giovedì 30 aprile 2009

AGGRESSIONE ARMATA CONTRO GLI ZAPATISTI DI AGUA AZUL

 
La Jornada – Mercoledì 29 aprile 2009

 

Da domenica hanno sparato diverse volte contro le case

AGGRESSIONE ARMATA CONTRO GLI ZAPATISTI DI AGUA AZUL

"E'una messinscena contro di noi per creare un pretesto per arrestarci"

Hermann Bellinghausen - Inviato

 

San Cristóbal de las Casas, Chis. 28 aprile. La giunta di buon governo (JBG) di Morelia ha denunciato che da domenica gli zapatisti di Agua Azul e di Betel Yochip sono aggrediti dagli spari dei poliziotti settoriali e paramilitari mentre un elicottero sorvola le località. Casualmente, lo stesso giorno il segretario di Governo, Noé Castañón León, ha visiato il villaggio Alan Sacjún. Secondo la JBG, "per parlare col commisaario priista Pedro Álvaro" e concordare con i priisti "di trasferire la cabina di riscossione, che i compagni dell'Altra Campagna stavano gestendo, nelle manie dei poliziotti e di installare un accampamento al crocevia di Agua Azul".

 

In quello che sembrerebbe lo scenario per un'aggressione più grande, questo lunedì i poliziotti sono tornati ad Agua Clara ed insieme ai priisti hanno bloccato l'accesso allo stabilimento balneare El Salvador, gestito dalle basi di appoggio dell'EZLN. "I nostri compagni del municipio autonomo Comandante Ramona sono continuamente vessati dalla polizia di settore, di pubblica sicurezza, dai pattugliamenti costanti dell'Esercito federale e dai paramilitari", denuncia la JBG che ha anche identificato alcuni dei veri rapinatori della zona.

 

Domenica 26, verso le 5:30, "a 300 metri dalla casa dove vive un compagno", i poliziotti hanno sparato cinque colpi contro la casa, sono avanzati ed hanno sparato ancora due volte. "D'avanguardia c'erano cinque indigeni che vivono a Betel Yochip; dopo gli spari della polizia, anche gli indigeni hanno sparato 60 colpi calibro 22 a circa 20 metri dalla casa".

 

Le persone di Betel Yochip che guidavano i poliziotti, secondo la JBG, sono leader priisti, "paramilitari dell'Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic)". I numeri delle pattuglie "che stanno sparando contro i nostri compagni" sono 088, 077 e 092.

 

"L'intimidazione e persecuzione a colpi di pallottole" che hanno subito le basi dell'EZLN "è durata quattro ore e mezza". A mezzogiorno "è iniziato il sorvolo radente di un elicottero della Pubblica Sicurezza, molto vicino ai tetti delle case dei nostri compagni di Agua Azul e Agua Clara".

 

La JBG precisa alle 11 della notte, ad Agua Clara si sono risentiti colpi di spari calibro 22 "nella montagna e la polizia ha risposto sparando". Questo atto "è solo un piano di provocazione per incolparci. E' una messinscena contro di noi per creare il pretesto di arrestarci". Il 27 aprile, alle 6 di mattina, la polizia "è tornata sul luogo degli spari, secondo loro, per investigare, e si sono addentrati nella montagna 'per seguire le orme di chi aveva sparato il giorno 26'. Fino al momento non sappiamo che direzione abbiano preso, sappiamo solo che ora sono in montagna".

 

All'ingresso dello stabilimento balneare El Salvador, su una sponda di Agua Clara, "dove stanno facendo i turni le basi di appoggio zapatiste, i priisti hanno bloccato gli accessi con pietre e grossi pali di legno, "appoggiati dalla polizia". "Sospettiamo che stiano tendendo un'imboscata ai nostri compagni che fanno turni".

 

La JBG denuncia: "Juan Sabines ed i suoi complici José Luis Cortés Solís (commissario di Pubblica Sicurezza), Antonio Gamboa López, segretario particolare di Sabines, e suo fratello Alejandro Gamboa López, dirigente statale del PRD, vanno dicendo che la JBG avrebbe ricevuto il 30% (degli incassi della cabina di riscossione di San Sebastián Bachajón, da aderenti dell'Altra Campagna), e questo è totalmente falso".

 

Inoltre, la JBG revela di aver trovato in montagna "un sacco di abiti, sei documenti di identità con nomi stranieri, un libro, tre pantaloni che sembrano uniformi di colore blu, tre tee-shirt di colore nero, una spazzola con incise le lettere 'MP', chevogliono dire Manuel Pérez, abbiamo scoperto questo nome dopo le nostre indagini, ed è originario di Flor de Cacao". Gli zapatisti hanno scoperto che di giorno questo gruppo "ruba mais nelle milpas e galline, e nella notte assalta le auto di passaggio".

 

Nel municipio autonomo Lucio Cabañas, le basi zapatiste "subiscono minacce di morte da quelli della Orcao" che hanno provocato tre incendi su un totale di 60 ettari; l'ultimo, questo lunedì. Tagliano e vendono illegalmente legname, "protetti e complici del malgoverno nel saccheggio delle nostre risorse naturali". 

 

Comunicato completo della JBG:

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/denuncias/1615

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)


mercoledì 29 aprile 2009

Paralizada, 25% de la actividad económica en el DF: da la Jornada del 29/04/2009

http://www.jornada.unam.mx/2009/04/29/fotos/040n1cap-1.jpg
 
 
Laura Gómez y Gabriela Romero y Erika Duarte
 

La cuarta parte de la actividad económica en el Distrito Federal se paralizó, ante la decisión de las autoridades capitalinas de cerrar restaurantes, bares, cabaretes, centros nocturnos, salones de baile y de fiesta, cines, teatros, gimnasios, clubes deportivos y billares, admitió la secretaria de Desarrollo Económico (Sedeco), Laura Velázquez Alzúa, tras señalar que se trata de una medida drástica, pero necesaria, y hemos tenido una buena disposición por parte de los empresarios.

La declaratoria de emergencia sanitaria ha derivado en pérdidas diarias de 777 millones de pesos en el sector servicios, comercio y turismo desde el viernes pasado, aunque la cifra se elevará a más de 7 mil millones durante los 10 días fijados para detener el brote de fiebre porcina, por lo que se hace urgente ser considerados dentro del Fondo Nacional de Desastres y ser sujetos de devoluciones, exenciones o reducciones de impuestos por parte de ambos niveles de gobierno, consideró a su vez el presidente de la Canaco, Arturo Mendicuti.

Al respecto, el representante empresarial señaló que los mil 308 hoteles son los que registran la caída más drástica en los últimos 16 años, con una desocupación de 90 por ciento y una pérdida de 29 mil 376 millones de pesos, ante la cancelación de reservaciones y viajes desde países como Francia, Bélgica, Estados Unidos e Inglaterra.

Sólo en el rubro de grupos, 2 mil 500 visitantes optaron por no venir a nuestro país ", explicó.

Los servicios de entretenimiento, eventos deportivos y servicios de esparcimiento registran una baja de 80 por ciento, en detrimento de 3 mil 310 negocios, museos, jardines botánicos y sitios históricos, entre otros, que resienten una disminución en sus ingresos por 11 mil 935 millones de pesos; mientras las papelerías y librerías presentan una disminución de 48 por ciento; las tiendas departamentales de 40; la venta de autos nuevos, 25; las agencias de viajes, 25; y las tiendas de abarrotes, 15 por ciento, explicó.

Los restaurantes, bares, cantinas y similares sin embargo resultarán los más afectados con la decisión del gobierno de cerrarlos, cuando registran una reducción en sus ventas de 75 por ciento, equivalente a 41 mil 387 millones de pesos, afirmó a su vez el presidente de la Cámara Nacional de la Industria de Restaurantes y Alimentos Condimentados (Canirac), Francisco Mijares Noriega.

El 97 por ciento de los 35 mil establecimientos existentes no tiene la capacidad ni la experiencia para vender comida para llevar, como propuso el secretario de Gobierno, José Ángel Ávila, lo cual aumentará sus pérdidas diarias en 150 millones de pesos, y provocará que 70 por ciento de sus 450 mil empleados se queden sin trabajo e ingresos, pues viven de las propinas de los clientes, por lo que pidió al jefe de Gobierno, Marcelo Ebrard, reconsiderar esta medida.

Los restauranteros, dijo, estamos confundidos porque los funcionarios federales aseguraron que no se tomarían medidas que afecten la economía del país y las autoridades locales publican un acuerdo unilateral y discriminatorio para cerrar los establecimientos, que en caso de incumplir con esta medida serán multados y clausurados, cuando el sector viene trabajando al 50 por ciento de su capacidad desde julio pasado, derivado de la crisis y la aplicación de la Ley de protección a la salud de los no fumadores.

Nunca nos hemos negado a cooperar con las autoridades, pero esta determinación provocará que muchos restauranteros cierren definitivamente sus establecimientos, por la situación tan crítica que presentan para cubrir los gastos del negocio, alimentos, renta, nómina, luz y demás servicios; ello sin considerar que sus perecederos adquiridos se echarán a perder y habrá que tirarlos, comentó.

Ante ello, el presidente de la Canaco pidió al GDF que estas medidas no sean prorrogables y sean sujetos de condonaciones, exenciones o devoluciones de impuestos por parte de la Secretaría de Finanzas, aún cuando la Sedeco les ofreció créditos con plazos y tasas de interés preferenciales, para evitar el cierre de los negocios y mantener la planta productiva, pues los 150 millones de pesos que anuncia el gobierno para atender a los familiares de las víctimas y al sector productivo, son insuficientes.

En ese contexto, las confederaciones de Cámaras Industriales (Concamin) y de Cámaras Nacionales de Comercio, Servicios y Turismo (Concanaco) hicieron un llamado al Gobierno del Distrito Federal para reconsiderar la disposición de ordenar el cierre de restaurantes en esta capital.

Los organismos empresariales consideraron que miles de establecimientos se verán afectados en sus ventas, situación que podría derivar en un peligro para las fuentes de empleo.

La Concamin señaló que la medida no ha sido recomendada ni motivo de alerta por parte de la Organización Mundial de la Salud y en cambio podría propiciar que los consumidores recurran a los comercios informales de venta de alimentos y aumentar con ello el riesgo de adquirir enfermedades, como la que se ha propagado en los días recientes.

La Concanaco se pronunció en el mismo sentido y apuntó que está consciente de la situación por la que el país atraviesa, ante la epidemia de la influenza y sobre la necesidad de apoyar las medidas preventivas para hacer frente a este padecimiento. Sin embargo, consideró que la medidaes un tanto excesiva, ya que afecta de manera significativa una de las actividades productivas más importantes de esta capital y pone en mayor riesgo a la población.

Afirmó que los establecimientos regulados cuentan con las medidas sanitarias adecuadas para su debido funcionamiento, por lo que el comercio formal cumple con todos los marcos regulatorios y presta sus servicios de una manera segura y confiable.

 

«Nuovo virus»: la febbre suina semina il panico

  http://www.jornada.unam.mx/2009/04/29/fotos/portada.jpg
 
 di Gianni Proiettis - CITTÀ DEL MESSICO
MESSICO
«Nuovo virus»: la febbre suina semina il panico
Mentre le morti provocate dalla nuova influenza suina riconosciute ufficialmente sono salite a 68 - e il numero dei contagiati ha superato i mille a livello nazionale - il governo messicano di Felipe Calderón ha dichiarato l'emergenza sanitaria e ha riunito il «Consejo general de salubridad». Intanto, l'Organizzazione mondiale della sanità parla di «possibilità di una pandemia» e ha dichiarato l'«attenzione a livello internazionale» per l'infezione.
In Messico il ministro della sanità José Angel Córdova ha cercato di minimizzare il numero delle vittime - «solo di 20 abbiamo le prove cliniche irrefutabili» - e ha raccomandato dieci giorni di allerta in cui la popolazione dovrà adottare ogni precauzione possibile per evitare occasioni di contagio.
Della nuova malattia si conoscono almeno i sintomi (difficoltà respiratorie, tosse secca, mal di testa, febbre, occhi irritati) ma non ancora un vaccino specifico né una terapia sicura, sebbene le autorità della capitale raccomandino un medicinale - Oseltamivir - «nei primi tre giorni dall'inizio della malattia». La maggior parte delle vittime è tra i 25 e i 45 anni, cosa che aumenta la preoccupazione.
L'amministrazione di Città del Messico, progressista e sostenuta da una vasta maggioranza, ha annunciato la sospensione di tutte le attività pubbliche per dieci giorni: oltre 500 eventi già in programma che prevedevano il concorso di folle. Si sono già giocate alcune partite di calcio a porte chiuse, in surreali stadi fantasma, e le World series di tuffi si sono tenute in una piscina senza pubblico. Nel disdire un atto che avrebbe riunito più di cinquemila persone al monumento alla Revolución, il sindaco Marcelo Ebrard ha affermato: «I primi dieci giorni sono decisivi per vincere questa battaglia». Le scuole restano chiuse, lunedì si vedrà se riaprirle. Ma, pur cercando in tutti modi di non allarmare la cittadinanza, neanche il governo della capitale riesce a disarmare la psicosi collettiva.
Di certo finora si sa solo che è la febbre suina è una nuova patologia virale, creatasi per mutazione, per cui non esistono ancora vaccini. I pochi casi rilevati negli Stati uniti (otto i casi diagnosticati, nessuno finora letale) e in Canada sembrano essere varianti dello stesso nuovo virus. Secondo la direttrice generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Margaret Chang, i vaccini già esistenti sono tutti inefficaci e non servono neanche parzialmente a prevenire il contagio.
Nelle strade di Città del Messico si sono installati dei moduli informativi sull'epidemia AH1N1, un sigla riadattata per un virus inedito. Impiegati comunali e soldati distribuiscono in massa mascherine chirurgiche alla popolazione.

lunedì 20 aprile 2009

Fw: Polizia arresta un altro zapatista

 

La Jornada – Lunedì 20 aprile 2009

 

Il CDHFBC critica lo sgombero degli indigeni che chiedevano la liberazione dei sei compagni arrestati

La polizia arresta un altro zapatista ad Agua Azul, anche lui con l'accusa di rapina

Si ignora dove si trovi Miguel Vázquez Moreno che era stato segnalato dalla Opddic

Hermann Bellinghausen, Inviato

 

 

San Cristóbal de las Casas, Chis., 19 aprile. Agenti della Polizia Statale Preventiva (PEP) sabato notte hanno arrestato un indigeno, base di appoggio dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) all'incrocio di Agua Azul mentre transitava su un'auto con altre due persone. Miguel Vázquez Moreno, abitante della regione autonoma San José en Rebeldía, sarebbe stato accusato di "rapina" dagli agenti, secondo la versione dei suoi compagni rimasti in stato di fermo fino all'alba di oggi.

 

Si ignora ancora dove si trovi e la situazione giuridica di Vázquez Moreno, commerciante del luogo, che era stato segnalato da membri dell'organizzazione paramilitare Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic) che lunedì 13 sono serviti da informatori della polizia per catturare, torturare e arrestare sei indigeni aderenti all'Altra Campagna, un parente di questi - della comunità confinante di Xanil - ed ora uno zapatista.

 

Le autorità ejidali di San Sebastián Bachajón, municipio di Chilón, hanno denunciato che questo sabato Francisca Silvano Gómez e Julia Silvano sono stati inseguiti nella montagna e "hanno subito un tentativo di violenza da parte dei poliziotti".

 

Nello stesso tempo hanno ricordato l'aggressione di circa 800 agenti dell'Agenzia Federale di Investigazione (AFI) e poliziotti settoriali, PEP e Federale Preventiva, due ambulanze ed una pattuglia della Protezione Civile, il pomeriggio di venerdì 17, durante lo sgombero del blocco che gli ejidatari mantenevano per chiedere la liberazione dei detenuti. "Sono arrivati aggredendoci a calci. Poi si sono diretti alla cabina per il pagamento dell'ingressp dove hanno preso le radio, colpito la casa e poi sono arrivati i pick up della polizia con cui hanno abbattuto la casa che inoltre era piena di alimentiari. Si sono portati via zaini con vestiti, denaro ed altri oggetti".

 

L'autorità ejidale assicura che con queste azioni, "il governo vuole distruggere la nostra organizzazione che porta avanti una lotta degna e giusta, perché difendiamo il nostro territorio dai suoi piani neoliberali ed i nostri diritti come popoli indigeni".

 

Il blocco è stato installato mercoledì 15, perchè il 13 erano stati arrestati Jerónimo Gómez Saragos, Antonio Gómez Saragos, Miguel Demeza Jiménez, Sebastián Demeza Deara, Pedro Demeza Deara e Gerónimo Moreno Deara, aderenti all'Altra Campagna che si ono distinti per aver difeso i loro diritti territoriali. Il giorno 16 si erano raggruppati altri aderenti "per esigere la liberazione dei compagni, distribuire volantini ed esporre striscioni".

 

Da parte sua il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (CDHFBC) oggi comunica che "su informazione pubblica del governo dello stato si sa che l'operativo del giorno 17 era per sgomberare il blocco. Tuttavia, in maniera arbitraria sono entrati nell'ejido, hanno smantellato la cabina di controllo di entrata alle cascate di Agua Azul che gli ejidatari gestivano da vari mesi e l'hanno distrutta".

 

Personale del CDHFBC ha interpellato due responsabili dell'operativo: il vicedirettore della delegazione della PGR in Chiapas ed un agente del Pubblico Ministero Federale che hanno dichiarato che esiste un'indagine preliminare "per attacco alle vie di comunicazione". Gli avvocati hanno chiesto di ritirare l'indagine, poiché il blocco era stato rimosso. Per tutto sabato distaccamenti della PEP sono rimasti all'incrocio di Agua Azul, Xanil e Agua Clara, e ci sono stati sorvoli di elicottero.

 

Lo stesso giorno è stato fermato Alfredo Gómez Moreno, su segnalazione di Juan Carlos Jiménez Hernández, membro di Opddic che accompagnava gli agenti di polizia. Il CDHFBC sottolinea che "la relazione tra membri di Opddic, funzionari di pubblica sicurezza ed autorità di investigazione è un modello reiterato nella zona per accusare aderenti dell'Altra Campagna e membri dell'EZLN".

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



Fw: Il governo reprime la protesta sociale

 

La Jornada – Domenica 19 aprile 2009

 

Il Centro Per i Diritti Umani chiede "Un'azione urgente" rispetto all'aggressione della polizia contro un villaggio zapatista

I governi federale e del Chiapas reprimono la protesta sociale, denuncia la ONG

La procura statale "viola i diritti" pubblicando le foto dei sei presuenti delinquenti

Hermann Bellinghausen, Inviato

 

 

San Cristóbal de las Casas, Chis., 18 aprile. "I governi federale e dello stato del Chiapas usano le forze di polizia per reprimere la protesta sociale", denuncia il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (CDHFBC) e chiede un'azione urgente dopo l'aggressione della polizia contro l'ejido San Sebastián Bachajón, municipio di Chilón, i cui abitanti sono aderenti all'Altra Campagna. 

 

Le forze di polizia hanno anche aggredito o coperto attacchi a basi di appoggio zapatiste del vicino villaggio San José en Rebeldía, all'incrocio delle cascate di Agua Azul, e ad Agua Clara, entrambi nel municipio autonomo Comandanta Ramona.

 

Il CDHFBC sottolinea che "la Procura Generale di Giustizia dello Stato (PGJE), in un'inserzione a pagamento su La Jornada e Cuarto Poder (17 aprile), ha pubblicato le foto di sei detenuti, accusati di essere assalitori, in chiara violazione della loro dignità, dato che a livello giudiziale non hanno potuto dimostrarloro i reati imputati loro. Li stigmatizza come delinquenti davanti alla società, in chiara violazione del diritto di presunzione di innocenza".

 

Bisogna dire che con l'enfasi data a questa informazione del governo, è sembrato perfino che avessero catturato importanti narcos o qualche ex procuratore di pessima fama; invece no. Si tratta solo dell'esibizione di una presunta "banda di assalitori". Anche se ,o fossero, meriterebbero intere pagine su tutta la stampa statale e nazionale, come in questo caso? 

 

Il ritorno degli alboristas riporta alle tattiche pubblicitarie dell'ultimo governo priista (1998-2000).

 

Il CDHFBC denuncia che "la PGJE stigmatizza i detenuti". Il giorno 15 truppe federali hanno sparato contro i manifestanti all'incrocio di Agua Azul, mentre chiedevano la liberazione di sei compagni accusati di essere assalitori.

 

Prima e durante l'operativo i poliziotti si sono riuniti con membri dell'Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic) denunciati come paramilitari legati agli assalti a turisti a Xanil, Agua Azul ed Agua Clara. Contemporaneamente, la polizia vuole "restituire" ad Opddic la cava di sabbia che illegalmente avevano sfruttato alcuni dei suoi membri, fino a che mesi fa è stata recuperata dall'ejido di San Sebastián.

 

La polizia ha anticipato alla stampa statale che "avrebbe sgomberato" gli zapatisti che vivono ad Agua Clara e "restituito" lo stabilimento balneare ai priisti delle vicinanze, così come le installazioni che questo gruppo ha lasciato nell'abbandono fin dal sessennio precedente. 

 

Secondo fonti ufficiali, l'operativo è federale, in conseguenza di una denuncia penale per il reato di attacchi alle vie federali di comunicazione.

 

Inoltre, le azioni di intimidazione, vessazione e provocazione di un convoglio della polizia nella regione autonoma ribelle zapatista San José en Rebeldía, "hanno fatto sì che i priisti della zona diventasse aggressivi contro le basi dell'EZLN".

 

Ad Agua Clara, dove i priisti si sono ripetutamente incontrati con gli agenti segnalando la casa di Eliseo Silvano, zapatista già torturato dalla polizia un anno fa, gli agenti hanno minacciato di entrare nella proprietà, ma fino al momento non l'hanno fatto.

 

L'organizzazione civile ritiene che "questi eventi sono la dimostrazione della criminalizzazione della protesta sociale; il governo del Chiapas usa la procura di giustizia ed i mezzi di comunicazione come strumenti di repressione, come ha fatto con altre organizzazioni in giorni recenti".

 

Tutto avviene nel contesto della costruzione imminente dell'autostrada San Cristobal-Palenque che comprendere come punto chiave dei progetti ecoturistici le cascate di Agua Azul, dove si trovano diversi villaggi in resistenza, zapatisti o dell'Altra Campagna.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)


Fw: Picchiati e arrestati e mostrati come delinquenti

 

La Jornada – Sabato 18 aprile 2009

 

Sono aderenti all'Altra Campagna di San Sebastián Bachajón; li difende il CDHFBC

Picchiati, arrestati e presentati come "assalitori" dal governo del Chiapas

Hermann Bellinghausen, Inviato

 

 

San Cristóbal de las Casas, Chis., 17 aprile. Con singolare enfasi, il governo del Chiapas ha esibito oggi come volgari "assalitori di autobus" sei contadini tzeltales dell'ejido San Sebastián Bachajón, aderenti all'Altra Campagna dell'EZLN, che si sono distinti per aver difeso i loro diritti territoriali nella zona delle cascate di Agua Azul, dove passerebbe la programmata autostrada  San Cristóbal de las Casas-Palenque.

 

Secondo gli stessi detenuti ed i loro difensori del Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (CDHFBC), gli indigeni sono stati obbligati sotto tortura a dichiararsi colpevoli dei presunti reati che la giustizia statale attribuisce loro, con l'abituale "sostegno" dell'Organizzazione per la Difesa dei Diritti Indigeni e Contadini (Opddic), organizzazione filogovernativa che controlla il centro turistico delle cascate nel municipio di Tumbalá, ed il cui accesso attraversa l'ejido di San Sebastián Bachajón, nella vicina Chilón.

 

Il CDHFBC "è venuto a conoscenza della detenzione arbitraria ed atti di tortura, maltrattamenti o pene crudeli, inumani e degradanti, e violazioni delle garanzie giudiziali" contro di loro. Secondo le informazioni ottenute "durante la visita medica in presenza del CDHFBC", Jerónimo Gómez Saragos è stato arrestato lunedì 13 ad Ocosingo da elementi della Polizia Statale Preventiva (PEP). Dichiara "che l'hanno picchiato al collo e sulla schiena"; mi hanno messo "una macchina fotografica ed un cellulare nelle taache dei pantaloni ed a Tuxtla Gutiérrez i poliziotti mi hanno messo un sacco in testa e versato dell'acqua, mi hanno bendato gli occhi, mi hanno messo un fazzoletto bagnato nel naso, mi hanno costretto a confessare e non mi hanno letto la mia deposizione".

 

Gómez Saragos, la cui faccia (come quelle dei suoi compagni) è apparsa oggi su decine di giornali come quella di un delinquente caduto nelle mani della giustizia, "non parla bene lo spagnolo, la sua lingua è il tzeltal; si nota una certa difficoltà nel movimento del braccio sinistro e zoppica dalla gamba destra", osserva il CDHFBC.

 

Lo stesso lunedì, nella comunità di Temó, Chilón, erano stati arrestati Antonio Gómez Saragos, Miguel Demeza Jiménez, Sebastián Demeza Deara, Pedro Demeza Deara e Jerónimo Moreno Deara, da elementi della PEP e della Polizia Stradale dello Stato (PEC). Secondo le loro testimonianze, "i poliziotti hanno rotto i vetri dell'auto e li hanno tirati fuori a calci e pungni". Antonio Gómez Saragos denuncia di essere stato picchiato dalla PEP durante la sua detenzione e che "sono stati costretti a dichiararsi assalitori e che portavano machete e coltelli". Gerónimo Moreno Deara ha l'incisivo superiore destro rotto, "perchè durante la cattura un poliziotto l'ha colpito col calcio della pistola". Dichiarano di appartenere "alla commissione che vigila la strada per gli assalti" nella zona di Salto del Tigre, vicino ad Agua Azul, e negano di portare passamontagna o machete. I detenuti sono detenuti da 30 giorni, "per i reati di furto aggravato e criminalità organizzata", riporta il CDHFBC.

 

(…)

 

Il 15 aprile è iniziato un blocco stradale all'incrocio di Agua Azul da parte di elementi dell'Altra Campagna di San Sebastián Bachajón, per chiedere la liberazione dei loro sei compagni. Dopo gli spari delle truppe federali, la mobilitazione si è ritirata. Reinstallato giovedì, oggi è stato rimosso quando 800 agenti statali si sono concentrati ad Ocosingo ed Agua Azul per sgomberare il blocco. Secondo le informazioni ricevute, hanno distrutto la cabina di pagamento dell'ingresso e questa notte pattugiavano ancora l'ejido.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)


Persecuzione contro la popolazione in Chiapas

 

La Jornada – Sabato 18 aprile 2009

 

Los de Abajo

 

PERSECUZIONE CONTRO LA POPOLAZIONE

Gloria Muñoz Ramírez

 

I sentieri nella selva Lacandona sono asciutti. I contadini hanno cominciato a bruciare la montagna per prepararla alla semina. Altri aspettano le prime piogge per avviare il ciclo e così impedire che gli incendi si espandano con le alte temperature. L'asfalto guadagna terreno nelle vallate. Da Las Margaritas la strada arriva ormai fino al villaggio zapatista di San José del Río, la comunità anfitrione del film Corazón del Tiempo. E si aspetta che arrivi fino alla comunità priista di San Quintín che ospita il quartiere militare più grande della zona. I camion strapieni di soldati continuano ad essere la costante dal 9 febbraio del 1995, quando il governo federale optò per la militarizzazione e paramilitarizzazione per eliminare gli zapatisti.

 

Dall'inizio della guerra, nel gennaio del 1994, in Chiapas sono passati sette governatori. Tutti, senza eccezione di colore o filiazione, hanno affrontato l'EZLN con le armi e senza, hanno tentando di tutto per minare le sue basi e senza alcuna originalità di tanto in tanto annunciano la morte del movimento. L'esistenza di centinaia di comunità in resistenza afferma il contrario.

 

Il governo di Jaime Sabines persegue la stessa politica di persecuzione e solamente in una settimana sono avvenute due aggressioni che provano che il Chiapas continua ad essere una polveriera nella quale operano in complicità tutti i livelli di governo.

 

Al grido di "Berremo sangue! Ammazziamo questi stronzi zapatisti! ", i membri del Partito della Rivoluzione Democratica (PRD) di Zinacantán hanno aggredito le basi di appoggio di Sok'on, villaggio spogliato della sua sorgente d'acqua da nove anni proprio da questo stesso gruppo. E' successo il 12 aprile scorso, quando 26 persone provenienti da Nachij, guidate dalle autorità perrediste municipali, hanno minacciato con picconi e bastoni la popolazione zapatista. "C'è un limite a tutto", avverte la giunta di buon governo con sede ad Oventic. In questa occasione, segnalano, "non è successo niente solo perché noi zapatisti non cadiamo nelle provocazioni (né) ci scontriamo contro i nostri fratelli indigeni, anche se sono usati dal malgoverno sabinista".

 

D'altra parte, nella zona nord dello stato l'Esercito federale ha sparato in sei occasioni per rompere il blocco che i coloni dell'ejido San Sebastián Bachajón avevano organizzato all'altezza delle cascate di Agua Azul per chiedere la liberazione di sei tzeltales catturati e torturati dallo scorso 14 aprile. Al presidio, oltre all'Esercito, erano arrivati elementi della Polizia Federale Preventiva (PFP) e della polizia statale che sono riusciti a rimuovere il blocco, anche se questo è stato reinstallato qualche ora dopo e fino al momento è sotto minaccia.

 

losylasdeabajo@yahoo.com.mx.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)


domenica 19 aprile 2009

Terra,Terra,Terra,Giovedì 23 aprile

http://www.danilodemarco.it/website/wp-content/uploads/01-brasile-assemblea-sem-terra.thumbnail.jpg

Giovedì 23 aprile

C.S.A. Intifada/Comunità in Resistenza, Ponte a Elsa, Empoli.

Terra,Terra,Terra,



Quel sistema globale basato sullo sfruttamento delle risorse e la distruzione ambientale, che oggi sta attraversando una profonda crisi e dimostrando i suoi profondi limiti, ha prodotto gravi squilibri tra Paesi ricchi e Paesi impoveriti, ci ha "regalato" brevetti e manipolazioni genetiche, ha provocato la diminuzione delle biodiversità e l' omologazione del gusto.


Ci sono però uomini, donne, movimenti, comitati, associazioni che lottano contro questo sistema di distruzione, che lottano per la sovranità alimentare, contro gli OGM, per la qualità dell'ambiente e del cibo, per la difesa, l'uso sostenibile e la democrazia delle risorse naturali, per le alternative energetiche, in una parola: per la nostra terra.



Invitiamo tutti e tutte, invitiamo gli agricoltori, invitiamo i comitati per l'ambiente, invitiamo i gruppi d'acquisto solidale, invitiamo tutte le realtà della società civile a partecipare a TERRA, TERRA, TERRA!, per assaggiare i prodotti del Gruppo di Acquisto  cucinati dall'Osteria Otro Mundo, per ascoltare storie collettive di un diverso rapporto con la terra ed i suoi prodotti, storie raccontate da chi sulla terra e con la terra ci vive.



Ore 20:

CENA

i prodotti del Gruppo d'Acquisto cucinati dall'Osteria Otro Mundo.

Costo della Cena:10 € (prenotazione obbligatoria)



Ore 21.30:

RACCONTI DALLA TERRA.

Francinaldo Correia, Movimento dos Trabalhadores Rurais Sem Terra (MST), Brasile.

Subramaniam Kannaiyan, Associazione dei contadini del Tamil Nadu, India.

Mauro Millan – Patagonia, Portavoce Popolo Mapuche

il Gruppo d'acquisto ed i "suoi" produttori; l'Osteria Otro Mundo.




 



Info e prenotazioni cena:

3381383792

giovedì 16 aprile 2009

Fw: Denuncia da Oventic

 

La Jornada – Giovedì 16 aprile 2009

 

La JBG di Oventic denuncia la provocazione del gruppo perredista di Sok'on ed afferma che il gruppo era guidato dalle autorità di Nachij, con l'appoggio del governo statale.

Denuncia che gli aggressori dal 2002 si sono appropriati di una sorgente delle basi di appoggio zapatiste

Hermann Bellinghausen, Inviato

 

San Cristóbal de Las Casas, Chis., 15 aprile. Perredisti della comunità Nachij, nel municipio tzotzil di Zinacantán, hanno aggredito con violenza le basi di appoggio dell'EZLN di Sok'on, villaggio al quale è stata sottratta la sorgente d'acqua dal 2002 dallo stesso gruppo perredista appoggiato dai governi municipali e statali. La giunta di buon governo (JBG) di Oventic oggi ha denunciato i fatti: 

 

"Lo scorso 12 aprile, verso le ore 15, a Sok'on sono arrivate 26 persone di Nachij a bordo di un camion di proprietà del municipio di Zinacantán con targa CY-94-500, di colore bianco".

 

Il gruppo di aggressori guidato dalle autorità di Nachij, Mariano Pérez Pérez (agente ausiliare municipale), José López Gómez (sostituto agente municipale) e Mariano Francisco Hernández Pérez (sostituto giudice rurale), gridava: "Berremo sangue! Ammazziamo questi stronzi zapatisti!".

 

Secondo la JBG, "tutti erano armati di picconi e bastoni che brandivano per provocare i nostri compagni e compagne". Fortunatamente, aggiunge, "non è successo niente, ma solo perché noi zapatisti non cadiamo nelle provocazioni (né) ci scontriamo con i nostri fratelli indigeni anche se sono usati dal malgoverno di Sabines. Anche se c'è un limite a tutto". 

 

La JBG di Oventic assicura che gli attaccanti sono "finanziati dal presidente municipale Antonio Vázquez Conde e dal governatore Juan Sabines Guerrero, che sono dello stesso partito, del PRD".

 

Senza accesso all'acqua

 

I perredisti, prosegue il racconto dell'autorità autonoma, "hanno attraversato i cortili dei nostri compagni e poi si sono diretti verso la sorgente d'acqua che si trova sulle terre dei compagni zapatisti, ma che dal 2002 gli stessi perredisti hanno sottratto recintando la sorgente con reti, lucchetti, muri di cemento e intubando l'acqua e da quella data rubano l'acqua portandola fino a Nachij impedendo l'accesso all'acqua degli zapatisti".

 

Domenica scorsa gli stessi perredisti che nel 2002 tesero un'imboscata e spararono su una marcia pacifica di basi zapatiste, "sono venuti a provocare e tagliare il tubo galvanizzato che loro stessi hanno collegato ed ora si sta solo sprecando acqua".

 

Quelli di Nachij "non hanno toccato la recinzione che hanno messo nel 2002 e mentre tornavano si guardavano intorno con paura, pensavano che noi avfemmo risposto con la violenza". La JBG afferma: "Non sappiamo quale sia la loro intenzione, ma quello che sappiamo bene è che stanno provocando i nostri compagni zapatisti che non sono caduti nella provocazione, ma pensiamo che forse getteranno la colpa dei danni che loro hanno fatto sulle basi di appoggio zapatiste, abbiamo già sentito commenti in proposito".

Il comunicato ribelle ricorda che da sette anni le basi di appoggio zapatiste di Sok'on vengono vessate da questi perredisti, "ma questo non succede solo a loro, ma anche a tutte le nostre basi di appoggio del municipio di Zinacantán". 

 

Questa vessazione "è spinta dalla presidenza municipale e permessa dal governatore Juan Sabines. Come JBG abbiamo chiesto alle nostre basi di appoggio di avere pazienza. A buon intenditor, poche parole", conclude il comunicato ribelle.

 

Comunicato completo della JBG

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/denuncias/1576

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)


mercoledì 1 aprile 2009

Il Chiapas e le sue prospettive future






La Jornada – Venerdì 27 marzo 2009

 

Il Chiapas e le sue prospettive future

Jaime Martínez Veloz

 

Il 27 dicembre 1994 arrivammo per la prima volta in Chiapas come i legislatori di quella che successivamente sarebbe diventata la Commissione di Concordia e Pacificazione (Cocopa). Una sola aspirazione univa tutti i membri di quella commissione: la pace in Chiapas con giustizia e dignità.

 

La sfiducia iniziale e comprensibile dell'EZLN verso la commissione legislativa andò svanendo nella misura in cui il lavoro collettivo cominciò a dimostrare, per la via dei fatti, che l'obiettivo della pacificazione in Chiapas non era un esercizio retorico, ma una convinzione collettiva di quella strana commissione legislativa.

 

Da allora e fino ad oggi, il proposito di una soluzione giusta e degna delle cause che hanno dato origine all'insurrezione armata zapatista nel 1994 è stato il punto di riferimento della mia presenza in Chiapas. Per quindici anni sono stato testimone delle vicende chiapaneche e modesto collaboratore in alcuni compiti legislativi o pubblici legati alle attività di pacificazione nello stato. L'insurrezione zapatista ha fornito molti insegnamenti al mondo ed al paese. Molti paradigmi sono caduti e ne sono apparsi di nuovi.

 

In mezzo ad un mare di discrediti, noi membri della Cocopa imparammo che nelle comunità indigene esistevano altri modi di intendere la vita e, pertanto, un altro modo di relazionarsi. Il tempo, i modi, i sogni e perfino il camminare nelle comunità indigene hanno un ritmo molto diverso dalla concezione della politica messicana tradizionale. Imparammo anche che la migliore compagna per riuscire a costruire opportunità tra le parti in conflitto è la discrezione.

 

Il Chiapas di oggi è diverso da quello del 1994. Sul piano politico esiste una nuova istituzionalità democratica, con nuove variabili, nuovi attori e nuovi modi di intendersi. Sussistono molte inerzie, ma sono lontani i tempi in cui anno dopo anno si cambiavano governatori con la conseguente instabilità con cui questa perniciosa pratica colpiva lo sviluppo delle istituzioni ed i piani e programmi di governo.

 

L'elemento di maggiore rilevanza che ha spinto la modernità chiapaneca è stato quello che ha goduto meno della stessa, cioè, lo zapatismo. Senza l'EZLN il destino del Chiapas e la sua realtà sarebbero differenti. Nel Chiapas attuale persistono ritardi ancestrali, ma oggi lo stato ha un'infrastruttura, un potenziale per il suo sviluppo e maggiori livelli di stabilità rispetto a quelli esistenti fino a prima dell'insurrezione zapatista. Il Chiapas di oggi ha delle prospettive per il futuro.

 

Dopo l'inadempimento del governo federale degli accordi di San Andrés Larráinzar, le basi di appoggio, le comunità e la comandancia zapatista crearono un metodo innovativo di intendimento, elaborazione delle differenze ed interlocuzione con altre comunità indigene attraverso le giunte di buon governo. Nonostante le loro modeste risorse, i risultati ottenuti dalle giunte di buon governo in materia di salute e educazione sono stati di successo. Il loro lavoro non solo è una maniera esemplare di affrontare l'avversità, ma costituisce inoltre un'esperienza che dovrebbe essere recepita da molte istituzioni messicane.

 

L'altro elemento distintivo per comprendere la governabilità chiapaneca è l'atteggiamento rispettoso del governatore dello stato, Juan Sabines Guerrero, nei confronti dello zapatismo. Sono lontani i tempi in cui il governante di turno, per fare bella figura col governo federale, incoraggiava le diserzioni di presunti zapatisti o permetteva il rafforzamento delle politiche di contrainsurgencia. Avendo chiaro che le parti in conflitto sono l'EZLN ed il governo federale, il governo dello stato svolge il suo compito, contribuendo con discrezione a distendere potenziali zone di conflitto. Nessun tema è semplice, ma con pazienza, volontà e sforzo si formulano schemi che permettano di ridurre le tensioni e creare condizioni affinché le comunità possano elaborare le loro differenze e trovare soluzioni per ogni situazione, per difficile che sembri.

 

Un terzo elemento è stato il prezioso apporto della società civile e delle organizzazioni sociali. Non è possibile spiegare quello che succede in Chiapas senza l'apporto dei molteplici sforzi collettivi.

 

Senza essere gli unici, ma i più rilevanti, potremmo citare in particolar modo quanto fatto dal Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas, fondato da don Samuel Ruiz García, vescovo emerito della diocesi di San Cristóbal. Il suo lavoro è stato un riferimento permanente nella difesa e protezione dei diritti umani dei settori più deboli della popolazione. Un altro sforzo di enorme ripercussione a beneficio delle comunità chiapaneche è quello realizzato dal 1969 dall'associazione civile Sviluppo Economico Sociale dei Messicani Indigeni, più nota come DESMI, con Jorge Santiago a guida della stessa, presente nelle zone Altos, Nord e Sud, dove mediante un metodo di lavoro comunitario si incoraggia e rafforza l'organizzazione comunitaria. Importante come i precedenti è lo sforzo realizzato dal Centro Integrale di Sviluppo e Formazione Indigena (Cideci), dove il dottor Raymundo Sánchez Barraza, alla guida di un collettivo sociale, è riuscito a consolidare un compito in cui, secondo le sue stesse parole, "il Cideci non è un centro solo per, ma anche degli indigeni. È un centro indigeno nel suo fare, nella sua definizione, nel suo modo di lavorare".

 

Questo tipo di sforzi della società civile si è costituito come un fattore di equilibrio nel mezzo di una realtà complessa, dove nonostante le molte contraddizioni sociali, politiche ed economiche esiste un insieme di fattori che spiegano come il Chiapas si sviluppa e costruisce il suo futuro, mediante la creatività, l'immaginazione di un popolo o di molti popoli, con una storia ed una cultura centenarie che costituiscono l'orgoglio nazionale. In Chiapas, come nel mondo, niente è per sempre, ma la governabilità attuale e le sue prospettive non sono un argomento di ispirazione, bensì l'espressione di uno sforzo collettivo che si costruisce e si rinnova in quotidianamente.

 

(Traduzione "Maribel" – Bergamo)



25 GB di spazio gratuito su Internet! Prova SkyDrive

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...