruppi, collettivi ed organizzazioni aderenti alla Sesta Dichiarazione e con alcun@ ex detenut@. Avevamo ed abbiamo il doppio obiettivo di rilanciare la Campagna Nazionale ed Internazionale per chiedere libertà e giustizia per Atenco, e mantenere un ponte costante con i/le nostr@ compagn@ prigionier@ affinché sappiano e sentano che qua c'è chi non dimentica. 

  Si trattava, quindi, non di una o varie azioni fugaci, bensì di qualcosa di più duraturo, costante ed efficace.

  Tra altre cose, come risultato di quei contatti e consultazioni, con divers@ individu@, gruppi, collettivi ed organizzazioni appartenenti all'Altra Campagna, abbiamo convenuto di RAFFORZARE, IN QUANTITÀ E QUALITÀ, IL PRESIDIO DI MOLINO DE LAS FLORES E TRASFORMARLO IN UNO SPAZIO DI INCONTRO DELL'ALTRA CAMPAGNA, OLTRE AD INVITARE, A LIVELLO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, A RINNOVARE LA CAMPAGNA PER LA LIBERAZIONE DEI NOSTR@ PIGIONIER@. 

  Così, abbiamo convenuto di garantire la presenza al presidio a rotazione, promuovere e partecipare ad attività politico-culturali in quello spazio e riprendere i contatti già avuti, in Messico e nel mondo, per coordinare nuove attività per chiedere giustizia.

  Con la RED NACIONAL CONTRA LA REPRESIÓN Y POR LA SOLIDARIDAD (formata principalmente da individu@, gruppi, collettivi ed organizzazioni dell'Altra Campagna), con la UNIÓN NACIONAL DE ORGANIZACIONES POPULARES DE IZQUIERDA INDEPENDIENTE (UNOPII), con la UNIDAD OBRERO Y SOCIALISTA (UNIOS), e con alcuni GRUPPI Y COLLETTIVI LIBERTARI, oltre a compagne e compagni che hanno appoggiato la Commissione Sesta dell'EZLN nell'Altra Campagna, è stato concordato un calendario di incontri ed attività che inizieranno il 16 settembre del 2008, data in cui si compiono 3 anni dall'avvio del nostro movimento.

  Per questa ragione vi scriviamo. Per invitarvi a partecipare al presidio di Molino de las Flores ed alle attività che lì si svolgeranno, e che, i nei vostri gruppi, collettivi, organizzazioni ed unità di lavoro locali, regionali e statali dell'Altra Campagna si propongano e realizzino azioni per chiedere libertà e giustizia per Atenco.

Compagnei, compagne e compagni:

Con questo piccolo sforzo vi invitiamo a dire insieme a noi, a ricordare a tutti, a ricordarci, che NON DIMENTICHIAMO… né i/le nostr@ prigionier@, né chi ha fatto loro questa ingiustizia. 

È tutto, compagni, compagne e compagnei. Presto vi trasmetteremo, in occasione del Terzo Anniversario dell'Altra Campagna (cioè il prossimo 16 settembre di questo anno) un'altra convocazione ad un'attività che forse vi interesserà. 

Bene. Salute e che l'altro riaffermi la sua esistenza.

LIBERTA' E GIUSTIZIA PER ATENCO!

Dalle Montagne del Sudest Messicano

Subcomandante Insurgente Marcos

Messico, Settembre 2008

(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" – Bergamo)


giovedì 11 settembre 2008

Fw: 20 e 21 settembre al csa intifada

 

Impronte di libertà
20 e 21 SETTEMBRe

al csa intifada  Due giorni di dibattiti  e festa contro
le politiche securitarie  e razziste del governo
Berlusconi.  Al fianco delle sorelle e dei fratelli migranti
PROGRAMMA
SABATO 20
ore 18.30 dibattito con
Lorenzo Bargellini Mov.Lotta x la casa Firenze
Mercedes Frias ex deputata di R.C
Andrea Barbara Orda precaria.
ore 19.30 aperitivo e inaugurazione del Bar
dalle 20 riapertura Osteria "Otro Mundo"
ORE23.30 HIP-HOP CONTRO IL RAZZISMO
a seguireDJ'SET AFRO REGGAE
DOMENICA 21
ore 18.00 Doppio triangolare di calcio
presso il campo del U.S. Ponte a Elsa
"diamo un calcio al razzismo"
ore 20.30  cous cous x tutti
ore 22.30  Teatro "STORIE CLANDESTINE"
di e con Saverio Tommasi
 

 

martedì 9 settembre 2008

Fw: [Ezln-it] Detenuti zapatisti chiedono revisione reale dei loro casi

 
 

I detenuti zapatisti chiedono un'analisi esaustiva dei loro casi

Denunciano che i procedimenti contro di loro sono pieni di falsità e reati fabbricati.

Hermann Bellinghausen

Pubblicato: 08/09/2008 16:14 – La Jornada

 

México, DF. I "prigionieri politici" de La Voz del Amate, aderenti all'Altra Campagna ed al Grupo Zapatista, tutti reclusi nel Cereso 14 di Cintalapa de Figueroa, Chiapas, hanno esortato le autorità statali che attualmente partecipano al tavolo di revisione dei loro procedimenti penali "a basarsi realmente su un'analisi esaustiva poiché i nostri procedimenti sono pieni di falsità e di reati fabbricati". 

Affermano che in molte occasioni sono stati obbligati a confessare "con torture fisiche e psicologiche".

Si tratta degli ultimi cinque "prigionieri politici" che restano a El Amate dopo sei mesi di proteste ed azioni pacifiche per chiedere la loro liberazione, compreso uno sciopero della fame durato più di un mese. 

Da marzo sono usciti di prigione circa 40 persone aderenti all'Altra Campagna dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) da quattro carceri del Chiapas. La maggioranza di loro, i familiari e compagni, hanno costituito l'organizzazione Voces Inocentes.

Nel frattempo, dal "luogo di resistenza in cui cerchiamo la giustizia attraverso la verità", la Voz del Amate annuncia: "Continueremo a chiedere la libertà incondizionata e ad aggiungerci alle istanze di libertà di tutti i detenuti politici e detenute politiche del paese". 

I componenti della Voz del Amate che restano in carcere sono Alberto Patishtán Gómez, Marcelino Díaz González, José Pérez Pérez, Miguel Gómez Gómez e Antonio Gómez Díaz.

 

(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" – Bergamo)


__________________________________________________

domenica 7 settembre 2008

Continua la solidarietà empolese e Toscana in Chiapas

[car2.jpg]
Continua la presenza del coordinamento toscano in sostegno alla lotta zapatista in chiapas.

Dopo aver partecipato alla Carovana Nazionale e Internazionale di Osservazione e Solidarietà con le Comunità Zapatiste del Chiapas, la delegazione del Coordinamento Toscano in Sostegno alla Lotta Zapatista ha proseguito il suo viaggio all'interno dei territori "ribelli", per recarsi nella zona Norte dove ha sede il Caracol di Roberto Barrios e nella zona de Los Altos che ospita il Caracol di Oventik.

Siamo andati al Caracol di Roberto Barrios insieme ad alcuni compagni della Curva Sud di Montevarchi che hanno consegnato un contributo economico raccolto durante delle iniziative in ricordo dei loro compagni Raffa e Pispolo. I soldi sono stati consegnati alla Giunta del Buon Governo. Questi soldi andranno a sostenere il sistema educativo autonomo zapatista di questa zona. In particolare la scuola secondaria (CCETAZ) che entrerà in funzione nei prossimi mesi. Il coordinamento toscano dallo scorso anno sostiene il sistema educativo autonomo del Caracol di Roberto Barrios, e già nel gennaio scorso avevamo contribuito economicamente (grazie anche alla collaborazione dell'Associazione Diversi/Uguali e del Comune di Bucine) all'acquisto di materiali per l'equipaggiamento della scuola.  La Giunta del Buon Governo oltre a ringraziarci calorosamente  ci ha informato come sono stati spegni i soldi consegnati a gennaio: acquisto di legna per fabbricare sedie e banchi per la futura scuola. Abbiamo anche avuto un incontro con i responsabili del sistema educativo autonomo, che ci hanno spiegato come sarà strutturata la scuola e messo al corrente di quello che ancora manca perchè possa entrare in funzione.
 
Lasciato Roberto Barrios ci siamo diretti verso il Caracol di Oventik. Qui abbiamo consegnato alla Giunta di Buon Governo il contributo economico che  un gruppo di ultras dell'Empoli, i Desperados,  aveva raccolto durante una festa  in ricordo di Emiliano, un compagno della curva scomparso alcuni anni fa. I soldi saranno impiegati per lo sviluppo della biblioteca situata nel Caracol, sede anche della scuola secondaria di questa regione.
Inoltre siamo stati anche nel Municipio Autonomo Ribelle Zapatista di San Juan de la Libertad per portare un contributo economico del coordinamento toscano. Questo municipio autonomo si trova all'interno della regione del Caracol di Oventik. Il consiglio municipale ci ha accolto con una cerimonia di benvenuto e poi abbiamo avuto una chicchierata con vari rappresentati dei vari livelli di autorita`della regione ribelle (consiglio municipale, giunta del buon governo, responsabili regionali). Il consiglio municipale autonomo ci ha mostrato la sua sede che hanno istallato nel 2005, perche`nel 1998 erano stati sgomberati dall'esercito federale messicano e per anni sono dovuti riunirsi in segreto. Ci hanno parlato dei progressi che stanno portando avanti nel piano dell'autonomia, con progetti di educazione e salute (scuole, farmacie e piccole cliniche). Il consiglio municipale dallo scorso anno e`presieduto una donna, che orgogliosa ci ha raccontato che il loro e`tuttora l'unico consiglio municipale autonomo della zona altos con una donna come presidente. Inoltre ci hanno invitato a continuare a sostenerli perche`la zona di San Juan de la Libertad e`una zona molto povera, di montagna dove le terre sono rocciose e poco fertili.
 
 coordinamento toscano in sostegno alla lotta zapatista
x info    coordinamento-toscano-zapatista@inventati.org 

mercoledì 3 settembre 2008

MESSICO IN GUERRA - PEGGIO DI COLOMBIA E IRAQ


Il Manifesto – 2 settembre 2008

 

MESSICO IN GUERRA - PEGGIO DI COLOMBIA E IRAQ: CON CALDERÓN GIÀ 5000 MORTI

L'«offensiva militarizzata» del governo contro la violenza e i sequestri, è solo una vuota messinscena (a cui i narcos hanno subito risposto con undici cadaveri decapitati e lasciati bene in vista), che non riesce a nascondere i legami del potere con il crimine organizzato. E dietro a tutto c'è sempre il nodo rovente della privatizzazione del petrolio

Gianni Proiettis

 

CITTÀ DEL MESSICO

È stato un fine settimana di grandi mobilitazioni in tutto il paese. Il sabato, la grande manifestazione serale ¡Iluminemos México! ha inondato il centro della capitale con un mare di lumini, che chiedevano la fine della violenza e della criminalità, ambedue rampanti. C'è voluto lo studio di una ong olandese - Ikv Pax Christi - per sapere in cifre che il Messico è campione mondiale di sequestri, in testa a Iraq e Colombia: settemila nel 2007, e con una stima di molto inferiore alla realtà, perché considera solo i casi denunciati e non include i cosiddetti sequestri-express, considerati come rapine. Da quando, venti mesi fa, il governo di Felipe Calderón ha imboccato il vicolo della «guerra alla criminalità organizzata», il risultato più appariscente sono i cinquemila morti che ha prodotto. E pochi giorni dopo il vertice sulla sicurezza a Palacio Naciona l con la partecipazione di tutti i governatori e il lancio di un programma straordinario, il ritrovamento, giovedì scorso, di undici decapitati alla periferia di Mérida, in Yucatán, non poteva essere un messaggio più esplicito. Patrocinata originalmente da una dozzina di associazioni civili fra cui primeggiava México unido contra la delincuencia, la manifestazione nazionale - perché non è stata solo nella capitale, ma in molte altre città - ha incarnato una richiesta di sicurezza che proviene dall'intera società messicana, di qualunque livello sociale. E in quel mare di gente vestita di bianco, che alcuni cronisti hanno descritto come «da classe media in su», ci si è accorti che c'era anche il popolo. «Non solo i ricchi hanno i loro cari sequestrati e passano per un calvario - dice la senatrice Rosario Ibarra -, ci sono anche i desaparecidos per mano dello Stato, per togliere di mezzo gli attivisti sociali. Sono più di trenta nell'anno e mezzo di Calderón." Strana manifestazione quella di sabato, a pensarci bene. Di quelle che mettono d'accordo greci e troiani. Il presidente Calderón avrebbe voluto mandare la sua adesione ma gli è stato fatto notare che, in quanto parte in causa, era meglio astenersi. Chi ha mandato la sua adesione senza mezzi termini è stato l'Epr, l' Ejercito Popular Revolucionario, che reclama la ricomparsa di due suoi dirigenti, arrestati l'anno scorso a Oaxaca e da allora desaparecidos. Fra i manifestanti, «c'erano anche i poveri», ha notato un cronista di El Universal, quotidiano della destra perbene. «Si no pueden, renuncien », se non siete capaci, dimettetevi. E' stato il padre di Fernando Martí, un adolescende sequestrato e assassinato dai rapitori, a lanciare per primo questo reclamo, che è dilagato come fuoco nella steppa. Mentre negli spot delle due onnipotenti tv private, Televisa e TvAzteca , è sempre il governo quello che trionfa, nelle ore precedenti alla manifestazione del sabato contro la delinquenza, sommando i rapporti provenienti dagli stati di Sonora, Durango, Chihuahua e Guerrero a quelli dello Yucatán, i ritrovamenti di cadaveri decapitati diventavano 19. E una serie di striscioni in vari stati con messaggi dei narcos alle autorità, accusando il governo Calderón di proteggere il Chapo Guzmán, uno dei grandi boss, e gli altri capi della droga. Ostinato nel non vedere che la sua «guerra alla criminalità» non solo non sta ottenendo i risultati voluti ma sta sprofondando il paese nel caos e nell'insicurezza, cattivo giocatore nel non riconoscere la superiorità economica e militare dei narcos , infiltrati a tutti i livelli, Calderón dimostra poco realismo e sta facendo crescere irragionevolmente i livelli di psicosi in tutta la società. A meno che non sia un effetto voluto, per poter militarizzare sempre di più le piazze in previsione delle future proteste. La domenica mattina, la piazza del monumento alla Revolución nella capitale - insieme alle piazze delle capitali statali - si è riempita del movimento che si riconosce in López Obrador e nella lotta contro i disegni di «riforma energetica» (la privatizzazione di Pemex) del governo. Il Frente Amplio Progresista , che riunisce il Prd, il Pt e Convergencia , ha presentato una sua proposta, che scaturisce dalla società civile attraverso accademici, tecnici e intellettuali. Questo nuovo disegno di riforma di Pemex, elaborato collettivamente si affianca così alla proposta del governo e a quella del Pri, che coincidono nello scorporo e privatizzazione il più possibile. Sostenuta da un referendum consultivo che ha fatto votare più di due milioni e mezzo di persone in difesa di Pemex, la proposta del popolo di sinistra va in senso diametralmente opposto, verso «una politica energetica di stato», come la chiama Amlo. Unico leader dell'opposizione a riunire moltitudini, López Obrador ha denunciato la compravendita di una nave petroliera che è costata a Pemex cinque volte il suo valore. Solo un esempio. Ci sono i contratti firmati dall'attuale ministro degli interni, Juan Camilo Mouriño, a nome delle sue aziende familiari, quando Felipe Calderón era ministro dell'energia. La trama degli interessi che lega il governo messicano e la famiglia Mouriño, insieme a una ristretta oligarchia, alla compagnia spagnola Repsol e al governo iberico ha cominciato ad affiorare mesi fa. Anzi, da quando Rodríguez Zapatero si congratulò con Calderón per una vittoria che l'istituto elettorale messicano non aveva ancora decretato. Nel suo intervento in piazza domenica mattina, Amlo si è riferito alla marcia contro la insicurezza del giorno prima, dicendo di condividerne il reclamo di pace e per la fine della violenza, ma di differire sull'analisi delle cause e sui rimedi. Le ragioni dell'insicurezza che attraversa tutta la società sono da ricercare, secondo López Obrador, negli ultimi 25 anni senza crescita economica - in cui non c'è stato che lo sfogo dell'emigrazione illegale negli Stati uniti - e le soluzioni non sono certo più polizia, più carceri e pene più severe, come sostiene il governo del Pan. Amlo promette una resistenza dura ai piani di privatizzazione del governo, specie per settembre, mese delle «feste patrie» dell'indipendenza e del rientro parlamentare. Ma non vuole svelare le prossime forme di lotta per non dare un vantaggio strategico all'avversario. Il governo Calderón può vantare successi trionfali nei suoi spot, ma secondo la Cepal - la Commissione economica dell'Onu per l'America latina e i Caraibi - la crescita economica del Messico è la più bassa del contintente: solo il 2.5% all'anno, in confronto a una media latinoamericana del 4.7. In fatto di diritti umani, il Messico annaspa alle ultime posizioni, secondo Amnesty international e l'Onu. Preoccupa la tendenza a politicizzare la giustizia. A Ignacio del Valle, il popolare leader del Frente de Pueblos en Defensa de la Tierra di San Salvador Atenco, è stata aumentata la condanna da 67 a 112 anni di carcere solo per aver resistito ai progetti governativi di un aeroporto sulle terre della loro comunità. Sua figlia, América del Valle, è costretta a vivere in latitanza per quella che ha tutti gli aspetti di una vendetta di stato. Altri dirigenti del Fpdt sono rinchiusi in carcere con condanne fino a 30 anni. Ma gli atencos , noti a tutti per l'ostinata lotta in difesa delle proprie terre, sanno di costituire un modello e non si separano dai loro machete , che li hanno resi celebri.

 


lunedì 1 settembre 2008

Spari contro basi dell'EZLN di Olga Isabel

 
http://amolt.interfree.it/Messico/marcos.jpg

La JBG di Morelia denuncia le aggressioni contro i compagni basi di appoggio di K'an Akil, Municipio Autonomo Olga Isabel, ai quali hanno sparato.

 

Ai media indipendenti nazionali ed internazionali. 

Alle organizzazioni non governative nazionali ed internazionali. 

Agli aderenti dell'Altra Campagna nazionale ed internazionale. 

Ai fratelli solidali nazionali ed internazionali. 

Al popolo del Messico e del mondo. 

30 agosto 2008 

 

Compagne e compagni: 

 

Denunciamo quanto accaduto il giorno 29 agosto del presente anno, alle ore 10:30 del mattino. 

 

I nostri compagni stavano eseguendo misurazione su un terreno recuperato denominato K'an akil che si trova vicino ad un gruppo di aggressori paramilitari che appartengono alla nota organizzazione OPDDIC che vivono nella comunità Najchejeb. Si trova vicino anche ad un villaggio chiamato Sombra Baxil i cui abitanti si sono uniti all'aggressione. 

 

Noi stavamo misurando il terreno con atteggiamento pacifico senza aggredire nessuno, il terreno che stavamo misurando è completamente estraneo alla zona in cui vivono gli aggressori.

 

Una volta terminato di misurare il terreno di K'an akil, i nostri compagni basi di appoggio si accingenvano ad andarsene ed alcuni stavano già salendo sul camion per raggiungere la sede del municipio autonomo Olga Isabel quando sono stati sorpresi a colpi d'arma da fuoco. 

 

Come prima minaccia gli aggressori hanno sparato 6 pallottole con arma calibro 38 sparati ad una distanza di circa 300 metri. 

 

4 di loro indossavano divise tipo militare ed altri 4 avevano divise nere, e questo è avvenuto mentre i nostri compagni si accingevano a tornare nella sede del municipio autonomo Olga Isabel.

 

Questo gruppo paramilitare ha poi teso un'imboscata ai nostri compagni minacciando con spari di fucile calibro 20, carabine calibro 22 e pistole calibro 38, con machete, bastoni e pietre; all'imboscata partecipavano uomini, donne e bambini che hanno aggredito i nostri compagni. 

 

Per questa seconda aggressione del gruppo paramilitare non vediamo nessuna ragione, né il motivo perché noi, come municipi autonomi, non stiamo misurando terreni di proprietà altrui, ma solo terreni di nostri compagni su terre recuperate.

 

Questo secondo attacco ai nostri compagni è avvenuyo alle ore 11:00 del mattino sul tratto di strada da Chilón a Tzajalá (...). Uno dei nostri compagni di nome Mariano Pérez Guzmán di 43 anni, originario di K'an Akil, municipio autonomo Olga Isabel, è stato ferito all'addome da una pallottola.

E per la terza aggressione Mentre i nostri compagni tentavano di allontanarsi, è avvenuta una terza aggressione da parte di un altro gruppo sul lato nord, sulla strada fino all'incrocio Tzajalá-Yajalón.

 

I nomi delle persone che hanno usato armi da fuoco per uccidere i nostri compagni basi di appoggio, sono: Jorge Vilchis López, che lavora nell'ufficio opere pubbliche della giunta di Chilón, Chiapas, ed è il leader dei paramilitari. I suoi complici sono: Tomás Enzino, Juan Enzino, Alfonso Enzino, José Guzmán Pérez, Javier Jiménez Guzmán, José Alvaro, José Alfredo Pérez Vilchis, Mariano Espinoza Vilchis, José Vilchis López e César Mejía Vilchis. Questi sono coperti dalla legge del malgoverno federale, statale e municipale, ed abbiamo visto chiaramente che prima di agire hanno usato sostanze stupefacenti per farsi coraggio per ammazzarci. Non sono false accuse perché li abbiamo visti fumare la droga e poi assumere atteggiamenti aggressivi contro i nostri compagni.

 

Questi paramilitari hanno dimostrato di voler provocare uno scontro con la nostra organizzazione ma i nostri compagni non hanno risposto ed hanno solo sentito le pallottole passare tra i loroi piedi e rimbalzare sul terreno.  

 

Oggi 30 agosto 2008, alle 6:00 del mattino, sono proseguite le minacce contro i nostri compagni basi di appoggio zapatisti, con altri spari che si sono ripetuti alle 2:00 del pomeriggio. 

 

Mentre questo gruppo di aggressori sparava, il commissario di Muk'ul lum Bachajón convocava una riunione con le autorità di Najchejeb ed altri villaggi nella comunità…

 

Come JBG vi chiediamo di restare vigili e di essere uniti per lottare per la vita e lottare insieme contro la morte perché l'atteggiamento del malgoverno con i suoi gruppi paramilitari ci lancia messaggi di morte. Sappiamo che il governo vuole la morte di milioni di persone affinché pochi godano della ricchezza. 

 

Come municipi autonomi non permetteremo che un gruppo di persone armate leda la tranquillità della nostra società perché ferisce la tranquillità dei nostri compagni sparando pallottole senza motivo, senza nessuna ragione.

 

Respingiamo con fermezza queste minacce di morte con spari ai nostri compagni e riteniamo responsabili di quanto accaduto e di quello che accadrà il presunto governo di Felipe Calderón, il signor Juan Sabines Guerrero, governo statale, il signor Antonio Moreno López, presidente municipale di Chilón ed il suo gruppo di consiglieri comunali aggressori. Riteniamo inoltre resposnabile il signor Sebastián Luna López, commisaario ejidale di Muk'ul lum Bachajón della OPDDIC, Jerónimo Jiménez Aguilar del consiglio di vigilanza della OPDDIC, Urbano Sánchez, dirigente della OPDDIC, Carmen Sánchez Jiménez, agente ausiliare della OPDDIC, Mariano Sánchez Jiménez, membro della OPDDIC, Domingo López Gómez, leader della OPDDIC del villaggio Yaxte.

 

Tutte queste persone sono i diretti responsabili di quanto accaduto e di quanto può ancora accadere. 

 

Speriamo che i nostri fratelli e sorelle solidali nazionali ed internazionali vigilino sulle azioni che il malgoverno compie in maniera indiretta usando gli indigeni per lo scontro mentre fa i suoi piani per vendere la sovranità del nostro paese, il Messico. Inoltre ingannandoli offrendo loro poche briciole che servono solo a dividere i contadini affinché litighiamo tra noi; mentre lui se ne sta tranquillamente nel suo gabinetto a rubare la ricchezza della nazione ed appoggiando il gruppo paramilitare.

 

DISTINTAMENTE

La Giunta di Buon Governo

Corazón del Arco Iris de la Esperanza

Caracol 4, Morelia, Chiapas, Messico

 

(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" – Bergamo)


I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...