mercoledì 29 giugno 2011

Minacciate basi di appoggio dell'EZLN

 

La Jornada – Martedì 28 giugno 2011


Minacciate basi di appoggio dell'EZLN


Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 27 giugno. Nell'ejido San Marcos Avilés, municipio di Chilón, le basi di appoggio dell'EZLN sono minacciate di morte, perseguitate ed a rischio di sgombero forzato, ha comunicato questa notte il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba). Gli aggressori sono abitanti dello stesso ejido affiliati a PRI, PRD e PVEM.

Il Frayba ha allertato "sull'imminente rischio della vita, integrità e sicurezza personale che subiscono le basi zapatiste di San Marcos Avilés, poiché le minacce di morte sono aumentate", oltre all'occupazione ed esproprio di terre.

Hanno ricevuto minacce anche i membri dell'Accampamento Civile per la Pace installato nella comunità lo scorso aprile. http://www.jornada.unam.mx/2011/06/28/politica/015n3pol

 

Link: Azione Urgente del Frayba

 

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)

Pericolo di sgombero a Chilon


La Jornada – Mercoledì 29 giugno 2011

Il Centro Fray Bartolomé de las Casas denuncia la responsabilità dello Stato per omissione, e lancia l'allarme sul rischio di sgombero forzato nel municipio chiapaneco di Chilón

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 28 giugno. Le minacce di espulsione e di morte contro le basi di appoggio dell'EZLN nella comunità San Marcos Avilés, municipio di Chilón, denunciate lunedì, raggiungono proporzioni allarmanti per la seconda volta in meno di un anno. Il 9 settembre 2010, le famiglie zapatiste sono state sfollate per più di un mese dagli ejidatarios affiliati ai partiti politici PRI, PRD e PVEM. Gli stessi sono responsabili delle nuove aggressioni.

Il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) denuncia "la responsabilità dello Stato per omissione" in queste aggressioni, "poiché le autorità non hanno agito per garantire l'integrità e la sicurezza delle basi zapatiste e l'accesso alla terra". Questo, nonostante le denunce della giunta di buon governo (JBG) di Oventik ed i molti interventi inviati dallo stesso Frayba al governo del Chiapas.

L'organismo presieduto dal vescovo Raúl Vera, chiede la sospensione delle minacce di morte, della persecuzione e dei soprusi contro le basi di appoggio dell'EZLN da parte di elementi dei partiti politici dell'ejido, così come di proteggere e garantire la loro vita e sicurezza, "nel rispetto del loro processo autonomistico che da anni stanno costruendo nell'ambito del diritto alla libera determinazione dei popoli", sancito dalla OIL, dall'ONU e firmato dallo Stato messicano.

Le 170 persone sfollate da San Marcos Avilés lo scorso settembre, hanno fatto ritorno il 12 ottobre. In quell'occasione, la JBG di Oventik accusò il governo statale di essere responsabile di qualsiasi nuova aggressione contro i loro compagni che erano, e sono, perseguitati perché praticano l'autonomia in maniera pacifica. Bisogna ricordare che le prime aggressioni sono avvenute nell'agosto scorso, quando gli zapatisti hanno costruito una scuola del sistema educativo ribelle autonomo zapatista.

Il 9 settembre, 30 persone dell'ejido, membri dei partiti citati, capeggiati dar Lorenzo Ruiz Gómez e Vicente Ruiz López, hanno fatto irruzione violentemente, con bastoni, machete ed armi, nelle case degli zapatisti, dove hanno tentato di violentare due donne che sono riuscite a fuggire. Per non rispondere all'aggressione, le basi zapatiste si erano rifugiate in montagna. Dopo 33 giorni di sfollamento forzato, senza cibo e protezioni, hanno fatto ritorno nelle proprie case.

Il Frayba documentò allora che le abitazioni degli sfollati erano state saccheggiate di tutti i loro beni, compresi i raccolti di mais e fagioli. Le coltivazioni e piantagioni di caffè ed alberi da frutta erano stati distrutti e gli animali da cortile rubati.

Da allora, il centro ha informato "molte volte" le autorità sulla situazione in San Marcos Avilés, "al fine di sollecitare il compimento del loro obbligo di garantire l'integrità e la sicurezza degli abitanti, e cercare una soluzione al conflitto". Ciò nonostante, dal governo "non c'è mai stata risposta".

Il 6 aprile di quest'anno nell'ejido è stato installato un accampamento civile per la pace i cui osservatori civili sono stati minacciati, cosa senza precedenti che illustra l'escalation delle aggressioni contro le basi zapatiste.

Non sono fatti isolati. Simili situazioni di vessazione da parte di gruppi di partito avvengono di continuo nei municipi autonomi zapatisti Lucio Cabañas e Comandanta Ramona, ed in ejidos di aderenti dell'Altra Campagna, come Jotolá e San Sebastián Bachajón, tutto questo nel municipio ufficiale di Chilón. http://www.jornada.unam.mx/2011/06/29/politica/018n1pol

 

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)

La guerra sporca e la protervia di Calderon

 
-----

La guerra sporca di Calderón: un Paese nel baratro

http://revistaemet.net/sitio.php

 

Dopo che Felipe Calderón ha rifiutato pubblicamente di modificare la strategia della "guerra al narcotraffico", sostenendo di essere "pronto a pagarne i costi "morali", senza assumersi la colpa e la responsabilità per gli oltre 40 mila morti e le più di 10 mila sparizioni, la società civile organizzata si è rammaricata della sua decisione, la Chiesa cattolica ha accusato il governo corrotto che egli guida di essere il colpevole del fatto che ogni giorno altri giovani alimentino le fila della delinquenza organizzata, l'UNAM ha confermato il grave deficit educativo del paese e la cancellazione del futuro delle nuove generazioni, la Commissione Nazionale dei Diritti Umani ha denunciato che le denunce in materia di violazione dei diritti umani sono aumentate del 45% rispetto all'anno scorso e l'ONU ha rivelato che negli Stati Uniti si è ridotto il consumo di droga, nonostante si consumino annualmente 157 tonnellate di cocaina ed i suoi tossicodipendenti spendono più di 37 mila milioni di dollari solo per questo stupefacente.

 

Dopo il fallimento del dialogo con i membri del Movimento del Messico per la Pace con Giustizia e Dignità, nel Castello di Chapultepec, che è stato un dialogo tra sordi per la stoltezza dell'inquilino di Los Pinos, il suo ufficio stampa si è preoccupato di trasformare il circo montato per il michoacano in un "successo" della sua amministrazione ed in un "avvicinamento" col popolo, di diffondere che è stata "un'esperienza intensa ed istruttiva", di ribadire che non è colpa del governo l'ondata di violenza che deteriora il paese e le decine di migliaia di morti e scomparsi e di utilizzare tutti i mezzi di comunicazione a questo scopo. Il "lavarsi le mani" di Calderón, l'elusione delle responsabilità e la reiterazione che la guerra irregolare ed incostituzionale contro i cartelli della droga proseguirà fino alle sue ultime conseguenze, prosegue dal pomeriggio di giovedì ed il martellamento proseguirà senza alcun dubbio per tutto il fine settimana.  ...…

 http://revistaemet.net/sitio.php?site=news&content=1&id=2264

 

lunedì 27 giugno 2011

Liberati i due zapatisti sequestrati


La Jornada – Domenica 26 giugno 2011

Liberati i due indigeni basi di appoggio dell'EZLN; sono stati torturati e feriti

Hermann Bellinghausen. Inviato. Ocosingo, Chis., 25 giugno. Torturati, feriti e crudelmente vessati, i due indigeni basi di appoggio dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN), del municipio autonome Lucio Cabañas, sono stati liberati giovedì dai loro sequestratori dell'Organizzazione Regionale dei Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao) che li trattenevano dal giorno 20. La situazione continua ad essere tesa nella regione Primero de Enero, vicina a questa città, e le basi zapatiste stanno di guardia nella sede autonoma.

La giunta di buon governo (JBG) Corazón del arco iris de la esperanza, nel caracol Torbellino de nuestras palabras, nell'ejido Morelia, ha comunicato che Alberto e Pablo, come si sono identificate le vittime, sono feriti. Il giorno 23 si sono ammalati "e non hanno mai ricevuto un trattamento umano". Sono stati sequestrati per ottenere la loro "resa".

Alberto presenta "un taglio da bastonata dietro la testa e continua a sanguinare per i colpi subiti, perde sangue da bocca e naso ed ha abrasioni e lividi su tutto il corpo". E Pablo "è nelle stesse condizioni, perde sangue dalle orecchie, ha il viso tumefatto, le labbra rotte, ha perso un dente e non può parlare né camminare per i colpi subiti alle gambe".

Il 21 giugno, il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba) aveva cercato di vederli nel villaggio Patria Nueva, ma i loro sequestratori l'hanno impedito. Con questi ostaggi, la Orcao pretendeva "fare pressione sulla JBG per dialogare con i suoi leader". La giunta si domanda: "Di che cosa vogliono che parliamo? La terra è recuperata dal 1994, la stiamo coltivando da 16 anni in tutta tranquillità".

I dirigenti della Orcao, Antonio Suárez Cruz e Cristóbal López Gómez, "El Sadam", leader di Sibak já, "tentano di nascondere i loro reati dicendo che il terreno dove lavorano i nostri compagni sono stati concessi in amministrazione fiduciaria dal malgoverno", un programma che risale al periodo di Roberto Albores Guillén (chiamato El Croquetas dagli zapatisti). "Ricorderete la ferocia nel suo governo per smantellare i municipi autonomi e distruggere i popoli zapatisti. Sulle ceneri create da Albores Guillén arde il fuoco che oggi divampa".

Allora, aggiunge la JBG, "subimmo provocazioni, intimidazioni, vessazioni… affinché la nostra lotta sembrasse una lotta tra indigeni". Ora, con la presunta "legalizzazione" governativa della terra, "sotto la farsa della legge che loro si sono inventati" vogliono far passare gli zapatisti come "provocatori".

Gli zapatisti accusano di "riattivare la persecuzione" attraverso la Orcao, i governi federale, statale e municipale, rispettivamente, Felipe Calderón Hinojosa, Juan Sabines Guerrero ed Arturo Zúñiga Urbina (di estrazione panista), che formano "una squadra di sobillatori, incominciando dagli scagnozzi locali e regionali della Orcao chiaramente noti che obbediscono a quello che dicono gli scagnozzi più in alto, attentatori dei nostri diritti perché non condividiamo gli inganni che stanno facendo nel nostro paese".

La mattina del giorno 23 giugno, davanti ai loro rapitori della Orcao, gli ostaggi hanno raccontato di essere stati picchiati e derubati di mais, fagioli, canna da zucchero, rotoli di filo spinato, materiali per il lavoro nei campi, coperte, zaini e la loro casa è stata bruciata". Ciò nonostante, "il nostro compagno si è reso conto che molti che militano nella Orcao vengono ingannati"sui motivi dello scontro". Pablo ed Alberto "di giorno erano rinchiusi nella prigione della comunità e di notte li portavano in una sala della scuola, lontano dalla comunità, sorvegliati da 30 persone. Verso le 3 del mattino ritornavano in prigione. Non hanno mai ricevuto acqua, coperte ed hanno sofferto le punture di zanzare e la fame".

Alla fine, quelli della Orcao hanno obbligato gli ostaggi a firmare un documento sotto la minaccia di essere nuovamente picchiati; poi li hanno lasciati andare.

 

In altro ordine, il Comitato dei Diritti umani Oralia Morales, il Frayba ed il Movimento per la Giustizia del Barrio hanno reso nota la liberazione senza accuse, lo scorso 6 giugno, di Patricio Domínguez Vázquez, base di appoggio zapatista dell'ejido Monte Redondo, chi si trovava in carcere senza motivo a Motozintla dal 14 aprile, come aveva denunciato allora la JBG di La Realidad. Le organizzazioni civili manifestano preoccupazione per l'integrità e la sicurezza di Bersaín Palacios de León, anch'egli contadino di Monte Redondo (Frontera Comalapa) che ancora si trova in prigione. http://www.jornada.unam.mx/2011/06/26/politica/019n1pol

Comunicato completo della JBG di Morelia


(Traduzione "Maribel" - Bergamo)

giovedì 23 giugno 2011

Sequestrati due zapatisti ad Ocosingo

 

La Jornada – Giovedì 23 giugno 2011

Sequestrati e torturati due zapatisti ad Ocosingo

HERMANN BELLINGHAUSEN

Ocosingo, Chis., 22 giugno. La giunta di buon governo (JBG) del caracol di Morelia ha denunciato aggressioni e tentativi di espulsione e esproprio contro basi di appoggio dell'EZLN da parte di membri dell'Organizzazione Regionale dei Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao), che tengono sotto sequestro e tortura due zapatisti nell'ejido Patria Nueva.

Da anni, dice la giunta, "queste persone ripetono le loro provocazioni per problemi legati alla terra che abbiamo recuperato dopo il gennaio del 1994 e che ci vogliono togliere con la forza".

I nuovi fatti risalgono al giorno 10 nella comunità Mártires, municipio autonomo Lucio Cabañas, quando gente della Orcao che vive nell'ejido Patwitz (Chilón) è arrivata a casa di Antonio Pérez López ad intimargli di abbandonare l'EZLN e passare alla Orcao. L'hanno interrogato – denuncia la JBG – con "tono minaccioso e dalla sua risposta negativa hanno agito secondo i loro piani".

Hanno tagliato la piantagione di chile e la milpa di Pérez López. Hanno raccolto un ettaro di caffè dal campo collettivo. Il giorno 11 "sono continuati i danneggiamenti con la distruzione del recinto e si sono 'presi le misure' del terreno per per ognuno della Orcao; praticamente ci stavano dicendo che volevano espellerci".

Il giorno 15 sono tornati "per lavorare il terreno che presumevano spettasse loro; avevano machete, zappe e pompe per fumigare ed inquinare le nostre terre". Inoltre, hanno rubato l'acqua della famiglia che vive sul posto rimuovendo il recipiente per estrarre l'acqua dal pozzo; "di questo modo hanno avvelenato l'acqua e si sono portati via due rotoli di filo spinato".

Il giorno 17 "hanno rimosso il recinto di filo di ferro ed i pali" trasformandoli in legna, e si è  persa una mucca. Il giorno 20, le basi zapatiste si sono organizzate "per ripristinare il recinto". Quelli di Patwitz hanno bloccato la strada che porta a questo terreno. "I nostri compagni sono entrati passando da un'altra parte e quando quelli della Orcao l'hanno saputo sono andati sul posto dove stavamo lavorando", aggiunge la JBG.

"Hanno cercato dei bastoni per picchiare i compagni, mentre altri si sono diretti verso la loro casa per distruggerla". Prima di incendiarla, l'hanno saccheggiata ed hanno bruciato gli zaini di quelli che stavano lavorando lì. Due zapatisti, Pablo e Alberto, sono stati catturati e condotti a Patwitz, "li hanno fatti salire in macchina e li hanno picchiati".

Cristóbal López Gómez (El Sadam) ed i rappresentanti locali della Orcao "hanno convocato una riunione per discutere che cosa fare della casa grande, dove si riuniscono i nostri compagni della regione Primero de Enero, e dei due catturati". Il 21, hanno raccolto circa 125 persone di diverse comunità per portare i fermati nell'ejido Patria Nueva, vicino ad Ocosingo. Mentre li trasferivano continuavano a picchiarli. Dice la JBG che, fino ad ora, "continuano a minacciare di bruciarli vivi e di distruggere la casa dove facciamo le riunioni".

La giunta zapatista denuncia che gli aggressori sono guidati da López Gómez (di Patria Nueva) e dai leader della Orcao di Sibak'já  e  El Sacrificio La Esperanza. "Prima non credevamo che fossero paramilitari, ora, con questi fatti, la cosa è chiara".

La JBG denuncia anche aggressioni e furti di membri di Orcao ad Abasolo contro il nuovo villaggio zapatista di San Diego. Le autorità ribelli segnalano infine che il 20 giugno, "mentre Juan Sabines benediceva mentendo le sue opere ingannevoli nei municipi ufficiali di Sitalá, Pantelhó ed Altamirano, si è visto il buon samaritano regalare zaini a persone manipolate ed alcune banconote per tranquillizzarle". Questi "attacchi economici ed ideologici contro i nostri popoli" sono accaduti "mentre i suoi complici della Orcao, nello stesso giorno, picchiavano i compagni per la nostra resistenza e per lavorare e difendere le nostre terre".

Da parte sua, il dirigente della Orcao, Antonio Juárez Cruz, ha ammesso che militanti della sua organizzazione da questo lunedì trattengono due zapatisti a Patwitz, per la presunta disputa di 32 ettari. Afferna che il problema è iniziato quando circa 100 zapatisti si sono impadroniti della proprietà San Antonio Chivaljá, "acquisito dalla Orcao con una fideiussione" col governo. http://www.jornada.unam.mx/2011/06/23/politica/020n1pol

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)

venerdì 10 giugno 2011

Subcomandante Marcos al Movimiento Ciudadano por la Justicia 5 de Junio

 
 

vi mando questo comunicato del sup, rivolta ai genitori dei bambini che morirono due anni fa in un asilo. la causa fu incuria (per essere sintetici) e quello che é successo dopo... impunitá, anche perché uno dei responsabili ha le spalle ben coperte

il comunicato é preceduto da una bella poesia

un abbraccio
suna

Lettera del Subcomandante Insurgente Marcos al Movimiento Ciudadano por la Justicia 5 de Junio

 

 

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

Messico, Giugno 2011

 

 

"El dolor nos recuerda

Que podemos ser buenos,

Que alguien mejor nos habita,

Que corre en noble sentido el río de las lágrimas.

 

Dolor llamamos al envés de la hoja de la risa,

A la tiniebla que queda al otro lado de la estrella

Que en tu frente tenía apacible nombre

Y orientaba nuestros pasos día a día.

 

Dolor es el combustible con que arde

La llama de recuerdos que ilumina

Una noche del olvido derrotado

Por el rayo de tu risa al revolar.

 

Dolor se llama el duelo

De vivir por tu memoria."

 

Frammento di "49 Globos".

Juan Carlos Mijangos Noh.

 

 

A: MOVIMIENTO CIUDADANO POR LA JUSTICIA 5 DE JUNIO, ai familiari dei bambini e delle bambine morti e feriti all'Asilo ABC il 5 giugno del 2009, ed a tutti coloro solidali con la loro lotta.

Hermosillo, Sonora, Messico.

 

Da: Subcomandante Insurgente Marcos.

Chiapas, Messico.

 

Scrivo a nome delle donne, uomini, anziani e bambini dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, per salutarvi ed esprimere il nostro rispetto ed ammirazione per la vostra degna lotta. 

Non è facile tirar fuori parole dal dolore, noi lo sappiamo. 

E dalla rabbia? 

Dal sapere che i malgoverni ignorano di proposito il reclamo di giustizia? 

Dal vedere come si manipola il calendario per simulare giustizia e per calcolare che la dimenticanza coprirà la morte? La morte assurda di 49 piccoli e le decine di feriti, bimbi senza altra colpa se non quella di essere nati in un paese dove il governo ha unito il nepotismo alla corruzione e all'impunità.

Poco o niente possiamo aggiungere a quello che le vostre degne parole hanno denunciato su quanto accaduto: la disgrazia che si abbatte su chi né l'aspettava né la meritava; l'irresponsabilità che l'ha favorita; la complicità di governi, legislatori e giudici; il continuo rimandare l'indagine approfondita. Ed i nomi e le immagini delle bambine e dei bambini, le azioni e le mobilitazioni per onorarli nel modo migliore, cioè, chiedendo la punizione dei responsabili, la giustizia per le vittime e l'adozione di misure che impediscano che la tragedia si ripeta.

Abbiamo saputo di tutto questo e di altro dalla vostra pagina internet (http://www.movimiento5dejunio.org ) e dal libro "Siamo noi i colpevoli" di Diego Enrique Osorno, che ricostruisce il rompicapo della tragedia. 

La morte di una bambina, di un bambino, è sempre sproporzionata. Investe e distrugge tutto quanto le sta intorno. Ma quando questa morte è seminata e coltivata dalla negligenza e dall'irresponsabilità di governi che hanno trasformato l'inettitudine in affare, qualcosa di molto profondo scuote il cuore collettivo che in basso fa girare la pesante ruota della storia.

Dunque le domande crescono: perché? chi sono i responsabili? che cosa si fa affinché mai più si ripeta questa tragedia? 

Ed è stato lil vostro impegno ciò che ci ha dato le risposte. Perché dall'alto abbiamo visto solo disprezzo, scherno, simulazioni e bugie. 

La bugia è sempre un oltraggio, ma quando dal Potere si trama per nascondere a familiari ed amici, è una vergogna. 

Là in alto non si sono pentiti. Non lo faranno. Invece di onorare i bimbi morti nell'unico modo che sarebbe loro permesso, cioè, attraverso la giustizia, continuano nei loro giochi di guerra dove loro vincono e tutti perdono. 

Perché non è rassegnazione davanti alla morte quello che si predica da lassù. Quello che vogliono è il conformismo di fronte all'irresponsabilità che ha bruciato e ferito quelle vite.

Lontani come siamo, per calendario e geografia, non mandiamo parole di conformismo né di rassegnazione. Non solo perché né l'uno né l'altro possono far fronte alle conseguenze di questo crimine che ora compie 2 anni. Ma anche, e soprattutto, perché la vostra lotta ci suscita rispetto ed ammirazione per la vostra causa, per il vostro agire ed il vostro impegno. 

Là in alto dovrebbero sapere che unisce non solo il dolore, ma anche l'esempio di lotta tenace che si muove in quel dolore. 

Perché voi, uomini e donne portati dalla disgrazia in questa lotta, siete esseri straordinari che risvegliano la speranza in molti angoli del nostro paese e del pianeta.

Come sono straordinari quegli uomini e quelle donne che di nuovo, nella Carovana per la Pace con Giustizia e Dignità, ricordano a chi malgoverna, ai criminali ed al paese intero, che è una vergogna non fare niente quando la guerra si impossessa di tutto. 

Da uno di questi angoli, dalle terre indigene del Chiapas, le zapatiste, gli zapatisti, vi guardiamo dal basso, sapendo che il dolore ingigantisce anche i passi se sono degni. 

E queste righe che ora vi scriviamo, sono animate solo dal desiderio di dirvi una cosa:

Benedetto il sangue che ha dato la vita a queste bambine e bambini, e maledetto il sangue di chi gliel'ha tolta.

E dirvi di contare su di noi che, benché lontani e piccoli, riconosciamo la grandezza di chi sa che la giustizia si ottiene solo con la memoria e mai con la rassegnazione. 

Forse un giorno verrete in queste terre. Qua troverete un cuore scuro che vi abbraccerà, orecchie attente per ascoltare, ed una storia pronta ad imparare da voi.

Perché le grandi lezioni, quelle che cambiano il cammino della storia, vengono esattamente dalle persone che, come voi e coloro che ora marciano, fanno della memoria la strada per crescere. 

Con voi, e con chi ora marcia, potremo allora, insieme, voi, loro, noi, pronunciare parole dove il dolore sia una cicatrice che ci ricordi e ci impegni a che mai più si ripeta la disgrazia, e che finalmente termini il sanguinoso carnevale con cui in alto festeggiano l'impunità e la vergogna. 

Mentre tutto questo accade, da qua continueremo ad ascoltarvi e ad imparare da voi. 

Vale. Salute e che finalmente la giustizia avanzi in basso.

 

Dalle montagne del Sudeste Messicano.

Subcomandante Insurgente Marcos

Messico, Giugno 2011

 

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2011/06/06/6-de-junio-sci-marcos-carta-al-movimiento-ciudadano-por-la-justicia-5-de-junio/

 

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)


_______________________________________________
Ezln-it mailing list
Ezln-it@lists.ecn.org
http://lists.ecn.org/mailman/listinfo/ezln-it



_______________________________________________
Ezln-it mailing list
Ezln-it@lists.ecn.org
http://lists.ecn.org/mailman/listinfo/ezln-it

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...