martedì 31 gennaio 2012

Copala: si interrompe la Carovana. Arrestato David Venegas

> Messico:
> Si rompe il dialogo a Copala. Arrestato il compagno David Venegas di VOCAL
> per Kaos. México
> Lunedì,
> 30 gennaio 2012
>
> Il falso discorso di pace e progresso
> pronunciato dal Governo dello Stato si manifestato questo 29 gennaio 2012,
> il rozzo tentativo di distrarre
> l'attenzione dalla violenza alla quale sono stati sottoposti gli abitanti
> del
> Municipio Autonomo di San Juan Copala con l'arresto del nostro compagno
> David
> Venegas Reyes, e l'accerchiamento di polizia e governo che ha impedito il
> ritorno degli Sfollati di San Juan Copala, si inseriscono in una chiara
> offensiva contro l'Autonomia di San Juan Copala.
>
> David Venegas Reyes è stato portato intorno
> alle 20:30 nell Quartier Generale della Segreteria di Pubblica Sicurezza a
> Santa María Coyotepec, dove è stato accusato di "danneggiamenti,
> aggressione e minacce a pubblico ufficiale", su denuncia di Eusebio
> Nicolás Hernández e Cielito Sánchez García, per essere poi trasferito
> negli
> uffici della Procura di Giustizia dello
> Stato nella cossiddetta Ciudad Judicial dove si trova attualmente.
>
> ****
>
> Di seguito 3 comunicati e una cronaca sulla
> Carovana a San Juan Copala. Dopo la rottura del dialogo con la detenzione
> di
> David Venegas, il governo ha ritirato la polizia e la Carovana si trova in
> una
> posizione molto vulnerabile in località La Sábana, bastione della UBISORT.
> Dicono che proseguiranno domani. Dopo diverse ore David Venegas è stato
> mostrato ma in questo momento è ancora detenuto.
>
> Due video del blocco della Carovana a 3 km da
> Yosoyuxi ( prima degli eventi di oggi)
> http://extraodelirio.blogspot.com/2012/01/rumbo-copala-bloqueo-en-la-salida-de-la.html
> http://extraodelirio.blogspot.com/2012/01/video-2-no-lo-pudimos-integrar-en-el.html
>
>
> Oaxaca de
> Juárez, 29 de enero de 2012 20:00 horas
>
> Exigimos
> la presentación de David Venegas Reyes
>
> Aproximadamente a
> las 15:50 horas de este domingo 29 de enero de 2012, nuestro compañero
> David
> Venegas Reyes fue arbitrariamente detenido por ordenes directas de Jesús
> Martínez Álvarez, Secretario General de Gobierno de Oaxaca; esto sucedió
> durante el acompañamiento que realizaba junto a otros y otras compañeras,
> de la
> caravana de retorno al Municipio Autónomo de San Juan Copala, encabezada
> por
> las mujeres desplazadas desde hace más de un año.
>
> Las primeras
> informaciones de esta tarde señalan que fue detenido aproximadamente a 20
> minutos de San Juan Copala, para luego ser llevado fuera de la zona donde
> permanece la Caravana de Desplazados, no sabiéndose el destino a donde fue
> llevado, por lo que hemos iniciado su búsqueda.
>
> A las 17:50 minutos
> nos presentamos en la Procuraduría de Justicia del Estado, específicamente
> en
> la oficina denominada Sub Procuraduría de Averiguaciones Previas del
> Gobierno
> del estado de Oaxaca, lugar donde se nos negó la existencia de alguna
> información que aclare el paradero de nuestro compañero, a la vez se
> acudió en
> la Ciudad de Huajuapan de León, población cercana a la región triqui;
> posteriormente se acudió a la sede de la Procuraduría de Justicia del
> Estado
> ubicada en la colonia Experimental a las 19:30 horas y al Cuartel General
> de la
> Secretaria de Seguridad Pública de Oaxaca para saber del paradero de David
> Venegas Reyes lugares donde tampoco existió ninguna información.
>
> Agregándose a estos
> hechos que se ha insistido ante diversas instancias de Derechos Humanos
> del
> Gobierno del estado para que realicen las gestiones correspondientes para
> su
> localización, petición que nos ha sido negada, por lo cual denunciamos la
> desaparición forzada de nuestro compañero David Venegas Reyes.
>
> En este contexto
> alertamos acerca de la tensa situación que existe en la región en estos
> momentos, ya que aún es incierta la entrada de los y las compañeras de San
> Juan
> Copala a su población.
>
> Este hecho se suma
> a la desbordada campaña por legitimar la impunidad en Oaxaca que el
> gobierno de
> Gabino Cue Monteagudo a montado desde los últimos días, para justificar
> las
> agresiones al Municipio Autónomo de San Juan Copala, esto demuestra que la
> paz
> no llegará a la región Triqui ni a Oaxaca, mientras sea el propio gobierno
> el
> que confronte y reprima a los pueblos es que solo luchan por su
> autodeterminación, impidiendo el regreso a sus hogares por la vía de la
> fuerza,
> difundiendo una paz inexistente cuando en los hechos es el propio gobierno
> del
> estado quien rompe las vías de diálogo y solución a la violencia cometida
> contra los habitantes del Municipio Autónomo de San Juan Copala.
>
>
> Responsabilizamos de esta detención y de la
> desaparición de David Venegas Reyes directamente a Gabino Cue Monteagudo y
> a
> Jesús Martínez Álvarez
>
> Exigimos la inmediata presentación con vida de
> David Venegas Reyes
>
> Voces Oaxaqueñas Construyendo Autonomía y
> Libertad (VOCAL)
>
> 29 de
> enero de 2012 10:47 pm
> Seguimiento del
> retorno a Copala y acerca de la detención de David Venegas Reyes.
>
> Concentración
> en apoyo a la Autonomía de San Juan Copala, lunes 30 de enero 5 pm en
> Catedral
>
> El falso discurso
> de paz y progreso pronunciado por el Gobierno del Estado, ha quedado en
> evidencia este 29 de enero de 2012, el burdo intento de distraer la
> atención de
> la violencia a la que han sido sometidos los habitantes del Municipio
> Autónomo
> de San Juan Copala por medio de la detención de nuestro compañero David
> Venegas
> Reyes, así como el cerco policiaco gubernamental que impidió el retorno de
> los
> y las Desplazadas de San Juan Copala se enmarcan en una clara ofensiva en
> contra de la Autonomía de San Juan Copala.
>
> David Venegas Reyes
> fue presentado alrededor de las 20:30 horas en las instalaciones del
> Cuartel
> General de la Secretaría de Seguridad Pública en Santa María Coyotepec, en
> donde supimos está siendo acusado de "daños, agresiones y amenazas contra
> funcionarios públicos", señalado por Eusebio Nicolás Hernández y Cielito
> Sánchez García, para después ser trasladado a las instalaciones de la
> Procuraduría de Justicia del Estado en la denominada Ciudad Judicial en
> donde
> permanece hasta el momento.
>
> Ante estos hechos y
> la crítica situación a la que han sido orilladas las y los compañeros del
> Municipio Autónomo de San Juan Copala, por las acciones del gobierno del
> estado
> ejecutadas este día, convocamos a una concentración a realizarse este día
> lunes
> 30 de enero 2012 a las 5 pm frente a Catedral.
> VOCAL
> ---------------
> Gobierno rompe el diálogo al detener a David Venegas
> Esta mañana del
> domingo 29 de enero de 2012, partimos en marcha de Yosoyuxi para avanzar
> hacia
> San Juan Copala, deteniéndonos nuevamente un aparato policiaco de más de
> 200
> granaderos como 3 kilómetros adelante.
>
> Funcionarios del gobierno se presentaron con la propuesta de que una
> representación de las y los desplazados se incorporaran a la asamblea que
> tendrían los que actualmente ocupan San Juan Copala, ya que ahí se
> decidiría
> como se haría el retorno.
>
>
> Los funcionarios propusieron una comisión de 10 compañeras y compañeros,
> mientras que las y los desplazados plantearon que fueran 20 además de
> garantizar que solo estuvieran gente originaria de la población y que se
> asegurara que no había gente armada de MULT_PUP, UBISORT-PRI en los
> alrededores.
>
>
> En esta situación estábamos cuando aproximadamente a las 2 pm detuvieron a
> David Venegas "Alebrije" por la policía, sorprendiendo a la marcha
> que ya rebasaba por las laderas el dispositivo policiaco.
>
>
> A Venegas lo golpearon a pesar de que mujeres del Municipio Autónomo
> intentaron
> defenderlo lanzando piedras a los policías. Los funcionarios chantajearon
> con
> la detención para que se aceptaran las condiciones planteadas por el
> Gobierno
> estatal.
>
>
> Los funcionarios han cortado toda comunicación y han retirado a la
> policía. La
> marcha-caravana se encuentra a 4 kilómetros de San Juan Copala, cerca del
> poblado de La Sabana, refugio de paramilitares de UBISORT, donde quedará
> estacionada para reanudar mañana el camino a Sann Juan Copala.
>
>
> Hacemos responsable al gobierno del estado de cualquier afectación a la
> integridad física y mental de los miembros de la marcha-caravana. Exigimos
> que
> a David Venegas, cuyo paradero se desconoce, se le libere de manera
> inmediata e
> incondicional.
>
>
> Hacemos un llamado para que se organice una caravana de solidarios desde
> el
> Distrito Federal, que salga este miércoles por la noche del plantón de
> Municipio Autónomo que se encuentra a un costado de la catedral
> metropolitana,
> en el zócalo.
>
>
> Comité por la Defensa y Justicia para el Municipio Autónomo de San
> Juan Copala y organizaciones solidarias con las y los desplazados del
> Municipio
> Autónomo de San Juan Copala
>
> --------------
> AL EJÉRCITO ZAPATISTA
> DE LIBERACIÓN NACIONAL
>
> A LA OTRA CAMPAÑA
> NACIONAL E INTERNACIONAL
>
> A LAS Y LOS
> TRABAJADORES DEL CAMPO Y LA CIUDAD
>
> Avanza la Caravana a
> San Juan Copala pero el gobierno del estado de Oaxaca abandona
> definitivamente
> su responsabilidad de garantizar la vida y la seguridad de las mujeres
> desplazadas que regresan en caravana
>
> Hoy domingo 29 de
> enero de 2012 la caravana de desplazadas y desplazados, integrantes del
> Municipio Autónomo de San Juan Copala y organizaciones solidarias
> amanecimos en
> la población de Yosoyuxi, de donde por la mañana partimos en marcha
> nuevamente
> hacia San Juan Copala.
>
> De nueva cuenta, un
> operativo policiaco compuesto de más de 200 granaderos nos impidió el paso
> a
> tres kilómetros de Yosoyuxi en camino a San Juan Copala. En el punto se
> presentaron funcionarios de tercer y cuarto nivel del gobierno de Oaxaca,
> quienes no habían participado antes en ninguno de los encuentros, además
> del
> Secretario de Asuntos Indígenas, Adelfo Regino quienes informaron que no
> permitirían el paso de la caravana hasta que los desplazados del Municipio
> Autónomo aceptaran su "propuesta" de que en lugar de el retorno de los
> desplazados,
> estos formaran una comisión de 10 representantes de las y los desplazados,
> para
> que se presenté en la "asamblea comunitaria" que estaba programada para
> este
> domingo en San Juan Copala.
>
> El Municipio Autónomo
> de San Juan Copala planteó que dada la arbitrariedad gubernamental, que
> les
> exige que los indígenas desplazados renuncien a participar en la asamblea
> de su
> propia comunidad, pero en un afán de avanzar en la solución del conflicto
> aceptarían el envío de una Comisión en la mencionada "asamblea
> comunitaria"
> previa al arribo que estuviera compuesta por 20 personas siempre y cuando
> se
> garantizaran las medidas de seguridad, exigiendo que sólo estuvieran
> pobladores
> de San Juan Copala y que se revisara y controlara la zona para evitar la
> presencia de paramilitares.
>
> Luego de varias
> horas, ante la incapacidad gubernamental, y en aras de la pronta solución
> del
> conflicto el MASJC aceptó que fueran las 10 personas que exigía el
> gobierno.
>
> Fue en ese momento,
> cuando la comisión de funcionarios de tercero y cuarto nivel, se quedaron
> sin
> argumento alguno para impedir el avance de la caravana que burlando el
> cerco
> policiaca seguía avanzando hasta La Sabana, cuando Eréndira Cruz Villegas
> ordenó por medio de Heriberto Cruz Ponce a la policía estatal la detención
> con
> lujo de violencia del compañero David Venegas (Alebrije) integrante de
> VOCAL,
> quien fue retirado del lugar golpeado, desconociendo hasta el momento su
> paradero.
>
> Una vez sin pretextos
> y con la provocación montada para atemorizar a la caravana las autoridades
> se
> retiraron desarticulando su propio bloque e ilegal bloqueo policiaco
> dejando a
> 122 desplazadas y cerca de 30 niños en La Sabana lugar de gran peligro
> pues fue
> en este lugar donde los paramilitares asesinaron a Jyri Jaakola y a Bety
> Cariño.
>
> Reiteramos que
> seguimos abiertos al diálogo en aras de encontrar una solución pacífica
> que
> permita el regreso digno de las familias desplazadas desde septiembre de
> 2010
> por los paramilitares que finalmente tomaron a sangre y fuego San Juan
> Copala.
> Manifestamos nuestro rechazo a la violencia con la que fue apresado el
> compañero David Venegas y demandamos su liberación inmediata e
> incondicional.
> Responsabilizamos al
> gobierno de Gabino Cue y al Gobierno Federal de nuestra seguridad y de la
> del
> compañero David.
>
> Hacemos un llamado a
> reforzar de inmediato la Caravana del retorno de los desplazados e
> informamos
> que el próximo miércoles primero de febrero a las 8 PM saldrá un autobús
> del
> Plantón de Zócalo del DF para garantizar por la sociedad civil la
> seguridad de
> la Caravana del retorno, ante la incapacidad del gobierno de Gabino Cue y
> su
> complicidad con los asesinos paramilitares.
> Mañana reanudaremos
> nuestro camino a San Juan Copala.
>
> Consejo Comunitario del Municipio Autónomo de San Juan
> Copala
> 29 de enero de 2012
>
> ------------
>
> Artículo de notilibertas con audios y fotos sobre la marcha y mitin en el
> DF el
> viernes pasado:
>
> http://notilibertas.blogspot.com/2012/01/mitin-de-solidaridad-con-la-caravana-de.html
>

venerdì 27 gennaio 2012

Rapporto annuale sui cartelli della droga messicaniprodotto da Stratfor

 

Un rapporto dei ricercatori Stratfor pubblica il bilancio di vittime della politica repressiva contro la droga, adottata dal presidente Felipe Calderòn nel 2006, anche con l'impiego dell'esercito: nel 2010 ci sono stati 15.273 morti violente
di Joseph Zarlingo
 
"Alla fine del 2011, los Zetas hanno eclissato il cartello di Sinaloa e sono diventati il più grande cartello del narcotraffico in termini di presenza geografica". L'analisi perentoria è contenuta nell'annuale rapporto sui cartelli della droga messicani prodotto da Stratfor, un think tank statunitense specializzato in temi relativi alla sicurezza e alla politica internazionale. Il rapporto è stato pubblicato online all'inizio di questa settimana e si apre con i dati agghiaccianti del bilancio di vittime della guerra alla droga, lanciata dal governo di Felipe Calderòn nel 2006, anche con l'impiego dell'esercito. Nel 2010, secondo i dati ufficiali del governo messicano, ci sono stati 15.273 morti violente connesse con la droga. Nel 2011 il bilancio potrebbe essere perfino più pesante: i dati ufficiali si fermano a settembre, e registrano nei primi nove mesi dell'anno appena concluso, 12.900 morti. Una media di 1400 al mese.

"Se la media mensile viene confermata anche nell'ultimo quarto dell'anno – scrivono gli uomini di Stratfor – nel 2011 si sarà raggiunta la cifra record di 17 mila morti". Sulla base di questi dati, nonostante i resoconti dei media e le dichiarazioni dello stesso governo messicano, i ricercatori di Stratfro concludono che "nel 2011 non c'è stato alcun declino sostanziale della violenza in Messico. Al contrario, anziché tornare entro livelli tollerabili, la violenza ha persistito anche se in qualche modo c'è stato uno slittamento geografico, con una diminuzione in alcune aree e città e un aumento in altre". E' il fronte della guerra che si sposta, anzi, delle guerre: quella del governo messicano contro i cartelli e quella dei cartelli tra loro. Spesso, le due guerre si intrecciano, sia per i livelli di corruzione all'interno delle forze dell'ordine messicane (la polizia soprattutto, ma anche l'esercito), sia perché un cartello approfitta dei "colpi" che subisce un altro. Il risultato di questo movimento, secondo il rapporto di Stratfor, è una "polarizzazione", che è diventata sempre più evidente nel corso del 2011.

Da una parte ci sono i cartelli minori (o quel che ne resta) che sarebbero stati "assorbiti" nella Federazione di Sinaloa, il cartello dominante nell'ovest del paese. Dall'altro lato, los Zetas, che controllano l'est del Messico. Los Zetas, stando al rapporto, sono oggi il cartello più capillare quanto a presenza geografica: su 32 stati della federazione messicana, il cartello di Sinaloa è presente in 16, mentre los Zetas in 17 (alcuni stati hanno entrambi). "Per quanto molto sia stato detto a proposito della fluidità delle alleanze dei cartelli messicani – precisano i ricercatori di Stratfor – queste due forze sono emerse come dominanti". Il processo di polarizzazione, che vede gli Zetas vincenti, è dovuto anche alle tattiche usate dai due "blocchi". I cartelli di Sinaloa preferirebbero usare la corruzione, con un ricorso alla violenza relativamente più raro, mentre gli Zetas (nati peraltro da un gruppo di ex militari) sono più inclini a usare il "plomo", il piombo, al posto della "plata", del denaro.

Il 2012 è anno elettorale in Messico e per Stratfor, il fallimento della guerra alla droga è ormai un peso politico troppo grande per le spalle del presidente Calderòn, che si è anche rivolto più volte agli Stati Uniti per assistenza tecnica e addestramento delle forze antidroga, senza che ciò producesse i risultati sperati. La cosa più preoccupante, oltre all'elevato numero di vittime – ormai quasi 50 mila in sei anni – è che la "guerra" si sta estendendo anche ad altri paesi centroamericani, che stanno scegliendo la stessa strada – l'impiego dell'esercito contro i cartelli – che in Messico ha prodotto l'escalation degli ultimi anni. Stratfor nota, nel paragrafo sulle previsioni per il 2012, che attesa la maggiore difficoltà di sbarco nel mercato statunitense, i cartelli messicani stanno espandendo la loro presenza sia in altri paesi latinoamericani che su altri mercati mondiali. In questo modo si accorcia la "filiera" degli intermediari e aumentano i profitti, sia dal punto di vista dell'approvvigionamento di materie prima, sia per i mercati di sbocco.

Persone legate ai cartelli sono state arrestate in vari paesi centroamericani, dal Costa Rica all'Honduras, mentre per i mercati "oltremare" quelli più promettenti, dal punto di vista dei narcos, sono l'Australia e l'Europa. Il rapporto Stratfor non lo dice, ma ormai molte indagini transnazionali hanno dimostrato che, per il mercato europeo la joint venture vincente è quella tra gli Zetas, la 'ndrangheta calabrese, con la logistica affidata alle reti del narcotraffico balcanico (Montenegro, Kossovo, Serbia), da dove arriva anche una parte delle armi usate per le stragi da Ciudad Juarez a Veracruz, fino ad Acapulco.

martedì 24 gennaio 2012

Frayba: Azione Urgente 01


 
 
San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, Messico
19 gennaio 2012
AU No. 01
 
Aggressioni contro famiglie simpatizzanti dell'EZLN da parte di un gruppo di priisti dell'ejido Banavil e detenzione arbitraria di Base di Appoggio dell'EZLN
 
Morte e sparizione forzata di indigeni tseltales
Sgombero forzato di quattro famiglie di Banavil, Tenejapa, Chiapas.
 
Secondo informazioni documentate a disposizione del Centro dei Diritti Umani, il 4 dicembre 2011, a Banavil, Tenejapa, un gruppo di elementi del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) hanno aggredito con le armi quattro famiglie simpatizzanti dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN).
Le aggressioni hanno avuto come risultato: la morte di Pedro Méndez López; la sparizione forzata di Alonso López Luna (d'ora in avanti Alonso); lo sgombero forzato di quattro famiglie accusate di essere simpatizzanti zapatisti; la detenzione di Lorenzo López Girón (d'ora in avanti Lorenzo) ferito da arma da fuoco ed accusato di lesioni aggravate; la detenzione arbitraria di Francisco Santiz López (d'ora in avanti Francisco) Base di Appoggio dell'EZLN (BAEZLN) che al momento dei fatti si trovava in altro luogo; e sei persone ferite.
Secondo le testimonianze, il 4 dicembre, alle ore 7:00 circa, in casa di Alonso si sono presentate Antonia Girón Gómez, Lucia López Ramírez ed Antonia López Pérez armate di pietre e bastoni, le quali hanno picchiato Alonso e la sua famiglia; poi, circa 50 uomini membri del PRI, hanno circondato la casa e portato via Alonso, tutti erano muniti di bastoni ed armi. Nel tentativo di difendere suo padre, Lorenzo è stato colpito da due proiettili al petto e all'inguine. Trasportato all'ospedale di San Cristobal de Las Casas, è stato fermato da poliziotti statali con l'accusa di lesioni aggravate.
Testimoni affermano che durante l'aggressione armata hanno portato via Alonso sanguinante. Ad oggi non si sa dove si trovi.
Secondo informazione dei testimoni, il 23 dicembre, nell'ejido Mercedes che confina con Banavil, è stato ritrovato un braccio che la famiglia assicura appartenere ad Alonso, poiché hanno riconosciuto una cicatrice su un dito. I giorni 26 e 28 dicembre, sul luogo del ritrovamento sono arrivati poliziotti statali, il pubblico ministero ed il giudice municipale per cercare il corpo, senza però trovarlo. La famiglia di Alonso aggiunge che non è stata fatta una ricerca adeguata.
D'altra parte, secondo la documentazione raccolta da questo Centro dei Diritti Umani, Francisco BAEZLN accusato di aver dato inizio alle aggressioni, è stato fermato arbitrariamente nel capoluogo municipale di Tenejapa, mentre lavorava nel suo negozio di frutta e verdura. Testimoni affermano che il giorno delle aggressioni non si trovava sul luogo dei fatti, per il quale è stato avviato un processo sommario presso il Tribunale Penale, con causa penale No. 177/2011, sul quale il giudice emetterà la sentenza il prossimo 21 gennaio 2012
Oltre a questo, attualmente, le false accuse e la violenza generata dal gruppo di cacicchi del PRI degli ejidos Banavil, Mercedes e Santa Rosa, del municipio di Tenejapa, hanno causato lo sfollamento forzato di quattro famiglie simpatizzanti dell'EZLN e la morte di Pedro Méndez López, membro del PRI.
Per quanto sopra esposto, e secondo la documentazione raccolta, questo Centro dei Diritti Umani guarda con preoccupazione le continue e sistematiche aggressioni contro le Basi di Appoggio e simpatizzanti dell'EZLN, che sono violazioni al diritto alla vita, all'integrità ed alla sicurezza personale, alla libertà, alla libertà di transito, di residenza, al diritto di non essere sfollato, tra gli altri, sulla base degli strumenti internazionali firmati e ratificati dal governo messicano.
 
Pertanto chiede al governo dello stato del Chiapas:
 
  • La ricerca e la presentazione in vita di Alonso López Luna, 
  • Il chiarimento e la punizione per la morte di Pedro Méndez López, 
  • La liberazione di Francisco Santiz López BAEZLN, poiché secondo accertate testimonianze non si trovava sul luogo al momento dei fatti, 
  • Adeguata assistenza medica a Lorenzo López Girón, 
  • Misure precauzionali e cautelari per le quattro famiglie sfollate forzatamente e di operare per il loro ritorno sicuro nella comunità di Banavil, 
  • Un'indagine imparziale, rapida ed esaustiva dei fatti accaduti il 4 dicembre 2011, 
  • La punizione ed il disarmo del gruppo di cacicchi del PRI che hanno aggredito il gruppo simpatizzante dell'EZLN.
 
Contesto:
Dal 2009 è in atto una persecuzione da parte del gruppo di cacicchi del PRI contro le famiglie simpatizzanti dell'EZLN, per il fatto di opporsi ad azioni arbitrarie commesse dai cacicchi stessi, come: esproprio di terre, disboscamento illegale, riscossione di imposte e cooperazioni arbitrarie, saccheggi, aggressioni fisiche, negazione del diritto all'educazione, tra gli altri, fatti che sono stati denunciati dalle vittime alle competenti istanze del governo che però le ignorano. Fino ad ora non c'è stata alcuna indagine efficace, né la punizione dei responsabili e le autorità non intervengono per risolvere la situazione, garantire la sicurezza legale e sociale nell'ejido Banavil.
 
***
 
Inviate la vostra protesta firmata (in fondo trovate email e testo in spagnolo) ai seguenti indirizzi:
 
Felipe de Jesús Calderón Hinojosa
Presidente de la República
Residencia Oficial de los Pinos, Casa Miguel Alemán
Col. San Miguel Chapultepec, C.P. 11850, México DF
Tel: (52.55) 2789.1100 Fax: (52.55) 5277.2376
Correo: felipe.calderon@presidencia.gob.mx
Cuenta de Twitter: @FelipeCalderon y @GobFed
 
Alejandro Poiré Romero
Secretario de Gobernación
Bucareli 99, 1er. Piso, Col. Juárez, Del. Cuauhtémoc,
C.P. 06600 México D.F. Fax: (52.55) 50933414;
Correo: secretario@segob.gob.mx, contacto@segob.gob.mx
Cuenta de Twitter: @SEGOB_mx
 
Juan José Sabines Guerrero
Gobernador Constitucional del Estado de Chiapas
Palacio de Gobierno del Estado de Chiapas, 1er Piso
Av. Central y Primera Oriente, Colonia Centro, C.P. 29009
Tuxtla Gutiérrez, Chiapas, México
Fax: +52 961 61 88088 ? + 52 961 6188056; Extensión 21120. 21122;
Correo: secparticular@chiapas.gob.mx
Cuenta de Twitter: @Juansabinesg y @gubernaturachis
 
Noé Castañón León
Secretario General de Gobierno del Estado de Chiapas
Palacio de Gobierno del Estado de Chiapas, 2do Piso
Av. Central y Primera Oriente, Colonia Centro, C.P. 29009
Tuxtla Gutiérrez, Chiapas, México
Conmutador: + 52 (961) 61 2-90-47, 61 8-74-60. Extensión: 20003;
Correo: secretario@secgobierno.chiapas.gob.mx
Cuenta de Twitter: @gobiernochiapas
 
Raciel López Salazar
Procuraduría General de Justicia de Chiapas
Libramiento Norte Y Rosa Del Oriente, No. 2010, Col. El Bosque
C.P. 29049 Tuxtla Gutiérrez, Chiapas
Conmutador: 01 (961) 6-17-23-00.
Teléfono: + 52 (961) 61 6-53-74, 61 6-53-76, 61 6-57-24, 61 6-34-50.
Correo: raciel.lopez@pgje.chiapas.gob.mx
Cuenta de Twitter: @pgjechiapas
 
Juan Gabriel Coutiño Gómez
Magistrado Presidente del Tribunal Superior de Justicia y
del Consejo de la Judicatura del Poder Judicial del Estado de Chiapas
Palacio de Justicia
Libramiento Norte Oriente No. 2100
Fracc. El Bosque, Tuxtla Gutiérrez, Chiapas
Teléfono: + 52 (961) 61 787 00 ext. 86 01
Teléfono directo: + 52 (961) 616 53 54
 
Lic Francisco Javier Plaza Ruíz
Juez del Ramo Penal
Carretera San Cristóbal ? Ocasingo Km. 20
CERSS No. 5, C.P 29200
San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, México
Tel: 967 6743021
Fax: 967 6743022
 
Enviar copia a:
Centro de Derechos Humanos Fray Bartolomé de Las Casas, A.C.
Calle Brasil 14, Barrio Méxicanos,
29240 San Cristóbal de Las Casas, Chiapas, México
Tel: 967 6787395, 967 6787396, Fax: 967 6783548
Correo: accionurgente@frayba.org.mx
Cuenta de Twitter: @CdhFrayba
 
Area de Sistematizacion e Incidencia / Comunicacion
Centro de Derechos Humanos Fray Bartolom? de Las Casas A.C.
Calle Brasil #14, Barrio Mexicanos,
San Crist?bal de Las Casas, Chiapas, M?xico
C?digo Postal: 29240
Tel +52 (967) 6787395, 6787396, 6783548
Fax +52 (967) 6783551
medios@frayba.org.mx
www.frayba.org.mx
 
Indirizzi ai quali inviare l'appello firmato:
Copia:
 
A:
Felipe de Jesús Calderón Hinojosa, Presidente de la República
Alejandro Poiré Romero, Secretario de Gobernación
Juan José Sabines Guerrero, Gobernador Constitucional del Estado de Chiapas
Noé Castañón León, Secretario General de Gobierno del Estado de Chiapas
Raciel López Salazar, Procuraduría General de Justicia de Chiapas
 
 
Italia, 24 de enero de 2012
 
- Agresiones a familias simpatizantes del EZLN por grupo de priístas del ejido Banavil y detención arbitraria a Base de Apoyo del EZLN
- Muerte y desaparición forzada de indígenas tseltales
- Desplazamiento forzado de cuatro familias de Banavil, Tenejapa, Chiapas.
 
Con referencia a los hechos ocurridos el 4 de diciembre de 2011, en Banavil, Tenejapa, cuando un grupo de integrantes del Partido Revolucionario Institucional (PRI) agredieron con armas de fuego a cuatro familias simpatizantes del Ejercito Zapatista de Liberación Nacional (EZLN), que tuvieron como resultado: la muerte del Sr. Pedro Méndez López; la desaparición forzada del Sr. Alonso López Luna; el desplazamiento forzado de cuatro familias acusadas de ser simpatizantes zapatistas; la detención del Sr. Lorenzo López Girón, quien fue herido por arma de fuego y acusado de lesiones calificadas; la detención arbitraria del Sr. Francisco Santiz López Base de Apoyo del EZLN (BAEZLN), que se encontraba en un lugar distinto a los hechos; y lesiones a seis personas más, exigimos al gobierno del estado de Chiapas:
  • La búsqueda y aparición con vida del Sr. Alonso López Luna,
  • El esclarecimiento y sanción por la muerte de Sr. Pedro Méndez López,
  • La libertad del Sr. Francisco Santiz López BAEZLN, debido a que se cuenta con información
  • confiable que no se encontraba en el lugar de los hechos,
  • Atención médica oportuna y adecuada al Sr. Lorenzo López Girón,
  • Medidas precautorias y cautelares a las cuatro familias desplazadas forzadamente e incidir a
  • su retorno seguro a la comunidad de Banavil,
  • Investigación, imparcial, pronta, sería, exhaustiva y oportuna de los hechos ocurridos el 4 de
  • diciembre de 2011,
  • Castigo y desarme del grupo caciquil del PRI que agredieron al grupo simpatizante del EZLN.
 
Atentamente
…………..
 
 

lunedì 23 gennaio 2012

Strategie governative per rubare la terra agli indigeni


La Jornada – Domenica 22 gennaio 2012
 
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 21 gennaio. Una decina di comunità tzeltales, tzotziles e choles, aderenti all'Altra Campagna, questo venerdì hanno dichiarato che in Chiapas "le strategie di furto del territorio rappresentate da Procede/Fanar contro la proprietà comunale ed ejidale sono state l'obiettivo fondamentale di Juan Sabines e di Felipe Calderón in questo sessennio".
Gli indigeni sostengono: "Con i megaprogetti per il presunto sviluppo sostenibile, le città rurali, il turismo ambientale, il Prodesis, la Strategia di Sviluppo degli Stati del Sud (EDES), approvati dalla Camera dei Deputati per implementare il corridoio biologico, turistico ed ecoarcheologico, si vogliono spopolare e ripopolare i territori indigeni, fino a realizzare una nuova Cancun in Chiapas, consolidando il Corridoio Biologico Mesoamericano per mettere in mani transnazionali tutta la ricchezza naturale delle nostre terre e territori".
Secondo gli abitanti di Zinacantán, Chilón, Venustiano Carranza, Ocosingo, Tenejapa, Teopisca e Villa las Rosas, questo spiega perché i partiti politici (PRI, PRD e PVEM) ed i tre livelli di governo "hanno ingrossato le fila dei tradizionali gruppi di scontro e paramilitari come Paz y Justicia, Uciaf e Orcao, che oggi tengono sotto assedio e minaccia le basi di appoggio zapatiste nei cinque caracoles autonomi". Come dal 2010 succede in comunità dei cinque caracoles: San Marcos Avilés (Oventic), Nueva Purísima e Nuevo Paraíso (La Garrucha), San Patricio (Roberto Barrios), Patria Nueva e Mártires (Morelia), e Monte Redondo (La Realidad).
Secondo la ricercatrice della UNAM, Dolores Camacho, il Procede è stato "un fattore di conflitti in ejidos e tra organizzazioni". Nel 1995 iniziò la suddivisione dei terreni in ejidos e comunità, dopo la modifica dell'articolo 27 della Costituzione. "Tutte le organizzazioni indipendenti, e perfino la Confederazione Nazionale Contadina (CNC), non ci stanno ed impediscono la partenza del processo. Questo ha fatto sì che le nuove disposizioni non fossero applicate con la rapidità pensata".
Sono quindi nati conflitti per i tentativi di imposizione da parte di "piccoli gruppi alleati del governo". Le autorità agrarie ed i governi di tutti i livelli lanciarono campagne di convincimento sui commissari ejidali per ottenere il sostegno delle assemblee a favore del progetto, aggiunge Camacho nell'intervista. "Sotto pressione del PRI, la CNC promosse il programma, benché la gente non accettasse facilmente le decisioni prese dall'alto". C'era un termine stabilito per stabilire i confini. "Da qui iniziano pressioni e promesse".
Nel 2000, la Procura Agraria, il Tribunale Agrario e la delegazione della Riforma Agraria hanno fatto forti pressioni sugli indigeni per far accettare il Procede. "Organizzazioni prima vicine allo zapatismo come Orcao e Cioac, cercano di 'convincere' i loro affiliati a 'legalizzare' le loro terre, grazie a negoziazioni dei loro leader col nuovo governo di Pablo Salazar Mendiguchía". 
Questi "accordi" hanno modificato l'impegno delle organizzazioni filo-zapatiste "ed hanno favorito la lotta negli ejidos e nei territori recuperati congiuntamente con gli zapatisti insorti". Le basi di appoggio dell'EZLN hanno rispettato gli accordi precedenti e la loro Legge Agraria Rivoluzionaria; "le organizzazioni 'indipendenti' hanno preferito gestire la proprietà legale". Questo ha portato problemi interni che fino ad oggi hanno alimentato i conflitti, sostiene la ricercatrice.
"La poca chiarezza con la quale si è voluto risolvere il conflitto per la terra ha lasciato molti vuoti di cui approfittare per far scontrare gli zapatisti con le organizzazioni prima affini". La Legge Agraria Rivoluzionaria dispone che il recupero delle terre avvenga per riappropriarsi di un diritto della popolazione delle zone indigene violato storicamente. Secondo l'analista, per i non zapatisti la presa delle terre significa esercitare un diritto "proveniente dalle leggi che promuovono l'uso ed il possesso della terra in forma individuale". Nei territori zapatisti, "questo deve essere collettivo e preferibilmente destinato alla produzione di prodotti di base per il sostentamento delle comunità". http://www.jornada.unam.mx/2012/01/22/politica/021n1pol

Il governo amministra i conflitti tra gli indigeni percontrollare i loro territori


La Jornada – Lunedì 23 gennaio 2012
 
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis. 22 gennaio. Comunità e collettivi aderenti all'Altra Campagna hanno chiesto di fermare espropri, repressione e vessazione contro le comunità zapatiste. "Il governo vuole rompere i processi autonomistici dei popoli indigeni". I governi federale e statale "stanno portando avanti nel paese e nell'entità una guerra che genera saccheggio ambientale, privatizzazione delle risorse naturali, supersfruttamento del lavoro, esproprio del territorio e sterminio dei popoli, repressione, persecuzione, incarceramento ed omicidi per contenere le lotte sociali di resistenza alle sue politiche".
A San Patricio, comunità del municipio autonomo La Dignidad (ufficiale Sabanilla), "malgrado il governo di Juan Sabines avesse ricollocato nel rancho La Josefina (Palanque) il gruppo paramilitare dell'Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic), questo continua le sue vessazioni appoggiato dai poliziotti, su veicoli che fanno la ronda e controllano le basi zapatiste".
Nel pronunciamento si afferma che "il malgoverno crea ed amministra i conflitti tra le comunità per controllare i loro territori". È il caso degli ejidatarios tzeltales di San Sebastián Bachajón (Chilón) "che si oppongono alla privatizzazione della cabina di riscossione installata da loro stessi sulle terre che appartengono loro, all'ingresso delle cascate di Agua Azul (Tumbalá)".
Nel capoluogo municipale di Tila, "lo Stato vuole sottrarre 5 mila 405 ettari al popolo chol" per trasformare il suo luogo di culto - il santuario del signore di Tila - "in un grande centro turistico". La Procura Agraria ha tentato di "sostituire" l'assemblea generale degli ejidatarios per determinare l'uso delle loro terre comunali, sulle quali vige una risoluzione presidenziale ed un piano definitivo.
Nella colonia 24 de Mayo, sulle "terre recuperate" nel 1999 nel podere in cui c'era l'Istituto Nazionale Indigenista a San Cristóbal de las Casas, il tavolo direttivo di Chiapas Solidario, guidato da Juana López López, "ha promosso aggressioni, minacce di morte, esproprio di abitazioni e tagli del servizio di erogazione dell'elettricità" contro chi si oppone "ai molteplici abusi dei dirigenti ed alle alte tariffe imposte da loro, anche se non esistono contatori e la Commissione Federale dell'Elettricità non emette ricevute di pagamento".
In questo municipio "esiste una politica di esproprio delle terre recuperate" per favorire imprese turistiche ed immobiliari. Ad Utrilla e Los Arcos si promuove la vendita di proprietà ad ogni costo". Nel pronunciamento si denuncia anche la persecuzione contro gli artigiani dell'Altra Campagna nella piazza di Santo Domingo, "perché si oppongono al ricatto ed alla corruzione dei sindacati vicini alla presidenza municipale che promuovono l'adesione forzata alla CROM e favoriscono la repressione agli artigiani indigeni".
Si denuncia che "a causa della criminalizzazione delle lotte e della difesa dei diritti umani", persiste la persecuzione contro Nataniel Hernández Núñez, del Centro dei Diritti Umani Digna Ochoa, così come la persecuzione contro i suoi familiari e contro elementi del Centro nelle comunità del Consiglio Autonomo Regionale della Costa.
L'Altra Campagna chiede la liberazione dei suoi "prigionieri politici" Alberto Patishtán Gómez (trasferito a Guasave, Sinaloa) e Rosario Díaz Méndez, della Voz del Amate, così come di Pedro López Jiménez, Alfredo López Jiménez, Rosa López Díaz, Alejandro Díaz Santis, Juan Díaz López, Juan Collazo Jiménez, Enrique Gómez Hernández, Amílcar Méndez Núñez ed Elías Sánchez Gómez. http://www.jornada.unam.mx/2012/01/23/politica/022n1pol

Chiapas: cresce il rifiuto degli indios allaregolarizzazione della terra

 

La Jornada – Sabato 21 gennaio 2012
 
Hermann Bellinghausen. Inviato. El Porvenir, Chis., 20 gennaio. Sulla sierra del Chiapas cresce il rifiuto delle comunità al Programma di Certificazione dei Diritti Ejidali (Procede). Di fatto, in Chiapas è uno degli stati dove ha meno attecchito la certificazione. Adesso c'è una novità: agricoltori che erano entrati nel programma, ora ne vogliono uscire. Nell'ejido Cambil, del municipio El Porvenir, 233 ejidatarios hanno rinunciato al Procede. Che cosa succederà ora dopo queste diserzioni?
Il rifiuto degli ejidatarios di Cambil è indicativo di quello che succede sulla sierra del Chiapas, dove cresce anche il rifiuto al potenziale sfruttamento minerario ed agli sgomberi e spopolamenti come quello che si vuole effettuare a Motozintla ed in altre località, col pretesto che sono luoghi ad alto rischio di smottamenti per le inondazioni che hanno colpito la regione negli anni scorsi. Sui contadini aleggia il fantasma delle città rurali (attualmente se ne sta costruendo una a Jaltenango) come alternativa futura.
Nonostante le pressioni governative e dell'apparato priista a partire dal 1995, la resistenza al Procede è ancora forte. Nel 2006, al termine del periodo programmato per queste certificazioni, in Chiapas esisteva ancora un'alta percentuale di terre non regolarizzate. Agli inizi del 2007, il Registro Agrario Nazionale (RAN) annunciava la "regolarizzazione" dell'84% dei nuclei agrari, corrispondenti ad una superficie di 2 milioni 427 mila 716 ettari (59%), con il restante 41%, un milione 692 mila 38 ettari, in attesa di regolarizzazione.
Secondo la ricercatrice Dolores Camacho, del Programma di Ricerche Multidisciplinari su Mesoamerica e Sudest (Proimse) della UNAM),"i nuclei agrari regolarizzati sono piccoli; rappresentano solo la metà della superficie; questo spiega la preoccupazione dei governi al riguardo". Con l'intenzione di "risolvere" il contrattempo è stato creato il Fondo di Aiuto ai Nuclei Agrari senza Regolarizzare (FANAR), al quale si destineranno molte risorse per raggiungere l'obiettivo.
Il governo dello stato prevedeva di regolarizzare 278 mila ettari nel 2011, come aveva dichiarato Ernesto Gutiérrez Coello, delegato del RAN in Chiapas. Anche se in assenza di informazioni definitive, tutto indica che la meta non è stata raggiunta. Il FANAR offre aiuti a progetti produttivi. "Questo induce i leader di partito e commissari ejidali a premere sui contadini perché accettino, scatenando ulteriori conflitti per le diverse opinioni, perché questi sono sempre di più convinti di respingere il programma per paura di perdere le loro terre", sostiene Camacho.
Abitanti di villaggi intorno all'ejido di Santa María, nel municipio montano di Chicomuselo, denunciano che a novembre è stata scoperta una vena di bario in un podere di questo ejido. L'eventuale estrazione, sostengono, è promossa dall'ingegnere Pedro Palmas Echeverría e da Romeo Aguilar Méndez, che vorrebbero che gli ejidatarios si costituiscano in associazione civile "per potere sfruttare il minerale".
A dicembre è stata posta una lastra di cemento che recita testualmente: "P.P.D, lotto: 'la pera' Sup. 2180 hrs. Ag. Tuxtla Gtz. Chiapas. Exp. 109/00258". Le comunità di Chicomuselo presumono "che si riferisce al permesso di esplorazione". Ricordano che il governatore Juan Sabines Guerrero ha detto che "durante la sua amministrazione non autorizzerà più permessi di esplorazione e sfruttamento di miniere nel nostro stato", e gli chiedono di proseguire così.
Più di una decina di comunità dei municipi La Concordia, Chicomuselo e Socoltenango chiedono la cancellazione di ogni permesso di estrazione di minerali. Sostengono che "si metterebbero a grave rischio la nostra vita e quella dei nostri animali, si inquinerebbe l'ambiente e ci sarebbe maggiore scarsità di acqua", che è già grave per la mancanza di sorgenti. "Ci riforniamo dai pozzi che corrono il rischio di venire inquinati dai residui tossici".http://www.jornada.unam.mx/2012/01/21/politica/017n1pol

venerdì 20 gennaio 2012

Azione Urgente del Frayba contro le aggressioni deipriisti

> La Jornada – Venerdì 20 gennaio 2012
> Il
> Frayba chiede di fermare le aggressioni sistematiche dei priisti contro
> gli
> indigeni
> Hermann
> Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis. 19 gennaio. Un
> commerciante tzeltal, base di appoggio dell'Esercito Zapatista di
> Liberazione Nazionale (EZLN) del municipio ufficiale di Tenejapa, è stato
> rinchiuso nel carcere n. 5, accusato di essere responsabile dei fatti
> violenti
> avvenuti a dicembre nella comunità di Banavil, quando una cinquantina di
> elementi del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) hanno aggredito
> con le
> armi quattro famiglie simpatizzanti dell'EZLN cacciandole dalle loro case
> e dal
> villaggio.
> Il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de
> las Casas (Frayba) ha emesso oggi un'Azione Urgente, nella quale si
> afferma che
> "le aggressioni avvenute il 4 dicembre hanno avuto come risultato la morte
> di Pedro Méndez López (priista); la sparizione di Alonso López Luna; lo
> sfollamento di quattro famiglie 'accusate' di essere simpatizzanti
> zapatisti;
> la detenzione di Lorenzo López Girón, ferito gravemente ed accusato di
> lesioni
> aggravate; la detenzione arbitraria di Francisco Santiz López, base di
> appoggio
> dell'EZLN, che al momento dei fatti si trovava altrove, e sei persone
> ferite".
> Secondo le testimonianze raccolte dal Frayba,
> la mattina del giorno citato sono arrivate a casa di Alonso tre donne "con
> pietre e bastoni" che hanno picchiato lui e la sua famiglia. "Poi,
> circa 50 uomini del PRI hanno preso Alonso continuando a picchiarlo. Tutti
> avevano bastoni ed armi. Lorenzo, per difendere suo padre, oggi
> desaparecido, è stato colpito da colpi di
> arma da fuoco al petto e all'inguine".
> Trasportato all'ospedale di questa città,
> Lorenzo è stato fermato dai poliziotti statali. I testimoni affermano che
> durante l'aggressione armata i priisti hanno portato via Alonso chi
> continuava
> a sanguinare". Si ignora dove si trovi ora. Il 23 dicembre, nell'ejido
> Mercedes, che confina con Banavil, è stato trovato un braccio che la
> famiglia
> assicura che appartiene ad Alonso, poiché hanno riconosciuto una cicatrice
> su
> un dito. Poliziotti statali, il giudice municipale ed il pubblico
> ministero
> sono giunti sul luogo del ritrovamento i giorni 26 e 28, ma non si è
> trovato il
> corpo. La famiglia del desaparecido afferma che non hanno svolto "una
> ricerca adeguata".
> Francisco, lo zapatista accusato di aver dato
> inizio alle aggressioni, "è stato fermato arbitrariamente nel capoluogo
> municipale di Tenejapa, mentre lavorava nel suo negozio di frutta e
> verdura". Testimoni dei fatti "affermano che il giorno delle
> aggressioni non si trovava sul luogo dei fatti"; tuttavia, è stato fatto
> un processo sommario ed il giudice emetterà la sentenza nelle prossime
> ore.
> "Le false accuse e la violenza generata
> dal gruppo di cacicchi del PRI degli ejidos Banavil, Mercedes e Santa
> Rosa, a
> Tenejapa, hanno provocato lo sgombero forzato di quattro famiglie
> simpatizzanti
> dell'EZLN e la morte di un membro del PRI", riferisce l'organizzazione.
> Il Frayba sottolinea "le continue e
> sistematiche aggressioni alle basi zapatiste ed ai simpatizzanti
> dell'EZLN", e chiede al governo dello stato di cercare López Luna, di
> chiarire e punire la morte di Méndez López, la libertà di Santiz López,
> assistenza
> medica adeguata a López Girón, misure precauzionali e cautelari per il
> ritorno
> degli sfollati, una vera indagine dei fatti, così come disarmare e punire
> il
> gruppo dei cacicchi.
> Risalgono al 2009 le vessazioni contro i
> simpatizzanti dell'EZLN che si oppongono alle arbitrarietà dei cacicchi
> priisti: all'esproprio delle terre, al disboscamento illegale, alla
> riscossione
> di imposte e cooperazioni senza fondamento, alle perquisizioni, alle
> aggressioni fisiche, all'impedimento al diritto all'educazione, tra altri.
> Le vittime
> l'hanno denunciato davanti agli enti del governo che "non fanno
> nulla". Fino al momento, sottolinea il Frayba, "non esiste
> investigazione efficace né punizione dei responsabili, e le autorità non
> intervengono per risolvere la situazione né garantiscono la sicurezza
> giuridica
> e sociale a
> Banavil".http://www.jornada.unam.mx/2012/01/20/politica/020n1pol
> (Traduzione "Maribel" -
> Bergamo)
> >

mercoledì 18 gennaio 2012

Chiapas: di nascosto si scavano miniere

 

La Jornada – Mercoledì 18 gennaio 2012
 
Hermann Bellinghausen. Inviato. Ejido Honduras, Chis. 17 gennaio. La comunità Campo Aéreo, racchiusa tra le vallate ed i monti della sierra del Chiapas, avverte i passi, fino ad ora furtivi, dello sfruttamento minerario a cielo aperto. Senza autorizzazione alcuna, "di nascosto, sono uscite camionate di materiale, ma non lo permetteremo più", dice un ejidatario nella sua casa in una spianata a monte del fiume Vega de Guerrero.
Racconta che gli piace molto addestrare i cavalli da corsa, mentre guida i giornalisti tra la vegetazione, ad un paio di chilometri dal villaggio, attraverso un sentiero tracciato di recente da macchinario pesante, fino ad una cava circondata da rocce umide. "Dalle due alle tre del mattino da qui partono i camion carichi di roccia che poi scaricano su altri camion a Siltepec". Le rocce sono dure ma granuloso, verde smeraldo. "Sembrano di metallo", commenta l'ejidatario, membro della resistenza dell'Altra Campagna, come molti contadini dell'esteso municipio di Siltepec.
Gli ejidatarios hanno scoperto che il macchinario ed i camion appartengono all'impresa costruttrice di un certo Ing. Silva, ma sono convinti che si tratta della compagnia canadese Black Fire. "Pensiamo che in tutta questa regione esistano concessioni per le imprese minerarie, ma non c'è il consenso della popolazione". Ed elenca: Toquián, Las Nubes, Cruz de Piedra, Las Moras, Cumbre Ventana, Delicias, Campo Aéreo. Ed in queste comunità sono in resistenza. Al meno a Campo Aéreo è maggioritaria.
Nel vicino Chicomuselo ha già fatto apparizione Black Fire, portando a conflitti. Inoltre, Siltepec è sul confine col Guatemala, dove a pochi chilometri sono già attivi grandi progetti minerari, a Tacaná e Zacapa.
"Hanno convinto a vendere una proprietaria dell'ejido Honduras, ma non ha il nostro consenso". L'ejidatario racconta: "Ci offrono progetti di infrastrutture, di cui chiaramente ci sarebbe bisogno. Ma sappiamo che questo è solo un pretesto per inserirsi e poi avere concessioni per 50 anni". Dice di aver parlato poco tempo fa con il vescovo guatemalteco Álvaro Leonel Ramazzini, di San Marcos, un attivo oppositore alle miniere, e questi gli ha confidato: "Una volta che la gente firma, è la fine. Non firmate. Ne va del futuro che lascerete ai vostri figli".
Mostra una spaccatura tra le montagne, presumibilmente la vena mineraria attraverso il bosco. Poi indica un luogo, qualche chilometro a monte, con un altro buco di rocce verdi. Ci sono già state delle reazioni. A Las Nubes hanno bucato le gomme alle scavatrici dell'impresa.
"Immaginiamo cosa sarebbe la miniera a cielo aperto a Siltepec", dice l'ejidatario. "Dopo l'uragano Stan abbiamo visto che qui si possono verificare pesanti frane dalla montagna. Con esplosioni e scavi sarebbe molto peggio, si metterebbe in pericolo la vita di molta gente. Ed il cianuro che usano per il lavaggio delle rocce avvelena i fiumi".
Uno dei membri dell'organizzazione Luz y Fuerza del Pueblo che accompagna la visita denuncia che è minacciata la ricchezza di acqua e boschi, anche se le autorità dicono di proteggere l'ambiente. "Se un ejidatario abbatte un albero, lo mettono in prigione. Ma i commercianti di legname portano fuori illegalmente camionate di legno e nessuno dice niente. Nell'ejido Cruz de Piedra è già stato venduto un bosco, anche se Semarnat e Conafor l'hanno negato". Il deputato priista Roberto Albores Gleason ha dichiarato, da parte sua, che non esistono tali concessioni.
Hanno molto da perdere questi agricoltori anche se arrivano ad offrire fino a 5 milioni di pesos per le loro terre. A Cruz de Piedra per soli 100 mila pesos un commissario ejidale ha autorizzato la vendita di un bosco vergine. "Non crescono nemmeno i pini, ma solo alberi originario, dice la nostra guida. "Avevano promesso progetti federali che poi sono risultati essere falsi". Inoltre, la segheria prevista è bloccata per le proteste degli abitanti. http://www.jornada.unam.mx/2012/01/18/politica/016n1pol

martedì 17 gennaio 2012

A Siltepec chiudono i postriboli

 

La Jornada – Lunedì 16 gennaio 2012
Hermann Bellinghausen. Inviato. Siltepec, Chis., 15 gennaio. In questo municipio di montagna, racchiuso nella Sierra Madre del Chiapas, la popolazione ha deciso di mettere un freno ai postriboli e, per quanto possibile, all'alcool. Per il momento sono stati chiusi i bordelli El Cazador, La Cabaña, La Embajada, La Tablazón ed uno dei molti che operano clandestinamente: La Lamita. Altri clandestini, che si presentano come ristoranti o con facciate legali diverse, continuano a funzionare.
Un gruppo di appartenenti a Luz y Fuerza del Pueblo, organizzazione dell'Altra Campagna con forte presenza nelle comunità di Siltepec e del suo capoluogo municipale, racconta a La Jornada che tempo fa la popolazione aveva chiesto l'intervento della giurisdizione sanitaria del governo statale, perché i bordelli e l'alcolismo sono diventati il problema principale in questa regione, fondamentalmente rurale. "Il dottor Juan Gabriel, della giurisdizione, sulle prime non voleva farlo, ma quando ha visto che la gente si era unita, alla fine ha messo i sigilli", segnalano.
Essendo queste chiusure una domanda sentita dai locali, Luz y Fuerza del Pueblo ha trovato il sostegno della gente del quartiere Chihuahua, che "è stata costretta ad organizzarsi per conto suo" contro i postriboli nelle sue strade, molto rumorosi fino a tarda notte, oltre che frequente scenario di risse e spettacoli deplorevoli. L'educazione ed i servizi sanitari sono altre questioni pendenti (con gravi deficienze nella regione), il loro stato critico si manifesta concretamente nello scontento e nell'alcolismo, nelle risse notturne e nel traffico e uso di droga.
Gli abitanti di Siltepec organizzati nell'Altra Campagna segnalano che il sindaco priista Bellaner Pérez Anzueto non ha ascoltato le loro richieste. Per questo la popolazione ha preso l'iniziativa. Anche cosí, il problema dell'alcolismo è così acuto che lo stesso municipio ha dovuto stabilire il "proibizionismo" ("ley seca") nei giorni di domenica e limitare gli orari di vendita nel resto della settimana.
"Sappiamo che non si può facilmente proibire completamente l'alcool ed i postriboli, perché sono considerati legali", ammettono, "ma qui provocano gravi danni". La gente qui, aggiungono, "lavora nei campi, si alza presto; le risse, a volte con le armi, e gli scandali influiscono molto sulla vita di tutti ed il municipio non ha una polizia qualificata per affrontare queste situazioni; non è in grado di controllare nemmeno la vendita di birra".
Avendo la sua origine nella resistenza organizzata alle alte tariffe della Commissione Federale di Elettricità e da molti anni facente parte della rete statale aderente all'Altra Campagna, Luz y Fuerza del Pueblo di Siltepec è organizzata con i quartieri Las Nubes, Rincón del Bosque, Veracruz, 20 de Noviembre, Chihuahua e Toquiancito, e nelle comunità ed ejidos di Honduras, Buenos Aires, Soledad, Cruz de Piedra, Toquián ed altri.
Ora sono decisi a fermare le principali minacce alla loro vita comunitaria. Questo comprende lo sfruttamento minerario, la distruzione delle foreste e la cancellazione ufficiale dell'assistenza sanitaria. http://www.jornada.unam.mx/2012/01/16/politica/018n1pol

Gli sfollati di Cintalapa tolgono il presidio dallozocalo di San Cristobal


La Jornada – Sabato 14 gennaio 2012
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de Las Casas, Chis., 14 gennaio. Le famiglie degli indigeni sfollati degli ejidos di Busiljá e Cintalapa, Ocosingo, in presidio da 30 giorni nella piazza centrale di questa città per chiedere la libertà per i loro compagni Elías Sánchez Gómez ed Amílcar Méndez Núñez, rinchiusi nel carcere di Playas de Catazajá, e la restituzione in vita della minorenne Gabriela Sánchez Morales, hanno rimosso il presidio non avendo ottenuto alcuna risposta.
Inoltre, tutti sono stati privati della casa e della terra. Hanno inoltre rivelato che "il governo ha agito solo per garantire la massima protezione ai paramilitari" priisti che li hanno aggredito ed espulsi.
Gli indigeni del Frente de Ejidos Genaro Vázquez Rojas, aderenti all'Altra Campagna, denunciano "il carattere paramilitare" del governo di Juan Sabines Guerrero "che attraverso i diversi enti si è preoccupato di occultare le azioni del gruppo guidato da Herlindo López Pérez, Lorenzo Pérez Gutiérrez e Manuel Pérez Vázquez, che vogliono impossessarsi delle nostre terre; sono i responsabili del massacro nell'ejido Viejoo Velasco, nel 2006, e sono loro ad aver strappato le terre delle basi zapatiste della comunità 6 de Octubre, nel municipio autonomo Ricardo Flores Magón".
Denunciano che a "fornire protezione ed appoggi" ai paramilitari sono i pubblici ministeri (MP) di Ocosingo e Palenque, il Consiglio Statale dei Diritti Umani (CEDH), la Segreteria Generale di Governo e le autorità di Ocosingo.
Raccontarono eventi che non erano stati resi pubblici. Il 29 dicembre il procuratore del Chiapas, Raciel López Salazar, ed il vice-procuratore Néstor Escobar Roque sono andati a Palenque; "ad informare i paramilitari di Busiljá e Cintalapa che eravamo in presidio per chiedere la loro punizione".
I funzionari avrebbero detto che il governo non li avrebbe arrestati "perché sa che non è vero quello che dicono gli sfollati". Hanno quindi proposto loro di fare una deposizione davanti al Pubblico Ministero, quelli di Cintalapa con atto 770, e quelli di Busiljá con atto 326, sul sequestro della bambina Gabriela, di otto anni. Cinque di Cintalapa "hanno deposto" riguardo alle accuse di violenza, saccheggio, sequestro, estorsione, tortura e fabbricazione di reati. A quelli di Busiljá il procuratore ha chiesto della bimba rapita ed il commissario ha negato che la bambina fosse in suo possesso. "Se le cose stanno così, allora è una bugia quello che stanno dicendo", avrebbe detto il procuratore.
Lo stesso 29 dicembre, 10 elementi dell'Esercito sono entrati negli appezzamenti degli sfollati ed hanno interrogato le donne che stavano lì. Il giorno 30, inviati della CEDH - accompagnati da due poliziotti - "sono andati direttamente nella casa del paramilitare Benjamín Gómez Sánchez", dove la minorenne rapita è stata vista, ma ovviamente non era più lì. Poi si sono riuniti con le autorità dell'ejido. I funzionari hanno suggerito che le persone coinvolte nel rapimento della bambina "lasciassero la comunità". Mentre se ne stavano andando, si sono avvicinati alla casa di Nicolás Sánchez Gómez, compagno degli sfollati, "col pretesto di comprare delle banane", ed hanno fotografato le sue figlie.
"Il 3 gennaio a Palenque sono stati convocati 15 paramilitari di Cintalapa, trasportati su veicoli della polizia, per ratificare quello che avevano dichiarato ai procuratori: che loro non hanno commesso reati. Sappiamo che c'è stato un accordo tra i procuratori, il PM ed i paramilitari", sostengono gli sfollati.
L'8 gennaio, delegati della Segreteria di Governo e poliziotti statali si sono incontrati a Cintalapa con i priisti. "Il governo ha detto loro di non temere per il presidio degli sfollati". Così, nonostante le prove, nessun paramilitare è stato fermato.
Intanto, gli indigeni detenuti nella prigione n. 17 di Playas de Catazajá hanno iniziato uno sciopero della fame per chiedere la destituzione del direttore. In una breve dichiarazione hanno affermato che il funzionario viola i loro diritti; inoltre "comanda alle guardie di custodia di eseguire accurate perquisizioni: alle donne fanno abbassare la biancheria e le guardiane le toccano nelle parti intime". Giorni fa, un gruppo di detenuti della banda maras salvatruchas hanno picchiato tre reclusi e continuano a minacciarli. Gli scioperanti chiedono "la presenza del sottosegretario per dialogare e giungere ad un accordo, e speriamo che non ci siano rappresaglie, perché ci minacciano sempre di essere trasferiti in altre prigioni". http://www.jornada.unam.mx/2012/01/15/politica/019n1pol

sabato 14 gennaio 2012

Raúl Zibechi :America Latina: le sinistre e la fine del capitalismo

 

LE SINISTRE E LA FINE DEL CAPITALISMO

di Raúl Zibechi

L'attuale crisi mondiale sta frammentando il pianeta in regioni a tal punto che il sistema-mondo è prossimo ad una crescente disarticolazione. Uno degli effetti di questa crescente regionalizzazione del pianeta è che i processi politici, sociali ed economici non si manifestano più nello stesso modo in tutto il mondo e producono divergenze – in futuro, forse, biforcazioni – tra il centro e la periferia.

Per le forze antisistemiche questa disarticolazione globale rende impossibile il disegno di un'unica e sola strategia planetaria e inutili i tentativi di stabilire tattiche universali. Sebbene esistano ispirazioni comuni e obbiettivi generali condivisi, le diverse velocità che registra la transizione al postcapitalismo e le notevoli differenze tra i soggetti antisistemici minano possibili generalizzazioni.

Tuttavia ci sono due questioni rilevanti che riguardano le strategie in tutto il mondo. La prima è che il capitalismo non cadrà a pezzi né collasserà da solo, ma dovrà essere sconfitto dalle forze antisistemiche, siano movimenti di base orizzontali e comunitari, partiti più o meno gerarchici  incluso i governi di segno anticapitalista.

Parafrasando Walter Benjamin, bisognerebbe dire che niente è stato più deleterio per il movimento rivoluzionario quanto il credere che il capitalismo sarebbe caduto sotto il peso delle proprie "leve" interne, soprattutto di carattere economico. Il capitale venne al mondo avvolto da sangue e fango, come diceva Marx, e dovette attraversare una catastrofe demografica come quella prodotta dalla peste nera perché le popolazioni, paralizzate dalla paura, si sottomettessero non senza resistenze alla logica dell'accumulazione di capitale. È la gente che deve perdere la paura, come fanno gli zapatisti, per cominciare a ri-appropriarsi dei mezzi di produzione e di cambiamento, e costruire qualcosa di diverso.

La seconda questione è che la transizione ad una nuova società non sarà breve né avverrà in pochi decenni. Fino ad ora tutte le transizioni hanno richiesto secoli di enormi sofferenze, in società dove i meccanismi comunitari ponevano limiti alle ambizioni, dove la pressione demografica era molto minore e il potere di quelli in alto non assomigliava per niente a quello che oggi detiene l'uno per cento dei più ricchi.

In America Latina, negli ultimi tre decenni i movimenti antisistemici hanno inventato nuove strategie per cambiare le società e costruire un mondo nuovo. Esistono anche riflessioni e ragionamenti sull'azione collettiva che nei fatti divergono dalle vecchie teorie rivoluzionarie, sebbene sia evidente che non negano i concetti coniati dal movimento rivoluzionario in due secoli di storia. Nell'attuale congiuntura possiamo registrare tre fatti che impongono riflessioni diverse da quelle che stanno sviluppando le forze antisistemiche in altre regioni.

In primo luogo, l'unità delle sinistre è avanzata in forma notevole e in non pochi casi queste sono arrivate al governo. Almeno in Uruguay, in Bolivia e in Brasile l'unità delle sinistre è avanzata fin dove le era possibile. Certamente al di fuori di queste forze ci sono partiti di sinistra (soprattutto in Brasile), però questo non cambia il fatto fondamentale che l'unità è stata raggiunta. In altri paesi, come l'Argentina, parlare di unità della sinistra è dire molto poco.

La questione centrale è che le sinistre, più o meno unite, hanno dato quasi tutto quello che potevano dare al di là della valutazione che si possa fare sul loro operato. Gli otto governi sudamericani che possiamo definire di sinistra hanno migliorato la vita delle persone e diminuito le loro sofferenze, ma non sono avanzati nella costruzione di nuove società. Si tratta di constatare fatti e limiti strutturali che indicano che da quella strada non si può ottenere più di quanto conquistato.

In secondo luogo, in America Latina esistono embrioni, fondamenta o semi delle relazioni sociali che possono sostituire il capitalismo: milioni di persone vivono e lavorano nelle comunità indigene in ribellione, negli accampamenti dei contadini senza terra, nelle fabbriche recuperate dagli operai, nelle periferie auto-organizzate, e partecipano a migliaia di attività nate nella resistenza al neoliberismo e che si sono trasformate in spazi alternativi al modo di produzione dominante.

Terza cosa, le sofferenze generate dalla crisi sociale provocata dal neoliberismo nella regione sono state rallentate dalle iniziative di sopravvivenza create dai movimenti (dalle mense ai panifici popolari), prima che i governi usciti dalle elezioni si ispirassero alle stesse attività per promuovere programmi sociali. Queste iniziative sono state e sono ancora fondamentali per la resistenza e la creazione allo stesso tempo di alternative al sistema, dato che non solo riducono le sofferenze ma generano pratiche autonome dagli stati, dalle chiese e dai partiti.

Come segnala Immanuel Wallerstein ne La sinistra mondiale dopo il 2011, l'unità delle sinistre può sicuramente contribuire a far nascere un mondo nuovo e, allo stesso tempo, ridurre i dolori del parto. Ma in questa regione del modo buona parte di quei dolori non sono calati con le vittorie elettorali della sinistra. In Ecuador ci sono quasi 200 persone rinchiuse con l'accusa di terrorismo e sabotaggio per la loro opposizione alle miniere a cielo aperto. Tre militanti del Fronte Darío Santillán sono stati assassinati dalle mafie a Rosario, in quello che potrebbe essere l'inizio di una escalation contro i movimenti. Centinaia di migliaia sono gli sfollati dalle loro case in Brasile a causa della speculazione per la Coppa del Mondo del 2014. La lista è lunga e in continuo aumento.

L'unità della sinistra può essere positiva. Ma la battaglia per un mondo nuovo sarà molto più lunga della durata dei governi progressisti dell'America Latina e, soprattutto, si risolverà in spazi macchiati di sangue e fango.

(traduzione a cura di rebeldefc@autistici.org - http://www.caferebeldefc.org/)


fonte: http://www.jornada.unam.mx/2012/01/13/index.php?section=politica&article=027a2pol&partner=rss


__

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...