martedì 31 dicembre 2013

Subcomandante Marcos: Rewind 1 (2/2)

 

Carlos Salinas de Gortari sarà "il visionario che comprese che vendere la Nazione era, oltre ad un affare di famiglia (certo, intendendo come famiglia quella di sangue e quella politica), un atto di moderno patriottismo", e non il leader di una banda di traditori (non fatevi ingannare, nell'opposizione "matura e responsabile" ce ne sono divers@ che appoggiarono la riforma dell'articolo 27 della Costituzione, lo spartiacque della claudicazione dello Stato Nazionale in Messico);
Ernesto Zedillo Ponce de León non sarà "l'uomo di Stato" che portò la Nazione da una crisi ad un'altra peggiore (oltre ad essere uno degli autori intellettuali, insieme ad Emilio Chuayffet e Mario Renán Castillo, del massacro di Acteal), ma seppe tenere "le redini del paese" con un singolare senso dell'umorismo… per finire ad essere quello che è sempre stato: l'impiegato di una multinazionale;
Vicente Fox sarà la dimostrazione che il posto di presidente di una repubblica e di una filiale di bibite è intercambiabile… e che entrambi i posti possono essere occupati da inetti;
Felipe Calderón Hinojosa sarà un "presidente coraggioso" (perché altri morissero) e non uno psicopatico che rubò l'arma (la presidenza) per i suoi giochi di guerra… e che finì ad essere quello che era sempre stato: l'impiegato di una multinazionale;
Enrique Peña Nieto sarà un presidente colto e intelligente ("è ignorante e stupido ma abile", è il nuovo profilo che gli si costruisce nei capannelli degli analisti politici), e non un analfabeta funzionale (come dice il proverbio popolare: "ciò che natura non dà, Monex non compra")…?
Ah, le biografie. Non poche volte sono autobiografie, benché siano i discendenti (o i complici) a promuoverle e così addobbano il loro albero genealogico.
I criminali della classe politica messicana che hanno malgovernato queste terre continueranno ad essere, per coloro che subirono i loro eccessi, criminali impuni. Non importa quante righe si paghino sui media; né quanto si spenda in azioni spettacolari per le strade, sulla stampa scritta, in radio e televisione. Dai Díaz (Porfirio e Gustavo) ai Calderón e Peña, dai Castellanos e Sabines agli Albores e Velasco, è solo il succedersi (sulle reti sociali, perché sui media di massa sono sempre "persone responsabili e mature") della ridicola frivolezza dei "junior".
Ma il mondo è rotondo e nel continuo sali scendi dalla politica di sopra, si può passare, in poco tempo, dalla copertina di "Hola", a "RICERCATO: CRIMINALE PERICOLOSO"; dall'euforia del dicembre del TLC, al dopo sbornia dell'insurrezione zapatista; da "uomo dell'anno", allo "sciopero della fame" con acqua minerale di marca "chic" (inutile mio caro, perfino per le proteste ci sono classi sociali); dagli applausi per le brutte barzellette, al parricida putativo da concretarsi; dal nepotismo e la corruzione ornate di furberie, alle indagini per legami col narcotraffico; dalle divise militari taglia extra large, all'esilio pavido e macchiato di sangue; dall'euforia del dicembre di svendita a…
-*-
Con tutto questo e quello che segue, voglio dire che non si devono scrivere-leggere biografie? No, ma quello che fa girare la vecchia ruota della storia sono i collettivi, non gli individui… o individue. La storiografia si nutre di individualità; la storia impara dai popoli.
Voglio dire che non bisogna scrivere-studiare la storia? No, ma quello che dico è che è meglio farla nell'unico modo possibile, cioè, con altri ed organizzati.
Perché la ribellione, amici e nemici, quando è individuale è bella. Ma quando è collettiva ed organizzata è terribile e meravigliosa. La prima è materia di biografie, la seconda fa la storia.
-*-
Non con le parole abbracciamo i nostri compagni e compagne zapatisti, atei e credenti,
quelli che di notte si misero in spalla lo zaino e la storia,
quelli che afferrarono con le mani il lampo e il tuono,
quelli che indossarono gli stivali senza futuro,
quelli che si coprirono il volto e il nome,
quelli che, senza aspettarsi nulla in cambio, morirono nella lunga notte
affinché altri, tutti, tutte, in un'alba ancora da venire,
possano vedere il giorno come si deve fare,
ovvero, di fronte, in piedi e con lo sguardo e il cuore in alto.
Per loro né biografie né musei.
Per loro la nostra memoria e ribellione.
Per loro il nostro grido:
libertà! Libertà! LIBERTÀ!
Bene. Salve e che i nostri passi siano grandi come i nostri morti.
Il SupMarcos.


P.S. OVVIE ISTRUZIONI. - Ora siate così gentili da leggere, in calendario inverso, dal Rewind 1 al 3, e forse troverete il gatto-cane ed alcuni dubbi si chiariranno. E sì, siate certi che altre domande sorgeranno.
P.S. CHE SODDISFA, SOLLECITA, I MEZZI DI COMUNICAZIONE DI MASSA. - Ah! Commovente lo sforzo dei contras sui media di massa di tentare di fornire argomenti ai pochi lettori-ascoltatori-spettatori contras che gli rimangono. Ma, generosamente visto il periodo natalizio, vi mando alcuni tips affinché li usiate come materiale giornalistico:
- Se le condizioni delle comunità indigene zapatiste sono le stesse di 20 anni fa e non è progredito nulla nel loro livello di vita, perché l'EZLN - come fece nel 1994 con la stampa di massa - si "apre" con la escuelita affinché la gente del basso veda e conosca direttamente, SENZA INTERMEDIARI, quello che c'è qua?
E messo in "forma interrogativa", perché nello stesso periodo si è ridotto, in modo esponenziale, il numero di lettori-ascoltatori-spettatori dei mezzi di comunicazione di massa? Pst, pst, potete rispondere che non avete meno lettori-ascoltatori-spettatori - questo ridurrebbe la pubblicità ed il chayote -, ma che adesso siete più "selettivi".
- Voi chiedete "Che cosa ha fatto l'EZLN per le comunità indigene?" E noi rispondiamo con la testimonianza diretta di decine di migliaia di nostri compagni e compagne.
Ora voi, padroni e azionisti, direttori e capi, rispondete:
Che cosa avete fatto voi, in questi 20 anni, per i lavoratori dei media, uno dei settori più colpiti dal crimine patrocinato e incoraggiato dal regime che tanto adorate? Che cosa avete fatto per i giornalisti, le giornaliste minacciate, rapite ed assassinate? E per le loro famiglie? Che cosa avete fatto per migliorare le condizioni di vita di questi lavoratori? Gli avete aumentato lo stipendio per permettergli una vita degna e non dover vendere la loro parola o il loro silenzio sulla realtà? Avete creato le condizioni perché possano andare in pensione dopo aver lavorato degnamente per voi per anni? Gli avete dato la certezza del lavoro? Voglio dire, il lavoro di una o un reporter non dipende più dall'umore del capo redazione o dai "favori", sessuali o di altro tipo, che si chiedono a tutti i generi?
Che cosa avete fatto affinché l'essere lavoratore dei media sia un orgoglio che non costi la perdita della libertà o della vita per essere onesti?
Potete dire che il vostro lavoro è più rispettato da governanti e governati rispetto a 20 anni fa?
Che cosa avete fatto contro la censura imposta o tollerata? Potete dire che i vostri lettori-ascoltatori-telespettatori sono meglio informati di 20 anni fa? Potete dire che avete più credibilità di 20 anni fa? Potete dire che sopravvivete grazie ai vostri lettori-ascoltatori-spettatori e non grazie alla pubblicità, in maggior parte governativa?
Forza, rispondete ai vostri lavoratori e lettori-ascoltatori-spettatori, così come noi rispondiamo ai nostri compagni e compagne.
Oh, andiamo, non siate tristi. Non siamo gli unici sfuggiti al vostro ruolo di giudice e boia, a supplicare la vostra assoluzione e ricevere sempre la vostra condanna. C'è anche, per esempio, la realtà.
Bene di nove, o, meglio, di sessanta nove.
Il Sup che dice a se stesso che è meglio il pollice verso che il dito medio alzato.
È territorio zapatista, è Chiapas, è Messico, è America Latina, è la Terra. Ed è dicembre 2013, fa freddo come 20 anni fa e, come allora, oggi ci ripara una bandiera: quella della ribellione.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Guarda e ascolta i video che accompagnano questo testo.
In una delle scuole autonome zapatiste, bambini e bambine ballano durante una festa scolastica. http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=MNGbe_XtiOo
Di e da León Gieco: "El Desembarco". Attenzione alla lettera, perché "ci sono quelli che resistono e non si lamentano mai /… / non pretendiamo di vedere il cambiamento / solo aver lasciato qualcosa / sulla strada percorsa" http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=sgcxvL9sR6U
Joan Manuel Serrat con il suo "Sería Fantastic", che potrebbe ben essere un programma di lotta: "Sarebbe fantastico /… / che non perdessero sempre gli stessi / e che ereditassero i diseredati. / Sarebbe fantastico / che vincesse il migliore / e che la forza non fosse la ragione /… / Che tutto fosse come è comandato / e che non comandasse nessuno /…" http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=lzFsO_JjXGg
Hugh Laurie (forse lo conoscete come il dottor Gregory House, in un'interpretazione molto particolare del blues "Saint James Infirmary". Per quelli che muoioni in piedi. http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=WUz-WqUw4Ic




_______________________________________________

 

Subcomandante Marcos: Rewind 1 (1/2)

 

(Nel quale si riflette sulle/sugli assenti, le biografie, narra il primo incontro di Durito col Gatto-Cane, e parla di altri temi che non fanno al caso, o cosa, come detterà il post scriptum impertinente)
Novembre-Dicembre 2013
A me pare che abbiamo fatto molta confusione sulla questione della Vita e della
Morte. Mi sembra che quella che chiamano la mia ombra qui sulla terra, sia la mia
autentica sostanza. Mi pare che, guardando le cose spirituali, siamo
come ostriche che osservano il sole attraverso l'acqua e pensano che
l'acqua torbida sia la più fine delle atmosfere. Mi sembra che il mio corpo
non sia altro che le azioni del mio essere migliore. Di fatto, che si prenda il mio corpo
chiunque voglia, che se lo prenda, dico: non sono io.
Herman Melville "Moby Dick".

Da molto tempo sostengo che la maggioranza delle biografie non sono altro che una menzogna documentata, e a volte, non sempre, ben scritta. Il biografo medio ha una convinzione previa ed il margine di tolleranza è molto ridotto, se non inesistente. Con questa convinzione comincia a frugare nel puzzle di una vita che gli è estranea (per questo il suo interesse nel fare la biografia), e raccoglie i pezzi falsi che gli permettano di documentare la propria convinzione, non la vita recensita.
La cosa certa è che forse potremmo conoscere con certezza data e luogo di nascita, e, in alcuni casi, data e luogo di morte. Oltre a ciò, la maggior parte delle biografie dovrebbero rientrare nel genere dei "romanzi" o della "fantascienza".
Che cosa resta dunque di una vita? Tanto o pco, diciamo noi.
Tanto o poco, dipende dalla memoria.
O, piuttosto, dai frammenti che quella vita ha impresso nella memoria collettiva.
Se questo non vale per biografi ed editori, poco importa alla gente comune. Normalmente quello che realmente importa non appare sui mezzi di comunicazione, né si può misurare coi sondaggi.
Ergo, di una persona assente abbiamo solo pezzi arbitrari del complesso puzzle fatto di brandelli, squarci e propensioni che si conoscono come "vita".
Quindi, con questo inizio confuso, permettetemi di prendere qualcuno di questi pezzi frammentari per abbracciare ed abbracciarci per il passo che oggi ci manca e che ci è necessario…
-*-
Un concerto nel silenzio messicano. Don Juan Chávez Alonso, purépecha, zapatista e messicano, fa un gesto come per allontanare un insetto fastidioso. È la sua risposta alle scuse che gli porgo per uno dei miei rozzi spropositi. Siamo in territorio Cucapá, in mezzo ad un terreno sabbioso. In quelle coordinate geografiche e quando nel calendario è indicata la Sesta 2006 nel Nordovest del Messico, nella grande tenda da campeggio che usa come alloggio, Don Juan prende la chitarra e chiede se vogliamo ascoltare un pezzo che ha composto. Qualche accordo ed inizia un concerto che, letteralmente, narra l'insurrezione zapatista del primo gennaio 1994 fino alla presenza della Comandanta Ramona nella formazione del Congresso Nazionale Indigeno.
Poi il silenzio, come fosse una nota in più.
Un silenzio nel quale tacevano a voce alta i nostri morti.
-*-
Anche nel nordest messicano, la follia sanguinaria del Potere tinge di assurdi ancora impuni il calendario del basso. 5 giugno 2009. L'avidità e il dispotismo governativi hanno dato fuoco ad un asilo infantile. Le vittime mortali, 49 bambini e bambine, sono gli effetti collaterali quando si distruggono archivi compromettenti. All'assurdo che siano i genitori a seppellire i figli, segue quello di una giustizia debole e corrotta: i responsabili non ricevono un mandato di cattura, bensì poltrone nel gabinetto del criminale che, sotto l'azzurro di Azione Nazionale, tenterà di occultare il bagno di sangue nel quale ha sommerso il paese intero.
Dove i biografi interrompono gli appunti "perché pochi anni di vita non sono redditizi", la storia del basso apre il suo quaderno di altri assurdi: con la sua ingiusta assenza, questi bimbi hanno partorito altri uomini e donne. Da allora, i loro genitori innalzano la domanda di giustizia più grande: che l'ingiustizia non si ripeta.
-*-
"Il problema con la vita è che alla fine ti uccide", avrebbe detto Durito, le cui fantastiche storie cavalleresche divertivano tanto la Chapis. Tuttavia lei avrebbe domandato, con quell'impertinente miscuglio di ingenuità e sincerità che sconcertava chi non la conosceva, "e perché un problema?". Don Durito de La Lacandona, scarabeo di origine e di mestiere cavaliere errante, avrebbe evitato di polemizzare con lei, dato che, secondo un presunto regolamento della cavalleria errante, non si deve contraddire una signora (soprattutto se la signora in questione ha buone conoscenze "molto in alto", aggiungeva Durito che sapeva che la Chapis era religiosa, suora, sorella, o come voi chiamate le donne che fanno della fede la loro vita e professione).
La Chapis non ci conosceva. Voglio dire, non come chi ci guarda da fuori e scrive su di noi, parla… o sparla (sapete bene quanto le mode siano passeggere). La Chapis era con noi. E lo era tempo prima che uno scarabeo impertinente si presentasse sulle montagne del sudest messicano e si dichiarasse cavaliere errante.
E forse a farla essere tra noi era che alla Chapis non sembrava inquietare tanto la faccenda della vita e della morte. Quell'atteggiamento tanto nostro, dei neozapatisti, in cui tutto si inverte e non è la morte che preoccupa ed occupa, ma la vita.
Ma la Chapis non era solo tra noi. È chiaro che fummo solo una parte del suo cammino. E se ora vi racconto qualcosa di lei non è per fornire appunti per la sua biografia, ma per dirvi quello che qua sentiamo. Perché la storia di questa credente, la sua storia con noi, è di quelle che fanno dubitare gli atei fanatici.
"La religione è l'oppio dei popoli"? Non lo so. Quello che so è che la spiegazione più brillante che ho sentito sulla distruzione e spopolamento che la globalizzazione neoliberale opera in un territorio, l'ha data non un teorico marxista-leninista-ateista-e-altri-ista, ma… un parroco cristiano, cattolico, apostolico e romano, aderente alla Sexta, e confinato dall'alto clero ("per pensare troppo", mi disse come chiedendo scusa) in uno dei deserti geografici dell'altopiano messicano.
-*-
Credo (forse mi sbaglio, non sarebbe la prima volta e, certamente, non sarà l'ultima) che molta gente, se non tutta, che si è avvicinata a quello che si conosce come neozapatismo, l'ha fatto cercando risposte a domande fatte nelle storie personali di ognuno, secondo il proprio calendario e geografia. E che ha indugiato solo l'indispensabile per trovare la risposta. Quando si sono accorti che la risposta era il monosillabo più problematico della storia, si sono voltati da un'altra parte ed hanno seguito quella direzione. Non importa quanto dicano e si dicano che continuano a stare qua: sono andati via. Qualcuno più velocemente di altri. E la maggioranza di loro non ci guardano, o lo fanno con la stessa distanza e sdegno intellettuale mostrati calendari prima che albeggiasse il gennaio del 1994.
Credo di averlo detto prima, in qualche altra missiva, non sono sicuro. Ma dico, o ribadisco, che quel pericoloso monosillabo è "tu". Così, minuscolo, perché questa risposta era ed è intima per ognuno. Ed ognuno la prende con rispettivo terrore.
Perché la lotta è collettiva, ma la decisione di lottare è individuale, personale, intima, come lo è quella di continuare o tentennare.
Voglio dire che le poche persone che sono rimaste (e non mi riferisco alla geografia ma al cuore) non hanno trovato questa risposta? No. Quello che cerco di dire è che la Chapis non venne a cercare quella risposta alla sua personale domanda. Lei già conosceva la risposta ed aveva fatto di quel "tu" la sua strada e meta: il suo essere credente e conseguente.
Molte altre, molti altri come lei, ma diversi, si sono risposti in altri calendari e geografie. Atei e credenti. Uomini, donne ed otroas di tutti i calendari. Sono quelli, quelle, ésoas, che sempre, vivi o morti, si pongono di fronte al Potere non come vittime, ma per sfidarlo con la multipla bandiera della sinistra del basso. Sono le nostre compagne, compagni e compañeroas… benché nella maggioranza dei casi né loro né noi lo sappiamo… non ancora.
Perché la ribellione, amici e nemici, non è patrimonio esclusivo dei neozapatisti. È dell'umanità. E questo è qualcosa che bisogna celebrare. Da tutte le parti, tutti i giorni e a tutte le ore. Perché anche la ribellione è celebrazione.
-*-
Non sono pochi né deboli i ponti che, da tutti gli angoli del pianeta Terra, sono stati lanciati fino a questi suoli e cieli. A volte con sguardi, a volte con parole, sempre con la nostra lotta, li abbiamo attraversati per abbracciare quell'uno altro che resiste e lotta.
Forse di questo e nient'altro si tratta "l'essere compagni": di attraversare ponti.
Come in questo abbraccio fatto lettere per le sorelle della Chapis alle quali, come a noi, manca e, come noi, hanno bisogno di lei.
-*-
"L'impunità, caro Matías, è qualcosa che solo la giustizia
può concedere; è la Giustizia che esercita l'ingiustizia".
Tomás Segovia, ne "Cartas Cabales".
Già prima ho detto che, secondo la mia umile opinione, ognuno è l'eroe o l'eroina della propria storia individuale. E che nel sedativo autocompiacimento di raccontare "questa è la mia storia personale", si pubblicano fatti e misfatti, si inventano le fantasie più incredibili, ed il narrare aneddoti somiglia troppo al fare i conti dell'avaro che ruba il non suo.
L'ancestrale affanno di trascendere la propria morte trova nelle biografie il sostituto dell'elisir dell'eterna giovinezza. Chiaro, anche nella discendenza. Ma la biografia è, per così dire, "più perfetta". Non si tratta di qualcuno a cui si somiglia, è "l'io" esteso nel tempo grazie alla "magia" della biografia.
Il biografo di sopra ricorre a documenti d'epoca, forse a testimonianze di familiari, amici o compagn@ della vita di cui la morte si appropria. I "documenti" hanno la stessa certezza delle previsioni meteorologiche e le testimonianze ovviano alla sottile separazione tra il "io credo che…" ed il "io so che…". E la "veridicità" della biografia si misura per la quantità di note a piè di pagina. Per le biografie vale la stessa regola delle fatture per spesa per "immagine" del governo: quanto più sono voluminose, tanto più sono corrette.
Attualmente, con internet, twitter, facebook ed equivalenti, i miti biografici smussano le loro fallacie e, voilà, si ricostruisce la storia di una vita, o suoi frammenti, che poco o niente hanno a che vedere con la storia reale. Ma non importa, perché la biografia è pubblicata, stampata, circola, è letta, citata, recitata… come la menzogna.
Controllate nelle moderne fonti documentali delle biografie future, cioè, Wikipedia ed i blog, Facebook ed i rispettivi "profili". Ora fate il confronto con la realtà:
Non vi fa rabbrividire pensare che, forse, in un futuro…
.........segue



 

domenica 29 dicembre 2013

Gloria Muñoz Ramírez: Dichiarazione di guerra

 
 

Los de Abajo


Gloria Muñoz Ramírez

Tutto è cominciato con una dichiarazione di guerra. L'ultima opzione, dissero, ma una guerra. Molti allora dissero che tutto fu simbolico, che le armi non importavano, che non si trattava di un esercito regolare, bensì di un gruppo di pezzenti con fucili di legno. Ma ci fu e c'è una guerra. Si presero allora sette città, si aprirono le porte delle prigioni stracolme di indigeni innocenti, si distrussero i palazzi municipali, simboli del potere e dell'ignominia; si recuperarono terre, proprietà e bestiame in possesso di proprietari terrieri e cacicchi; si disarmarono poliziotti e guardias blancas; si fece un prigioniero di guerra. E la morte che già c'era, diventò visibile.
20 anni non sono niente? Dipende. Ormai due decenni da che l'EZLN ha iniziato una strada che non fu mai pensata solo per loro. Formato in maggioranza da tzotzil, tzeltal, tojolabal, chol, zoque e mam, non nacque con rivendicazioni puramente indigene. Fin dal principio (novembre 1983 e perfino prima) si proposero la lotta nazionale. Nel 1983 l'EZLN si chiedeva, come faremo per ottenere buona salute, buona educazione, buona casa, per tutto il Messico? È un impegno troppo grande. E così lo vedevamo. In quei primi 10 anni acquisimmo molte conoscenze, esperienze, idee, modi di organizzarci. E pensavamo: come ci accoglierà il popolo del Messico (perché non lo chiamavamo società civile)? E pensavamo che ci avrebbero accolto con gioia perché lottiamo e moriamo per loro, perché vogliamo che ci siano libertà, democrazia e giustizia per tutti. Ma nello stesso tempo pensavamo, Come sarà? Se ci accetteranno? Ricordò alcuni anni fa l'attuale subcomandante Moisés, visionario e rivoluzionario capo tzeltal. Il momento arrivò il 1º gennaio 1994. La guerra sorprese il mondo. E l'irruzione di una società civile con la quale si incontrano da 20 anni.... Se c'è qualcosa da riconoscere al movimento, è la sua ostinazione a realizzare iniziative che benché non tutte di successo, la cosa importante è percorrerle, non arrendersi. Oggi gli zapatisti sono gli stessi e altri. Gli stessi perché le loro domande sono attuali quanto prima. Diversi perché gli anni non passano invano, non si compiono impunemente gli anni. Anche il Messico è altro ed è lo stesso. Il salinismo che li vide nel 1994 è quello che domina ora con un altro nome. Il saccheggio non finisce. Nessuno nega allo zapatismo di aver inferto il colpo più duro ad un sistema che inghiotte tutto. Il suo Ya Basta! fu demolitore. Continuano ad essere una lotta molto vigorosa in un mondo impantanato da negoziazioni affaristiche che svendono tutto.
L'organizzazione autonoma dei suoi popoli, unica al mondo in questa modalità, è uno dei loro più notevoli successi. Non l'unico. Limitare lì il lascito zapatista è non vedere la risonanza nazionale e mondiale di un movimento che arriva al suo 20° anniversario (30 dalla sua nascita) senza arrendersi. Qualcuno può dire la stessa cosa senza un po' di vergogna?



 

sabato 28 dicembre 2013

Aggressioni contro basi zapatiste a San Marcos Avilés.

 
-

La Jornada – Venerdì 27 dicembre 2013
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 26 dicembre. Basi di appoggio dell'EZLN della comunità San Marcos Avilés, a Chilón, denunciano aggressioni, esproprio di terre e minacce in corso dal 15 dicembre scorso da parte di gruppi filogovernativi: Abbiamo avuto pazienza, abbiamo sopportato e resistito a tutto il male che ci fanno i membri dei partiti di questa comunità. La pazienza ora è finita e diciamo basta! E' arrivato il momento di difenderci costi quel che costi, accada quel che accada.
Gli indigeni avvertono: Non permetteremo più che ci manchino di rispetto e ci neghino il diritto di vivere nella nostra comunità. A partire da questo momento riteniamo responsabili di tutto ciò che accadrà i tre livelli di governo ufficiale per non aver prestato attenzione all'accaduto.
Il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) ha ricevuto rapporti dalle brigate civili di osservazione internazionali su continue vessazioni, aggressioni, minacce di morte e sgomberi forzati contro gli zapatisti della comunità. E sottolinea che le autorità governative, invece di compiere il loro dovere di garantire l'integrità e la sicurezza personale degli abitanti e cercare una soluzione al conflitto, fino ad giorno la loro unica risposta è stata amministrare il conflitto.
Il Frayba ricorda che da tre anni la giunta di buon governo di Oventic e le basi zapatiste diSan Marcos Avilés hanno resistito agli attacchi del gruppo definito appartenente ai partiti, che ha compiuto azioni contro la scuola ed il progetto di autonomia zapatista con la copertura di funzionari di Chilón e del governo dello stato.
Il Frayba riferisce che l'11 dicembre, alle 6:30, Juan Pérez Cruz e sua moglie María Elena Cruz, entrambi del PRI, sono entrati nella piantagione di caffè di uno zapatista ed hanno rubato il raccolti di 200 pante di caffè. Alle ore 20:00 dello stesso giorno, dalla casa di Pérez Cruz, a 50 metri dall'accampamento della brigata di osservazione civile presente nel villaggio, si sono sentiti spari intimidatori contro le basi zapatiste. Il giorno 12, alle ore 06:00, Pérez Cruz si è presentato alla casa di uno zapatista dicendogli testualmente: Ti avverto che la tua piantagione di caffè non ti appartiene più, è mia perché tu non paghi l'imposta, quindi non tornare più nella piantagione di caffè e nella milpa altrimenti ti ammazzo col machete. Il giorno 14 sono partiti degli spari dalla casa di Pérez Cruz.
Successivamente, il Frayba è stato informato dagli osservatori civili che gli affiliati ai partiti continuano con le aggressioni contro altre basi zapatiste, consistenti in furti nelle milpe ed attrezzi. L'organismo esprime preoccupazione per la grave situazione e chiede al governo statale di controllare quelli che agiscono in maniera impune nella comunità, di sanzionare i responsabili di aggressioni, minacce di morte, furti, saccheggi e sgomberi, e che si rispetti l'esercizio del diritto all'autonomia, alla libertà di pensiero e di espressione, alla proprietà ed al possesso delle terre delle basi di appoggio dell'EZLN.
Il problema risale al 9 settembre 2010, quando 170 indigeni di tutte le età, zapatisti dell'ejido, furono cacciati violentemente da 30 persone del PRI, PRD e Partito Verde Ecologista del Messico, che arrivarono nelle loro case con bastoni, machete ed armi da fuoco. I fatti si verificarono dopo la costruzione della prima scuola autonoma nell'ejido. Quel giorno, per non rispondere all'aggressione, gli zapatisti si rifugiarono in montagna per 33 giorni. http://www.jornada.unam.mx/2013/12/27/politica/016n1pol

 

Liberato Antonio Estrada

 
 

La Jornada – Giovedì 26 dicembre 2013
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 25 dicembre. Martedì, nelle prime ore del pomeriggio, è stato liberato Antonio Estrada Estrada, aderente alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona ed abitante dell'ejido tzeltal San Sebastián Bachajón, che era detenuto nel Centro di Reinserimento Sociale (CERSS) numero 17, a Playas de Catazjá, a nord del Chiapas.
Il giorno 19 era stato rilasciato Miguel Demeza Jiménez, anch'egli aderente alla Sesta e dello stesso ejido, Con l'uscita di Estrada, San Sebastián Bachajón non ha più prigionieri politici che, nel contesto della resistenza ai progetti turistici del governo ed al saccheggio del territorio da parte di enti federali e statali, ed a costo di dividere gli ejidatarios, erano stati catturati e condannati durante il governo di Juan Sabines Guerrero per reati che non hanno mai commesso.
Gli ejidatarios in resistenza ore prima avevano dichiarato: Il nostro cuore ribelle e degno continua a lottare per la giustizia ed il rispetto alla nostra autonomia di popolo, lottando manteniamo viva la lotta del compagno Juan Vázquez Guzmán assassinato mesi fa sulla porta di casa, si presume per la sua partecipazione alla difesa del territorio di San Sebastián Bachajón. Il crimine è ancora impunito.
L'esproprio che denunciano gli ejidatarios risale al 2 febbraio 2011, quando il malgoverno ha costruito un botteghino di ingresso gestito dalla Commissione Nazionale per le Aree Naturali Protette.
Dopo la scarcerazione di Estrada, l'unico aderente della Sesta ancora in carcere è Alejandro Díaz Santiz, solidale della Voz del Amate, recluso nel CERSS numeroro 5 a San Cristobal de las Casas. http://www.jornada.unam.mx/2013/12/26/politica/010n3pol

 

venerdì 27 dicembre 2013

¡FELIZ CUMPLEAÑOS EZLN!

 
Amic@ e compas, 
Grazie per esservi uniti al messaggio di auguri all'EZLN che ho inoltrato e che vi trasmetto di seguito.
Salud y felicidades!
Annamaria

--------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Annamaria <annamariamar@gmail.com>
Date: 22 dicembre 2013 11:34
Oggetto: ¡FELIZ CUMPLEAÑOS EZLN!

 

¡FELIZ CUMPLEAÑOS EZLN!

30 de Resistencia

20 de Insurrección

10 de Caracoles

Italia, Diciembre de 2013.

A las mujeres y los hombres del Ejercito Zapatista de Liberación Nacional.

A las Juntas de Buen Gobierno de los cinco Caracoles.

A las mujeres, hombres, ancian@s, niñ@s de las comunidades rebeldes zapatistas.

Reciban sinceras y cariñosas felicidades de tod@s nosotr@s: mujeres, hombres, otr@s, músicos y hip-hop band, grupos y organizaciones, que estamos abajo y a la izquierda, junto con nuestra gratitud porque con su lucha nos enseñan cada día que otro mundo puede ser posible.

Gracias compas, que con su ejemplo nos ayudan a no sentirnos solos, aquí en nuestros lugares, en nuestras luchas por democracia, libertad y justicia para tod@s.

¡Feliz cumpleaños EZLN!

¡Siempre a su lado!

L@s compas: Aldo Zanchetta; Brunella Zanchetta; Giulia Cordella; Annamaria Pontoglio; Tino Zanchi; Anna Pacchiani; Massimo Vecchi; Giorgio Brembilla; Mauro Marrone; Patrizia Capoferri; Nadia Belli; Emanuela Manfredi; Marco Maccaroni; Andrea Cegna; Alberto Di Monte; Renza Salza; Pietro Custodi; Mauro Armanino; Alessandra Bosco; Monica Cortopassi; Luciano Di Gino; Gianna Berti; Elio Gattini; Franca Rosti; Giovanni Altini; Giulio Vittorangeli; Stefano Mastrogiacomi; Maurizio Cammellini; Andrea Semplici; Raffaella Rizzo; Federica Lombardo; Antonella Bonzio; Rebecca Rovoletto; Angela Bellei; Claudia Fanti; Vincenzo Robustelli; Alessandra Giusti; Rosetta Riboldi; Stefano Battain; Gaia Capogna; Nicoletta Negri; Roberto Sensi; Domenico Bertelli; David Lifodi; Luca Mascheroni; Giampaolo Della Monica.

Grupos y organizaciones: Fondazione Neno Zanchetta; Comitato Chiapas "Maribel" - Bergamo; Spazio Sociale "Barrio Campagnola" - Bergamo; Rebelde FC; Comitato Chiapas Torino; Coordinamento Toscano di Sostegno alla Lotta Zapatista; Collettivo Italia Centro America; Associazione Villaggio Terra; Onlus Amici del Guatemala Siena; Progetto Rebeldia / Municipio dei Beni Comuni - Pisa; Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, Circolo di Livorno; Associazione Italia-Nicaragua - Circolo di Viterbo; Micro Sol Onlus; Associazione Æliante; Rete Radiè Resch; Associazione Peacelink;  L@s compañer@s de PRC Circolo Ferrovieri Spartaco Lavagnini de Firenze.

Los músicos y hip-hop band, porque no es fiesta si no hay música digna y rebelde: Bonnot y Assalti Frontali

  http://www.youtube.com/watch?v=B5hVHspN_Pc&feature=player_detailpage

  http://www.youtube.com/watch?v=rnatrRg-ino#t=83 

 

martedì 24 dicembre 2013

Subcomandante Marcos: Rewind 2. (2/2)

 
 
 
-*-
Voglio dire, noi (ed altr@ come noi, molti, molte, tutt@) lottiamo per essere migliori ed accettiamo quando la realtà ci dice che non ci siamo riusciti, ma non per questo smettiamo di lottare.
Perché non è che qua non onoriamo i nostri morti. Lo facciamo. Ma lo facciamo lottando. Tutti i giorni, a tutte le ore. E così fino a che guardiamo il suolo, prima allo stesso livello, poi verso l'alto, coprendoci con il passo compagno.
-*-
Infine, le pagine si allungano e con esse cresce anche la certezza che tutto questo non importa a nessuno, che non è trascendente, che non è quello che la-Nazione-il-momento-storico-la-congiuntura chiede, che è meglio raccontare una storia… o scrivere una biografia… o innalzare un monumento.
E delle 3 cose, sono fermamente convinto che l'unica che vale la pena è la prima.
Quindi vi racconterò, così come me l'ha riferita Durito, la storia del Gatto-Cane (attenzione: adesso sì leggete "Rewind 3").
Bene. Salute e, dei morti, guardate soprattutto la strada che il loro passo ha percorso, che ha ancora bisogno di passi che la percorrano.
Il Sup mentre si sistema il passamontagna con macabra civetteria.
P.S. CHE PRENDE POSIZIONE IN UN DIBATTITO DI REALE ATTUALITÀ. – "I videogiochi sono la continuazione della guerra con altri mezzi", sentenzia Durito. Ed aggiunge: "Nella lotta millenaria tra i fanatici del PS e della Xbox può esserci solo un perdente: l'utente". Non ho osato chiedergli a che cosa si riferisse, ma suppongo che più di un@ capirà.
P.S. TROPPO LUNGO PER STARE IN UN "TWIT" (deve essere per l'ammontare della fattura). - L'autonominato"governatore" del Chiapas, Messico, ha solennemente dichiarato che la sua amministrazione "ha stretto la cinghia" con un programma di austerità. A dimostrazione della sua decisione, si è bevuto più di 10 milioni di dollari per una campagna pubblicitaria nazionale tanto massiccia e costosa quanto ridicola…e illegale. Ma siccome alcuni media hanno avuto la loro fetta di torta,"l'imberbe", "inesperto" e "immaturo" impiegato di un affare che non è né partito, né è verde, né è ecologista, né è del Messico (beh, né lui è governatore, quindi non c'è motivo di soffermarsi sui dettagli) è ora sulle pagine della stessa stampa che lo attaccava per essere un "bamboccio", un "uomo di Stato" che non spende per la sua promozione personale, ma per "attrarre turismo in Chiapas". Sì mio caro, già le agenzie turistiche lanciano il pacchetto "Conosci il Güero Velasco","all included", accompagnato da un "kit" con paraocchi per non vedere i gruppi paramilitari, né la miseria e il crimine che pullulano nelle principali città chiapaneche (Tuxtla Gutiérrez, San Cristóbal de las Casas, Comitán, Tapachula, Palenque), in uno stato dove si suppone che i poveri siano gli indigeni, non i meticci. Se il ladrone, Juan Sabines Guerrero, pagò milionate ai media per simulare un governo dove c'erano solo razzie, l'attuale "junior" della politica locale paga di più perché ha imparato dall'attuale titolare dell'Esecutivo Federale (credo si chiami Enrique Manlio Emilio… no? Vedete lo svantaggio di non avere un account twitter?) che si può passare da un'indagine giudiziaria alla lista di candidati alle presidenziali del 2018, con solo poche decine di milioni di dollari, un buon Photoshop e una telenovela rosa.
P.S. DI CONGIUNTURA REITERATA.- Permetta, signora, signore, signorina, bambino, bambina, altroa. Mi permetta, alla fine impertinente, di non lasciarle chiudere la porta e restare solo, sola, a ruminare la sua frustrazione e cercare responsabili, come si infuria chi ha un altare fisso e un idolo variabile. E se non metto il piede per evitare che lei chiuda la porta e resti in salvo nel suo castello di dogmi, ma, invece, metto il naso dove non devo, lo attribuisca al mio naso, già di per sé impertinente in volume e forma. Suvvia, mi permetta di interrompere il suo odio represso, secco, sterile, inutile.
Venga, si calmi, si sieda, respiri profondamente. Sia forte e si comporti con studiata sensatezza, come quelle coppie che si separano "da persone mature" benché muoiano dalla voglia di spaccare la testa alla suddetta… o suddetto (non dimenticare l'equità di genere).
Dunque, quando ottenete qualcosa è solo grazie al vostro sforzo? Però, quando mietete una sconfitta, allora si democratizzano le responsabilità… e vi autoescludete. "I fiori sono una farsa", hanno sentenziato. "Non si accettano incappucciati", hanno decretato (e nemmeno pensare di presentare un reclamo alla CONAPRED per discriminazione nel modo di vestire). "Soltanto noi soli trionferemo e la Nazione ci sarà eternamente grata, i nostri nomi compariranno nei libri di testo, congressi, statue, musei", si sono entusiasmati anticipatamente.
Poi è successo quello che è successo e, come prima, ora cercano chi incolpare del fallimento di questa lotta di sopra. "È mancata l'unità", dicono, ma pensano "è mancato che si sottomettessero alla nostra guida".
La razzia truccata da riforma costituzionale non è cominciata con questo governo. È iniziata con Carlos Salinas de Gortari e la sua riforma dell'Articolo 27. L'esproprio agrario fu "coperto" allora dalle stesse menzogne che ora avvolgono le malchiamate riforme: ora la campagna messicana è completamente distrutta, come se un bombardamento atomico l'avesse spianata. E succede ormai col totale delle riforme. La benzina, l'energia elettrica, l'educazione, la giustizia, tutto sarà più caro, di peggiore qualità, più scarso.
Prima di questo e ancora prima delle attuali riforme, i popoli originari sono stati e sono spogliati dei loro territori, che sono anche della Nazione. L'oro liquido moderno, l'acqua e non il petrolio, è stato rubato senza che questo richiamasse l'attenzione dei grandi media. Al furto del sottosuolo, tanto chiaramente denunciato nella Cattedra Tata Juan Chávez Alonso dal Congresso Nazionale Indigeno, sono state dedicate poche righe svogliate sulla stampa a pagamento che oggi lamenta che IL POPOLO, questa entelechia così politico mediatica, non faccia niente per frenare il furto legalizzato e illegittimo chiamato "riforma energetica". La razzia è quotidiana e in ogni luogo. Ma è solo ora che si dice che la Patria è stata tradita.
Ed ora lei, che è stato sordo, si indigna perché non l'ascoltano né la seguono.
E dice che non si fa niente perché non vede niente. Dice e si dice: "vale quello che faccio IO o quello che si fa sotto la mia tutela, nel mio calendario e nella mia geografia. Il resto non esiste perché non lo vedo".
E come potrebbe vedere qualcosa se usa i paraocchi che il Potere le regala?
Solo adesso scopre che lo Stato non solo rinuncia ad essere un ammortizzatore nell'uragano di razzie che è il Neoliberismo, ma che, in aggiunta, si getta rapido a disputarsi le briciole che il vero Potere gli lancia?
Guardi, il mondo è tondo, gira, cambia. E a poco o niente può servirle questo catalogo di evidenze duali: sinistra e destra, reazionario e progressista, antico e moderno, e sinonimi e antonimi tanto di moda nella politica di sopra.
Guardi, il fatto è, semplicemente, che il suo pensiero è decrepito.
Ed ha cominciato a perdere nel momento stesso in cui ha deciso di abbracciare quello di sopra (usando il vecchio trucco - che ora le si ritorce contro - di destra-sinistra-progressista-reazionario, di inventarsi alibi e vestirli delle stesse parole che oggi la intrappolano), dimenticando che quelli di sopra non accettano abbracci, ma genuflessioni.
No, non è che lei non abbia idee e bandiere. È solo che sono a brandelli. Non importa di quanta modernità siano ammantate, né quante parole altisonanti si dicano attorno ad esse, né quanti twit le ripetano, né quanti "like" e commenti raccolgano.
Lei, che si aspettava un proclama, il sangue anonimo versato, bellicosi squilli di tromba, le otto colonne, le immagini col sangue offerto sull'altare della Patria, voi, e solo voi, dovrete redimervi.
/ No mio caro, se le dico che lo zapatismo non è più quello di prima, si ricorda come quasi 20 anni fa ci emozionavamo con le immagini dei morti anonimi che non avevano né volto né nomi, tanto lontani, tanto indigeni, tanto chiapanechi? / Certamente, Ocosingo è in Medio Oriente? / Ah, e le loro iniziative, così brillanti quando c'era un palco per noi. / D'altra parte, chi può prendere sul serio chi rifiuta di iscriversi alla mobilitazione o al movimento (attenzione: non è la stessa cosa, imparate a differenziare) di moda? O analizzarla, classificarla, giudicarla, archiviarla? / Di fatto, sono finiti, non invitano più nemmeno la stampa alle loro celebrazioni, che cosa possono celebrare che non sia la nostra assoluzione o condanna? / Ah, ma quello che non perdoneremo mai a questi zapatones, non è solo che non siano morti tutti - e con ciò ci avrebbero negato il diritto di amministrare le loro morti nel lungo labirinto dei mausolei, delle ballate, dei "non sei morto compagno, la tua morte sarà amministrata" -, ma che anche le loro morti li abbiano resi tanto… tanto… tanto ribelli /.
E niente, invece di questo…post scriptum!
So che non le importa, ma per le incappucciate e gli incappucciati di qua, la lotta che vale non è quella che si è vinto o perso. È quella che prosegue, e per essa si preparano i calendari e le geografie.
Non ci sono battaglie definitive, né per i vincitori né per i vinti. La lotta proseguirà, e chi ora si delizia nel trionfo vedrà il suo mondo crollare.
Per il resto, non si preoccupi. Lei non ha perso niente perché non ha affatto lottato realmente. La sola cosa che ha fatto è delegare ad un altro il conseguimento del monopolio di una vittoria che non arriverà.
Quello di sopra cadrà, senza dubbio. Ma il suo crollo non sarà il prodotto di una lotta monopolizzata, escludente e fanatica.
Se vuole, continui a tirare da sopra, festeggerà ogni piccolo movimento del monolite, ma la corda si spezzerà continuamente.
Le statue e gli autoritarismi si abbattono dal basso, in modo che non rimanga il basamento per un nuovo busto che sostituisca il precedente.
Nel frattempo, ed è la mia umile opinione, la sola cosa che vale la pena fare là in alto è quello che fanno gli uccelli: cagare.
Vale, di gelato di noce, anche se fa freddo.
Il Sup che si prepara per…
………………………………………………………………….
Guarda e ascolta i video che accompagnano questo testo.
Del gruppo iberico di Rock Punk Arzua25, il pezzo"Zapatista", del disco "Bienvenido a la Resistencia". http://www.youtube.com/watch?v=1-jbz_V3y_8&feature=player_embedded
Il gruppo SKA-FE, dalla Colombia, la canzone "Muerte a la Muerte". ¡Brincooooolín! http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=XTkQGEabRIE
Della serie "Come avrebbe dovuto finire", i finali alternativi a "Batman, il cavaliere della notte". Video dedicato alle/ai mascherat@ "cattiv@" (che non sono ben accett@ alle mobilitazioni "trascendentali"), come Gatúbela e Bane (con i passamontagna invertiti e l'eccellente dizione). http://www.youtube.com/watch?v=cfovSTI1csI&feature=player_embedded
Dell'immortale Cuco Sánchez, "No soy monedita de oro", che parla da sé. http://www.youtube.com/watch?v=6sEnPI1XBk8&feature=player_embedded


 

Subcomandante Marcos: Rewind 2. (1/2)

 

Dicembre 2013
"Uno sa di essere morto quando le
cose che lo circondano hanno smesso di
morire."
Elías Contreras
Professione: Commissione di Investigazione dell'EZLN
Stato Civile: Defunto.
Età: 521 anni e più.
È l'alba, e se me lo domandassero, ma non l'hanno fatto, direi che il problema con i morti sono i vivi.
Perché poi generalmente si scatena la disputa assurda, oziosa e indignante sulla loro assenza.
Quel "io li ho conosciuti-visti-mi hanno detto" è soltanto l'alibi per nascondere il "io sono l'amministratore di quella vita perché amministro la sua morte".
Qualcosa come il "copyright"della morte, convertita dunque in mercanzia che si possiede, si scambia, circola e viene consumata. Per questo esistono perfino istituzioni: libri storiografici, biografie, musei, effemeridi, tesi, giornali, riviste e dibattiti.
E si cade nella trappola dell'edizione della storia stessa per limare gli errori.
Si usano allora i morti per innalzarsi un monumento su di loro.
Ma, secondo la mia modesta opinione, il problema con i morti è sopravvivergli.
O si muore con loro, un po' o molto ogni volta.
O ci si aggiudica il titolo di loro portavoce. In fin dei conti non possono parlare, e non è la loro storia, quella loro, che si racconta, ma si giustifica la propria.
O si possono anche usare per pontificare con il noioso "io alla tua/vostra età". Quando l'unico modo onesto di completare questo ricatto a buon mercato e per nulla originale (quasi sempre rivolto a giovani e bambini), sarebbe concludere con un "aveva commesso più errori di te/voi".
Dietro il sequestro di questi morti, c'è il culto della storiografia, così di sopra, così incoerente, così inutile. Ovvero, la storia che vale e che conta è quella che sta in un libro, una tesi, un museo, un monumento e negli equivalenti attuali e futuri che non sono altro che un modo puerile di addomesticare la storia del basso.
Perché ci sono quelli che vivono a costo della morte di altri, e sulla loro assenza costruiscono tesi, saggi, scritti, libri, film, ballate, canzoni ed altre forme più o meno eleganti di giustificare la propria inazione… o la sterile azione.
Quel "non è morto" non può che essere solo uno slogan, se nessuno prosegue il cammino. Perché secondo il nostro modesto e non accademico punto di vista, ciò che importa è il cammino non chi lo percorre.
E, approfittando del fatto che sto riavvolgendo questo nastro di giorni, mesi, anni, decenni, domando, per esempio:
Del SubPedro, del señor Ik, della Comandanta Ramona, valgono i loro alberi genealogici? Il loro DNA? I loro certificati di nascita con nome e cognome?
O ciò che vale è il cammino che hanno percorso insieme ai senza nome e senza volto - cioè, senza lignaggio familiare e/o scudo araldico -?
Del SubPedro vale il suo vero nome, il suo volto, il suo stile, raccolti in una tesi, una biografia - cioè, in una bugia documentata secondo convenienza -?
O vale la memoria che di lui esiste nelle comunità che aveva organizzato? Sicuramente i fanatici della religione l'avrebbero accusato, giudicato e condannato per essere ateo, ed i fanatici della razza anche, ma per essere meticcio e non avere la pelle del colore della terra, con quel razzismo al contrario che si pretende "indigeno".
Ma la decisione di lottare del SubPedro, del Comandante Hugo, della Comandanta Ramona, degli insurgentes Alvaro, Fredy, Rafael, vale perché qualcuno gli mette un nome, un calendario, una geografia? O perché quella decisione è collettiva e c'è chi prosegue?
Quando qualcuno vive e muore lottando, nella sua assenza ci dice "ricordami", "onorami", "biasimami"? O ci impone di "proseguire", "non arrendersi", "non tentennare", "non vendersi"?
Voglio dire, io sento (e parlando con altri compas so che non è solo un mio sentimento) che il conto che devo presentare ai nostri morti è che cosa si è fatto, che cosa manca e che cosa si sta facendo per completare ciò che ha motivato questa lotta.
Probabilmente mi sbaglio, e qualcuno mi dirà che il senso di ogni lotta è perdurare nella storiografia, nella storia scritta o parlata, perché è l'esempio dei morti, la loro biografia addomesticata ciò che motiva i popoli a lottare, e non le condizioni di ingiustizia, di schiavitù (il termine reale per definire la mancanza di libertà), di autoritarismo.
Ho parlato con alcuni compagne, compagni, zapatisti dell'EZLN. Certo, non con tutt@, ma con quelli che posso ancora vedere, con i quali posso stare.
C'è stato tabacco, caffè, parole, silenzi, ricordi.
Non è stata l'ansia di durare indefinitamente, bensì il senso del dovere quello che ci ha portati qui, nel bene o nel male. Il bisogno di fare qualcosa di fronte all'ingiustizia millenaria, quell'indignazione che sentiamo come la caratteristica più contundente di "umanità". Non vogliamo nessun posto in musei, tesi, biografie, libri.
Quindi, nell'ultimo respiro, noi zapatiste, zapatisti, ci domandiamo "mi ricorderanno?". O ci domandiamo "se cederò di un passo sul cammino?", "c'è chi lo proseguirà?".
Noi, quando andiamo sulla tomba di Pedro, gli diciamo quello che abbiamo fatto affinché tutti lo ricordino, o gli raccontiamo quello che si è fatto nella lotta, quello che ancora c'è da fare (sempre manca ciò che manca), quanto siamo ancora piccoli?
Gli rendiamo buon conto se prendiamo il "Potere" e se gli innalziamo una statua?
O se possiamo dirgli "Senti Pedrín, siamo ancora qui, non ci siamo venduti, non tentenniamo, non ci arrendiamo"?
E, a proposito di discussioni…
Il fatto di darsi un altro nome ed occultare il volto, è per nasconderci dal nemico o per sfidare la sua struttura da mausoleo, la sua nomenclatura gerarchica, le sue offerte di compra-vendita truccate da poltrone burocratiche, premi, lodi e lusinghe, club grandi o piccoli di seguaci?
/ sì mio caro, i tempi cambiano, prima il maestro o la maestra - o l'equivalente di mandarino della conoscenza - si corteggiava dedicandogli libri, lusingando le sue parole, guardandol@ con rapimento. Ora si posta nei suoi scritti, si danno "like" nelle sue pagine web, ci si somma al numero di seguaci che cinguettano disordinatamente… /
Voglio dire, ci importa chi siamo? O ci importa quello che facciamo?
La valutazione che ci interessa e colpisce, è quella di fuori o quella della realtà?
La misura del nostro successo o fallimento sta in quello che appare su di noi sui media a pagamento, nelle tesi, nei commenti, nei "pollici in alto", nei libri di storia, nei musei?
O sta in quanto raggiunto, mancato, consolidato, in sospeso?
E riavvolgendo ancora…
Della Chapis, importa che era credente e cristiana conseguente, o importa che ha vissuto e lottato, con e nel suo essere cristiana, per chi non l'ha mai conosciuta? Certamente i fanatici dell'ateismo l'avrebbero accusata, giudicata e condannata per non professare la religione degli ismo che pretende di monopolizzare la spiegazione e guida di tutte le lotte.
Una volta, dopo avere letto"Il Vangelo secondo Gesù" di José Saramago, la Chapis cercò il letterato e compagno per dirgli non solo che il suo libro non le era piaciuto, ma anche che lei avrebbe scritto la propria versione sull'argomento. Importa se riuscì ad incontrare Saramago, se gli disse questo, se scrisse la sua versione? O importa la sua decisione di farlo?
E di Tata Don Juan, vale solo per i suoi cognomi "Chávez Alonso", il suo sangue purépecha, il cappello che lo copriva e lo mostrava, come se indossasse un passamontagna? O vale anche per le strade in diversi continenti che hanno avuto l'onore del suo passo originario?
Le bambine ed i bambini assassinati nell'Asilo ABC, ad Hermosillo, Sonora, Messico, che hanno avuto appena una brevissima biografia, valgono per il numero di righe ed i minuti a loro dedicati sui mezzi di comunicazione? O valgono per il sangue che sangue e vita ha dato loro, e che ora si impegna con degna ostinazione e vuole giustizia? Perché quei bambini e bambine valgono anche ora, benché assenti, per i padri e le madri che sono partoriti con la loro morte.
Perché la giustizia, amici e nemici, è anche impedire che si ripeta l'ingiustizia, o che cambi nome, faccia, bandiera, alibi ideologico, politico, razziale, di genere.
...segue
 


_______________________________________________

 

sabato 21 dicembre 2013

Comunicato Subcomandante Insurgentes Moises, testo originale e traduzione

> 19 de Diciembre del 2013.
>
> Compañeras y compañeros:
>
> Les escribe el Subcomandante Insurgente Moisés para darles de conocer dos
> avisos:
>
> 1.- Les aviso que quienes solicitaron su registro para la escuelita y
> recibieron la invitación, pero no alcanzaron a recibir su clave de
> registro para las vueltas de diciembre y enero, pueden pedir su registro
> directamente en el CIDECI, San Cristóbal de Las Casas, Chiapas:
>
> Los días 23 y 24 de diciembre del 2013, para asistir al curso del 25 al 29
> de diciembre del 2013, sea en comunidad o sea en el CIDECI.
>
> Los días 1 y 2 de enero del 2014, para asistir al curso del 3 al 7 de
> enero del 2014, sea en comunidad o sea en CIDECI.
>
> Si no alcanzan a ninguna de las 2 fechas, pueden solicitar para las
> próximas fechas cuando se hagan públicas.
>
> 2.- Otra cosa que les aviso es que la fiesta del 20 aniversario del
> alzamiento se realizará en los 5 caracoles zapatistas y es abierta a
> todos, menos a la prensa.
>
> Es todo.
>
> Desde las Montañas del Sureste Mexicano.
>
> Subcomandante Insurgente Moisés.
>
> Diciembre del 2013.
>
> TRADUZIONE
>
> 19 di Dicembre
>
> Compagne e Compagni
>
> Sta scrivendo il Subcomandante Insurgente Moisese per darvi due avvisi:
>
> 1- Vi avviso che chi ha chiesto di essere inscritto all'escuelita e a
> ricevuto l'invito, ma non hanno ancora ricevuto la chiave di registrazione
> per il turno di dicembre o gennaio, possono chiedere di essere registrati
> direttamente al CIDECI, San Cristobal De Las Casas Messico:
>
> I giorni 23 e 24 dicembre per frequentare il corso dal 25 al 29 dicembre
> sia al CIDECI che in comunita'
>
> I Giorni 1 e 2 gennaio per frequentare il corso dal 3 al 7 di Gennaio sia
> in comunita' sia al CIDECI
>
> Se non arrivano in nessuna delle due date potranno chiedere per il
> prossimo turno quando sara' reso pubblico
>
> 2- Altra cosa di cui vi avviso e' che la festa per i 20 anni del
> levantamiento sara' in tutti i caracoles zapatisti ed e' aperta a tutti,
> tranne che ai giornalisti
>
> Dalla montagne del sud-est Messicano
>
> Subcomandante Insurgnete Moises

>
>
>
>



-----
Nessun virus nel messaggio.
Controllato da AVG - www.avg.com
Versione: 2014.0.4259 / Database dei virus: 3658/6937 - Data di rilascio: 20/12/2013

martedì 17 dicembre 2013

Invasione di terre a Tila

 

La Jornada – Lunedì 16 dicembre 2013
Hermann Bellinghausen
Ejidatarios chol di Tila, aderenti alla Sesta dichiarazione della Selva Lacandona, hanno denunciato che il governo, nei suoi tre livelli, gestisce agenzie turistiche contrarie agli interessi dei coloni. Venerdì 13, riferiscono gli indigeni, un gruppo di tecnici è stato sorpreso mentre realizzava dei sopralluoghi senza l'autorizzazione dell'assemblea generale degli ejidatarios nella comunità di Río Grande, annessa all'ejido di Tila. 
Denunciano anche che effettivi dell'Esercito stanno addestrando i poliziotti municipali sulla pubblica via, destabilizzando l'ordine pubblico e la società, e temono nuove azioni repressive.
Il topografo José Zambrano Solís, presentatosi come docente dell'Università delle Scienze e delle Arti del Chiapas (Unicach) di Tuxtla Gutiérrez, e due suoi collaboratori, si sono presentati come "incaricati della Commissione Nazionale dell'Acqua (Conagua) e del rettore della Unicach, Roberto Domínguez Castellanos. Gli ejidatarios riferiscono che il tecnico si è comportato in maniera minacciosa, dicendo che non aveva paura perché sostenuto dai tre livelli di governo ed inoltre è conosciuto ovunque ed è incaricato dal suo padrone.
Gli ejidatarios segnalano: le anomalie dei malgoverni che entrano senza permesso nelle nostre comunità, villaggi e città (l'ejido di Tila include un centro urbano). Accusano i funzionari di escludere le autorità tradizionali nominate dal popolo e di ignorare chi e da dove veniamo. E sostengono: Noi siamo nati in questa terra, conosciamo i nostri fiumi, boschi e risorse naturali, patrimonio dei nostri genitori e nonni che hanno vissuto e continuano a vivere qui con noi nel loro spirito. Riterremo responsabili il governo federale, statale, municipale, la Conagua, la Unicach e l'ing. Zambrano Solís di qualunque repressione, intimidazione e vessazione.
Avvertono di possibili false richieste ed ordini di cattura contro i compagni e compagne, bambini e bambine che difendono i loro patrimoni ancestrali, secondo l'articolo 14, 16 e 2 della Costituzione ed il Trattato 169 dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro. 
Denunciano anche l'ingegnere agronomo Carlos Domingo Sánchez Martínez, originario della comunità di Cantioc, ed impiegato del municipio di Tila "che perseguita ed intimorisce i nostri compagni della Sexta di Cantioc e compagni ejidatarios di Río Grande." 
Gli organi di rappresentanza degli ejidatarios aderenti alla Sexta avvertono che difenderanno tutto quello che i nostri genitori ci hanno lasciato, e non ci faremo sconfiggere.


 

domenica 15 dicembre 2013

EZLN: Buon Compleanno!

 
In occasione dei 30 anni di resistenza, 20 di insurrezione e 10 dei Caracol, facciamo sentire la nostra vicinanza e solidarietà all'EZLN ed alle comunità zapatiste con un messaggio di auguri. Per unirivi al messaggio mandate la vostra firma entro il 22 dicembre 2013 all'indirizzo: maribel_1994@yahoo.it
 
 BUON COMPLEANNO EZLN!
30 di Resistenza
20 di Insurrezione
10 di Caracol
 
Alle donne e uomini dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale.
Alle donne e uomini, giovani e anziani delle Giunte di Buon Governo dei cinque Caracol.
Alle donne, uomini, giovani, anziani bambini e bambine delle comunità zapatiste ribelli.
Dall'Italia, noi tutte e tutti, donne, uomini, giovani, vecchi, altr@, che stiamo in basso e a sinistra, vi mandiamo i nostri più sinceri ed affettuosi auguri e la nostra gratitudine, perché con la vostra lotta ci avete insegnato molto ed ogni giorno ci dimostrate che un altro mondo può essere possibile.
Grazie compagni, perché voi ci aiutate a non sentirci soli qui, nei nostri luoghi, a lottare per la democrazia, libertà e giustizia per tutti.
Sempre con voi!
Buon Compleanno EZLN!
 
Firme: …...............
¡FELIZ CUMPLEAÑOS EZLN!
30 de Resistencia
20 de Insurrección
10 de Caracoles

A las mujeres y los hombres del Ejercito Zapatista de Liberación Nacional.
A las Juntas de Buen Gobierno de los cinco Caracoles.
A las mujeres, hombres, jovenes, ancianos, niñas y niños de las comunidades rebeldes zapatistas.
Desde Italia, reciban sinceras y cariñosas felicidades de tod@s nosotr@s, mujeres, hombres, jóvenes, viejos, otr@s, que estamos abajo y a la izquierda, junto con nuestra gratitud porque con su lucha nos han enseñado mucho y cada día nos enseñan que otro mundo puede ser posible.
Gracias comp@s, porque ustedes, con su ejemplo nos ayudan a no sentirnos solos, aquí en nuestros lugares, en nuestras luchas por democracia, libertad y justicia para tod@s.
¡Siempre a su lado!
¡Feliz cumpleaños EZLN!

 

mercoledì 4 dicembre 2013

Il Tribunale Permanente dei Popoli (TPP) in Chiapas

 

La Jornada – Mercoledì 4 dicembre 2013
Il Tribunale Permanente dei Popoli (TPP) affronta le conseguenze della guerra sporca in Chiapas, sulla base dell'esperienza dei sopravvissuti
Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de Las Casas, Chis., 3 dicembre. Il 6 e 7 dicembre prossimi, nella comunità chol di Susuclumil, a Tila, organizzazioni popolari, indigene, dei diritti umani e delle vittime che partecipano al Concetto di guerra sporca come violenza, impunità e mancanza di accesso alla giustizia, del Tribunale Permanente dei Popoli (TPP) sezione Messico, incontreranno testimoni, sopravvissuti e familiari delle comunità della Zona Nord, Selva e Altos, tutti vittime della strategia di guerra contrainsurgente e di sterminio contemplata nel Piano della Campagna Chiapas 94, implementata dal governo messicano a partire dalla sollevazione armata dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) nel 1994. 
Questa guerra, secondo gli organizzatori del TPP (da non confondere col trattato transpacifico che ha le identiche sigle), ebbe come conseguenza decine di sparizioni, assassini, sfollamenti, violenza sessuale e massacri; tutti, crimini di lesa umanità tuttora impuniti. L'incontro vuole verificare le violazioni gravi dei diritti umani che lo Stato messicano ha commesso contro il popolo del Messico, in particolare contro i popoli originari in Chiapas.
Questa udienza preliminare si intitola Riunione per la giustizia e la verità. Documenterà con testimonianze dirette, molte già note e tuttavia impuni, la situazione delle regioni indigene dell'entità, e si incentrerà su "la guerra sporca come violenza, impunità e mancanza di accesso alla giustizia".
Alla riunione parteciperanno gruppi ed individui dei popoli maya chiapanechi per dire la loro verità e denunciare gli omicidi ed i massacri contro di loro. Organizzano il TPP ed un totale di 59 organizzazioni popolari, sociali, dei diritti umani nazionali ed internazionali, tra le quali la Red Nacional de Organismos Civiles de Derechos Humanos Todos los Derechos para Todos y Todas, presente in 20 stati della Repubblica; la Red de Radios Comunitarias, che raggruppa 35 emittenti radiofoniche; la Campaña Nacional Contra la Desaparición Forzada en México (42 organizzazioni nazionali e internazionali),oltre a famiglie, attivisti, studenti, accademici ed artisti.
Il TPP (erede del celebre Tribunale Russell) ha realizzato numerose riunioni nel nostro paese a partire dal culmine della guerra calderonista. Si presenta come un tribunale etico internazionale a carattere non governativo che, come tale, esamina le cause di violazione dei diritti fondamentali dei popoli, determina se realmente sono stati violati tali diritti, ed infine denuncia all'opinione pubblica internazionale gli autori di queste violazioni. E' composto da personalità di riconosciuta autorità morale provenienti da diversi paesi, discipline ed orizzonti ideologici.
La missione del TPP è promuovere il rispetto universale ed effettivo dei diritti fondamentali dei popoli, delle minoranze e degli individui. Il suo interesse si concentra sulle violazioni flagranti e sistematiche dei diritti di popoli, minoranze e individui, siano state perpetrate dagli stati, da altre autorità o da gruppi od organizzazioni private. In Chiapas, la storia recente è stata ricca di questo tipo di episodi; coperti da una diffusa ed intensa militarizzazione, paramilitari e bande criminali hanno distrutto centinaia di villaggi di comunità chol, tzotzil e tzeltal negli ultimi venti anni, e gli effetti si sentono tuttora. La guerra non è cessata e continua giorno dopo giorno, come ha sempre detto lo scrittore Carlos Montemayor. Può variare di intensità, ma è continua. 
I garanti della sezione Messico del TPP sono Magdalena Gómez Rivera, il vescovo Raúl Vera López, Javier Sicilia, Jorge Fernández Souza, Clodomiro Siller Acuña, Gilberto López y Rivas e Andrés Barreda Marín. http://www.jornada.unam.mx/2013/12/04/politica/023n1pol



 

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...