mercoledì 30 marzo 2011

Gianni Proiettis - El amigou amerikano

 



POPOCATÉPETL - La lava del Messico

a cura di Gianni Proiettis - 28 marzo 2011

El amigou amerikano

Wikileaks comincia a fare le prime vittime nella diplomazia. Dopo il ritiro di Gene Cretz, ambasciatore Usa in Libia, che si dileggiava a descrivere le bionde e formose infermiere di Gheddafi, è la volta di Carlos Pascual, ambasciatore gringo – anche se nato a Cuba –a Città del Messico che ha presentato il 19 marzo le dimissioni "per motivi personali".

In realtà, il ritiro di Pascual è la logica conclusione di una serie di incidenti che hanno messo a nudo l'inarrestabile interventismo statunitense a sud del Rio Bravo – iniziato con il Piano Mérida di lotta al narcotraffico e arrivato recentemente a sopravvoli di droni a sud della frontiera – così come il simmetrico servilismo del governo messicano, che è arrivato a chiedere aiuto a Washington per rendere governabile Ciudad Juárez.

La notizia che ha innescato una dinamica distruttiva nei rapporti fra Messico e Stati uniti è stata la venuta a galla dell'operazione "Fast & Furious", una notizia che non smette di sollevare onde: negli ultimi quindici mesi le autorità statunitensi, attraverso l'Atf (Alcohol, Tobacco and Firearms, l'ufficio federale incaricato del controllo delle armi da fuoco), hanno rifornito di armi da guerra i cartelli dei narcos messicani.

La rivelazione, fatta in un programma di Cbs News lo stesso giorno (3 marzo) in cui il presidente Calderón era in visita ufficiale a Washington, ha già provocato un terremoto negli ambienti politici dei due paesi.

Non fosse stato per la morte di due agenti gringos crivellati da quelle stesse armi – il primo, Brian Terry, era un agente della Border Patrol ucciso in uno scontro a fuoco a dicembre in Arizona, l'altro, Jaime Zapata, un agente dell'Ice (Immigration and Customs Enforcement) trucidato da una banda armata a metà febbraio nel corso di una missione undercover in Messico – dell'operazione Fast & Furious non se ne sarebbe saputo nulla. E' stato uno degli agenti che vi partecipavano, il 39enne John Dodson, con una grave crisi di coscienza e ora con una gran paura di perdere il posto, a fungere da gola profonda.

Nel programma della Cbs, John Dodson ha vuotato il sacco: l'operazione Fast & Furious, che era stata approvata dal dipartimento di Giustizia, prevedeva che, contrabbandando armi all'interno del Messico e seguendone il percorso, si sarebbe arrivati agli ultimi destinatari, sgominando così intere gang di criminali. In realtà, l'Atf non aveva mai effettuato alcun arresto di rilievo – solo ora, a scandalo esploso, sono stati resi noti una ventina di arresti, ma di semplici "straw buyers", trafficanti minori e prestanomi – e aveva finito per mettere in mano alla delinquenza organizzata un arsenale sufficiente per un piccolo esercito. Più di duemila armi di grosso calibro, dai classici kalashnikov ai famigerati Barrett 50 prediletti dai narcos, i mitragliatori con mira telescopica che sfondano le auto blindate (e, secondo un marine dimostratore in Youtube, "se ben usati, possono segare in due un uomo a duemila metri").

Il fatto che quell'armamento cominciasse a seminare vittime fra i loro colleghi ha spinto vari agenti che partecipavano all'operazione, fra cui lo stesso Dodson, a manifestare le loro inquietudini ai propri superiori. Che, a quanto pare, li avrebbero tranquillizzati dicendo: "Ragazzi, se si vuole fare un'omelette, bisogna per forza rompere le uova". Significa che una certa dose di illegalità è necessaria e tollerabile, se si vuole imporre la legge?

Sia come sia, gli agenti "ribelli" hanno deciso di portare alla luce quella strana operazione e hanno richiamato l'interesse dei media dediti al giornalismo investigativo – primo fra tutti www.publicintegrity.org -, della Cbs e finalmente della commissione giustizia del Senato, presieduta dal repubblicano Charles Grassley, che ha aperto subito un'inchiesta.

In questi giorni, come bombe a grappolo, si sono ascoltate ripetute smentite da vari organi del governo Usa: nessuno ne sapeva un piffero dell'operazione Fast & Furious. Né Janet Napolitano, che pure dovrebbe vegliare sulla sicurezza interna del paese, né Hillary Clinton, che comunque ne ha approfittato per lamentare la violenza a sud del Rio Bravo e chiedere un rafforzamento della frontiera Messico-Guatemala, magari con l'aiuto statunitense. Anche il procuratore generale Eric Holder ha considerato "inaccettabile" un'operazione che ha fatto entrare illegalmente un armamento letale in Messico lasciandolo nelle mani della delinquenza organizzata.

A chi resterà in mano il cerino? Ai dirigenti dell'Atf che si sono inventati l'operazione, all'ufficio del dipartimento di Giustizia che l'ha autorizzata, a qualche funzionario minore che ci ha lucrato sopra? Perché c'è anche da considerare il giro d'affari milionario che sta sotto l'operazione, tanto che non è chiaro – ma dovrebbe uscir fuori – se si tratta di un business travestito da operazione di polizia o viceversa.

Per ora, a più di tre settimane dalle rivelazioni sul caso e con due commissioni d'inchiesta ancora al lavoro nei due paesi, la palla non smette di rimbalzare. Obama, il 26 marzo, ha dichiarato che è normale che i messicani non ne sapessero niente, visto che lui stesso era stato tenuto all'oscuro dell'operazione. Ma il dipartimento di Giustizia, secondo i propri funzionari, l'aveva autorizzata "dai suoi massimi livelli".

Quello che difficilmente si saprà, a meno di un miracolo futuro di San Wikileaks, è se queste operazioni – Fast & Furious, secondo lo stesso John Dodson, sarebbe solo la punta di un iceberg e neanche conclusa – rispondono a una strategia segreta diretta a destabilizzare il vicino del sud, lo storico "cortile posteriore", per estendervi il controllo e aumentare le ingerenze.

Sebbene con ritmi più latini, il pandemonio è scoppiato anche in Messico, dove si sente puzza di sovranità incenerita. Davanti a un governo che dice di non saperne assolutamente niente di questo "Rápido y Furioso", Camera e Senato stanno reclamando spiegazioni e avviando inchieste su un episodio considerato gravissimo e suscettibile di mettere in questione i rapporti fra i due paesi. Il Senato ha convocato urgentemente il ministro degli esteri Patricia Espinosa e l'ambasciatore messicano a Washington Arturo Sarukhán perché informino sull'argomento.

Le relazioni fra il Messico e gli Stati uniti, già in crisi da prima, hanno toccato fondo con l'esplosione del caso Fast & Furious, che potrebbe rivelarsi tanto dirompente come un nuovo scandalo Iran-contras. La recente visita di Calderón a Washington, che ha segnato il quinto incontro fra lui e Obama, si è centrata soprattutto sulla fallita guerra al narcotraffico, che ha aumentato l'ingovernabilità in Messico e rischia di contagiare con la crescente violenza il potente vicino del nord. Ora, le rivelazioni di Fast & Furious gettano una luce schizofrenica sulla lotta al narcotraffico imposta dall'amministrazione Obama e aprono interrogativi inquietanti.

A Washington, fino a una settimana fa, mentre Calderón si lamentava dell'ambasciatore statunitense in Messico Carlos Pascual – che lo ha dipinto come un presidente debole e incompetente nei cablo di Wikileaks – ma lo faceva allo sportello sbagliato (in interviste ai giornali, anziché per i canali ufficiali), il governo Usa aveva riconfermato la sua fiducia incondizionata al diplomatico, che non è solo un esperto in "stati falliti", quindi molto ben collocato sullo scacchiere, ma stava anche ottenendo succosi contratti con Pemex, l'ente petrolifero di stato, a beneficio delle compagnie statunitensi e in spregio alla Costituzione messicana.

Poi improvvisamente, lunedì scorso, ha presentato le dimissioni, riscuotendo il pieno apprezzamento di Obama e della Clinton, che lamentano il suo ritiro. Per Felipe Calderón, dicono gli opinionisti messicani, la caduta del proconsole Carlos Pascual, in carica dall'agosto 2009, è una vittoria di Pirro, che i gringos gli faranno pagare cara.

Nel gossip di Città del Messico faceva rumore la relazione dell'ambasciatore con Gaby Rojas,  figlia del capogruppo parlamentare del Pri, il dinosauro che vuole tornare al potere.

 

Senza troppo rumore, giovedì 10 marzo nella cittadina di Columbus, in New Mexico alla fontiera con Chihuahua, agenti federali hanno arrestato il sindaco, il capo della polizia e altri 11 funzionari pubblici della località di confine accusandoli di traffico di armi e droga. Gli arresti sono frutto di un'indagine realizzata congiuntamente dalla Dea (Drug Enforcement Administration), l'Atf (Alcohol, Tobacco and Firearms Department) e l'Ice (Immigration and Customs Enforcement) e confermano i sospetti di una crescente corruzione fra i funzionari della zona di frontiera.

Secondo un portavoce del Fbi citato dall'agenzia Notimex, i narcotrafficanti hanno aumentato le ricompense agli agenti e ai funzionari per ottenerne la collaborazione. "Esiste una tremenda tentazione, per qualcuno che è meno onesto, a lavorare con i delinquenti. Chi lavora sulla frontiera può farsi vari anni di stipendio in un paio di notti."

Due mesi fa è entrata in vigore una nuova legge che obbliga tutti gli aspiranti ad entrare in un corpo di polizia di frontiera a sottomettersi a un test con la macchina della verità.

Gli arresti di Columbus sono stati eseguiti un giorno dopo la commemorazione (non festiva) di un evento storico localmente rilevante: una scorribanda oltreconfine, con relativo saccheggio della cittadina, perpetrata da Pancho Villa e le sue truppe il 9 marzo del 1916. Curiosamente, il motivo dell'incursione era una rappresaglia contro un mercante d'armi che aveva truffato il generale Villa vendendogli munizioni inservibili.




lunedì 21 marzo 2011

Lettera di saluto di Marcos all'Assemblea della ReteTodos los Derechos para Todos

 

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

MESSICO

Marzo 2011

Alla 41 Assemblea Nazionale della Rete Nazionale di Organizzazioni Civili "Todos los Derechos para Todas y Todos"


Da: Subcomandante Insurgente Marcos.


Signore e signori.


Vi mandiamo i nostri saluti. Prima di tutto vogliamo ringraziare il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas AC. per l'invito che ci hanno fatto di mandare un messaggio amico alla vostra Assemblea Nazionale.

Ho il privilegio di conoscere personalmente qualcun@ di voi, ma conosciamo la maggioranza in un modo gratificante, cioè, per l loro lavoro.

Per questo, permettetemi di usare un tono colloquiale per questo messaggio-saluto. Se non me lo permettete, basta saltare tutto quello che segue e dire solo "l'EZLN manda un saluto". In ogni caso, ci sono sentimenti che non hanno ancora un alfabeto che permetta di esprimerli. 

Se state leggendo già queste righe, significa che mi avete concesso la forma colloquiale, ergo, procedo.

_*_

Sono sicuro che la maggior parte di voi, se non tutti, sapranno ascoltare in queste righe non i pensieri del SupMarcos, bensì quelli degli uomini, donne, bambini ed anziani dell'Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale. 

Nello stesso modo in cui noi, zapatiste e zapatisti, abbiamo saputo vedere nelle azioni di Don Samuel non solo quelle di un individuo, ma quelle di una collettività.

Ma oggi ricordiamo che, è vero, ora manca un viandante, ma la strada è lì. E sappiamo che chi la percorre collettivamente, riuscirà a trasformare il dolore in bandiera e deciderà di non dimenticare, e nemmeno di fermarsi.

Noi pensiamo che sia così perché, come nella storia di quest'assenza fisica, la sua strada ed il suo passo è la sua collaborazione, la sua ragion d'essere, la sua vita.

So che qualche idiota (solo maschi, bisogna ammetterlo) ha approfittato della scomparsa di Don Samuel per mettere l'EZLN contro la diocesi, e Don Samuel contro il SubMarcos rispetto a quello che accadde in queste terre quel Primo Gennaio 1994, per qualcuno ora dimenticato (non sono pochi quelli che, considerando i contributi democratici e sociali, saltano dal 1998 al 2006), o per vedere chi ha fatto o fa di più per i popoli originari del Chiapas e del Messico.

Con argomenti del tipo il "mio papa è più bravo", o ostentando la potenza maschilista del "vediamo chi ce l'ha più grande" o "vediamo chi arriva più lontano" o "vediamo chi fa più schiuma", questi personaggi hanno voluto infangare la significativa assenza di Don Samuel. 

C'è stato chi ha partecipato a questo gioco per bambini idioti o per politici (che sono la stessa cosa). E così hanno rivisto la storia per coprire la loro ignoranza, o per manipolare i nostri coscienti e premeditati silenzi. Arriverà il momento in cui la nostra parola raggiungerà quegli angoli oscuri, che sono stati occupati da chi vuole vincere questa contesa senza senso.

Noi no. Noi zapatisti non contendiamo un credito che in realtà appartiene a chi da 500 anni vuole uscire da un incubo che cambia regime politico o partito al potere, ma che continua ad imporre la sua dose di sfruttamento, abuso, repressione, disprezzo. 

Neppure aspiriamo o aneliamo ad una nota a piè di pagina nel pesante libro della storia contemporanea di questo angolo del mondo. 

L'unico credito che ci riconosciamo è quello dei nostri errori e mancanze che, è vero, non sono pochi né lievi, ma non comprendono l'incoerenza in nessuno dei suoi ipocriti aspetti.

Chi ha fatto o fa di più per le comunità indigene di questo angolo del Messico? 

Per quanto riguarda l'EZLN, noi rispondiamo che abbiamo fatto poco o niente. Invece, aggiungiamo umilmente che è molto, è tutto, quello che i popoli indios del Chiapas e del Messico hanno fatto per noi. Niente meno che darci identità, strada, direzione, destino, ragion d'essere. 

E non solo a noi. Anche a molti distanti e distinti nei calendari e nelle geografie del Messico e del mondo. 

Il posto che Don Samuel ha avuto ed ha tra le comunità indigene è quello che si è guadagnato nel suo cammino. Non solo lì, certo, ma ora parlo solo di quello che ho conosciuto di prima mano. E questo non dipende dalle qualità banali che, nei funesti giorni della sua scomparsa fisica, hanno condito gli interventi, articoli ed interviste di chi copre con le chiacchiere la sua mediocrità ed opportunismo.

_*_

Uno dei meriti di Don Samuel, gli dissi una volta, è che potendo scegliere se essere Onésimo Cepeda, scelse di essere Don Samuel Ruiz García. 

Proprio come tutte e tutti voi potevate scegliere di essere un'altra cosa rispetto a cosa siete ora, tuttavia avete scelto di essere, nei vostri rispettivi calendari e geografie, difensori promotori dei diritti fondamentali dell'essere umano.

E scegliendo questa identità, nello stesso tempo comune e differente (comune nel suo spirito, differente nella sua storia, luogo e tempo), non avete scelto la strada più facile, la più comoda, quella con più privilegi e maggiori compensi, ma una delle più difficili, scomode, ingrate. 

Perché, chi difende i diritti umani delle/dei difensori dei diritti umani? 

Infine, voi potevate scegliere, per fare un esempio, se essere Diego Fernández de Cevallos (chiedo scusa per le parolacce) e trasformare la gestione perversa delle leggi in una fonte di ricchezza e potere. 

O potevate scegliere di lavorare agli ordini di chi viola i diritti umani, cioè, con governi statali o federali, e nascondervi dietro il fragile alibi del "cambiare le cose dall'interno" o "attenuare le arbitrarietà dei governanti".

Ma voi, meglio di nessun altro conoscete le mille e una forma, alibi, pretesti e giustificazioni per fare o per smettere di essere quello che ora siete (e che è quello che motiva questa Assemblea ed il nostro saluto), cioè, la vostra identità. 

In sintesi: voi potevate scegliere di essere altre, di essere altri, tuttavia avete scelto di essere quello che ora vi convoca e vi riunisce

Ognuno ha la sua storia privata e personale di come è nata questa decisione, questo cammino, ed il fatto fondamentale, l'essere ora ostinati viandanti per un mondo migliore, non dipende da regali, articoli sui media, aneddoti in dibattiti o incontri, o capacità di stimare il valore umano in centimetri. 

Ed il riconoscimento di questa decisione non viene solo da chi vi persegue, vi minaccia, vi calunnia, vi colpisce, vi imprigiona, vi assassina o cerca di convincervi ad arrendersi, a cedere, a vendersi. Cioè, non viene solo dai molti governi di diverso colore.

Il riconoscimento per quello che avete scelto di essere, può venire anche da chi non ha i diritti elementari o li vede calpestati da chi ha la forza perché non ha la ragione. Da chi ha trovato nei vostri progetti, nei vostri passi, l'accompagnamento nella domanda del diritto fondamentale. Il diritto di avere tutti i diritti e di esercitarli.

_*_

A noi zapatisti hanno sempre suscitato ammirazione e rispetto le persone che, potendo scegliere di stare sopra, scelgono di stare sotto e con quelli che stanno sotto. 

Notare che non sto parlando di filiazione politica o di credo ideologico, ma di una posizione, di qualche chiara e semplice risposta alle domande "dove?", "con chi?", "di fronte a chi?"

E notare anche che, messe così, queste domande mettono in ridicolo le domande "chi è il migliore?", "chi fa di più?", "chi vince?"

Forse per qualcuno di lì la cosa importante saranno le risposte alle domande competitive. Non lo mettiamo in discussione. Ognuno fa uso del suo tempo secondo le sue possibilità… ed amicizie. 

Quello che voglio dire è che sono le vostre domande alle domande che danno identità, quelle che si riconoscono qua in basso. Dove, in basso, con chi, con chi lotta, contro chi, contro chi opprime. 

Questo riconoscimento che viene dal basso nessuno lo può contendere, né aspetta la certificazione di chicchessia delle geografie politiche, da un estremo all'altro. 

Ed a volte questo riconoscimento prende la forma di un saluto, come in questo caso in cui, attraverso le mie lettere, le comunità indigene zapatiste vi mandano un abbraccio col pretesto di questa Quarantesima Assemblea Nazionale.

_*_

Quarantuno assemblee sono molte, è vero, ma sembra che quella di quest'anno si svolga in tempi particolarmente delicati. 

Delicati per la violenza diffusa su tutto il territorio nazionale, e delicati per la violazione/negazione dei diritti umani che è la conseguenza di quella violenza esercitata fondamentalmente dallo stato.

Difficilmente si potrà trovare un altro calendario in cui la violazione e negazione dei diritti umani abbraccia tutta la geografia nazionale… e dove la difesa di questi diritti sia tanto pericolosa. 

Perché gli attentati ai diritti fondamentali (vita, libertà, beni, verità) ora vengono subito non solo dai settori sociali cosiddetti "vulnerabili". 

La violenza dilagante, col governo federale guidato dalla macabra brigata, non solo si estende su tutto il territorio nazionale e distrugge tutti gli ambiti della vita quotidiana. Ora  "democratizza" il suo arbitrio facendo vittime in tutti gli strati sociali.

Un oltraggio così nazionale e così attuale dovrebbe provocare una reazione di uguale estensione in identico tempismo, ma si vede che il calendario tracciato dall'alto, quello elettorale, impone altre priorità.  

Anche per questo questi tempi delicati. Perché lassù vogliono prendere posizione nella falsa alternativa elettorale. Non c'è bisogno che mi dilunghi nei pericoli che, per la strada che avete intrapreso, rappresentano questi appelli all'emergenza.

Chi lavorano sul serio nella difesa dei diritti umani sa bene che i diversi simboli politici al potere si contendono con entusiasmo solo la sistematica violazione dei diritti fondamentali. 

Noi confidiamo in coloro che hanno saputo ascoltare e guardare, e di conseguenza, hanno cercato di comprendere. 

Perché così come per noi il loro impegno è fuor di dubbio, così lo è anche la loro intelligenza e la loro capacità di analisi.

_*_

Bene, non voglio disturbare oltre. Ho visto l'agenda preliminare della vostra Assemblea e so che avete molto da fare… e solo un pranzo in 3 giorni (cosa che chiaramente è una violazione al diritto di fare pausa). 

Con l'abbraccio che vi mandiamo, va anche il nostro augurio di una buona assemblea. 

Come tutte le decisioni che realmente sono importanti e che fanno la differenza, quelle che voi prenderete in questi giorni non avranno eco né conseguenze immediate, ma saranno fondamentali per la geografia ed il calendario che sceglierà la vostra identità. 

Perché chi cammina sa che ogni passo conta, benché il percorso si renderà visibile solo giunti a destinazione. 


Salve e che, senza che importino rischi e maldicenze, si mantenga la vostra identità. 

Dalle montagne del Sudest Messicano

Subcomandante Insurgente Marcos

Messico, Marzo 2011


P.S. - Mi dispiace che la mia firma, e la data che scrivo in calce, contraddica le dicerie apparse su twitter, notizie e comunicati governativi sul mio stato di salute. Benché, bisogna dirlo, la cosa dell'enfisema polmonare e del cancro abbia provocato che non mi mandano più tabacco, questa è un chiara manovra contrainsurgente. Quindi è ufficiale. Non ho quello che dicono che ho… o non ancora. Dunque non temete e mandate tabacco, ed avrò cura di coprire la scritta che recita. "Fumare è causa di cancro ed enfisema polmonare. Fumare in gravidanza aumenta il rischio di parto prematuro e di neonato sotto peso (ovvero non potrò più dire "fat is beatifull"?) ed altri rischi riproduttivi" (cioè, non potrò vincere al concorso di "vediamo chi ce l'ha più grande"? bah, io ero già in fondo alla lista). In ogni caso, mandate tabacco.


Ora sì. Vale de nuez.


Dalle montagne… cof…cof…cof…arghhh…cof…cof…puah!…

Oh,oh… cos'è questo, un pezzo di polmone o di zucca non digerita?

Il Sup, che alimenta i pettegolezzi.

 

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)


lunedì 14 marzo 2011

Subcomandante Marcos: lettera completa a Don Luis Villoro

 
 

SULLE GUERRE

 

La lettera completa, anche in formato .pdf alla pagina: 

http://chiapasbg.wordpress.com


Ultima parte dello scambio espistolare tra il Subcomandante Marcos e Luis Villoro:


III.- NIENTE DA FARE?

A chi trae le sue meschine somme e sottrazioni elettorali da questo conteggio mortale, ricordiamo che: 

17 anni fa, il 12 gennaio 1994, una gigantesca mobilitazione cittadina (attenzione: senza capi, comandi centrali, leader o dirigenti) qui fermò la guerra. Di fronte all'orrore, la distruzione e le morti, 17 anni fa la reazione fu quasi immediata, contundente, efficace. 

Ora è lo shock, l'avarizia, l'intolleranza, la meschinità che lesina appoggi e convoca all'immobilismo... e all'inefficienza.

La lodevole iniziativa di un gruppo di lavoratori della cultura ("NON PIU' SANGUE") è stata screditata fin dall'inizio per non "essersi piegata" ad un progetto elettorale, per non aver rispettato il mandato di aspettare il 2012.

Ora che hanno la guerra nelle loro città, per le strade, nelle proprie case, che cosa hanno fatto? Dico, oltre a "piegarsi" davanti a chi ha "il progetto migliore".

Chiedere alla gente di aspettare il 2012? Che allora sì bisogna tornare a votare per il meno peggio perché allora si rispetterà il voto?

Se si contano più di 34 mila morti in 4 anni, sono oltre 8 mila morti all'anno. Cioè, bisogna aspettare altri 16 mila morti per fare qualcosa?

Perché si metterà al peggio. Se gli attuali candidati alle elezioni presidenziali del 2012 (Enrique Peña Nieto e Marcelo Ebrard) governano le entità con maggior numero di cittadini, non c'è d'aspettarsi che lì aumenterà la "guerra contro la criminalità organizzata" con la sua scia di "danni collaterali"?

Che cosa faranno? Niente. Proseguiranno sulla stessa strada dell'intolleranza e della demonizzazione di quattro anni fa, quando nel 2006 tutto quello che non era a favore di López Obrador era accusato di fare gli interessi della destra. Quell@ che allora ci attaccarono e calunniarono, ora seguono la stessa strada nei confronti di altri movimenti, organizzazioni, proteste, mobilitazioni.

Perché la presunta grande organizzazione nazionale che si prepara perché nelle prossime elezioni federali vinca un progetto alternativo di nazione, non fa qualcosa adesso? Dico, se pensano di poter mobilitare milioni di messicani affinché votino per qualcuno, perché non mobilitarli per fermare la guerra e il paese sopravviva? O è un calcolo meschino e vile? Che il conto dei morti e delle distruzione sottragga punti al rivale e ne aggiunga al favorito?

Oggi, in mezzo a questa guerra, il pensiero critico viene di nuovo rimandato. In primo luogo: il 2012 e le risposte alle domande sui "galletti", nuovi o riciclati, per quel futuro che da oggi si sgretola. Tutto deve essere subordinato a questo calendario ed ai suoi passaggi: prima, le elezioni locali in Guerrero, Bassa California Sud, Hidalgo, Nayarit, Coahuila, Stato del Messico.

E mentre tutto precipita, ci dicono che la cosa importante è analizzare i risultati elettorali, le tendenze, le possibilità. Invitano a resistere fino al momento di tracciare il segno sulla scheda elettorale, e poi di aspettare che tutto si sistemi e si torni ad innalzare il fragile castello di carta della classe politica messicana.

Ricordano che loro si burlavano ed attaccavano chi dal 2005 invitava la gente ad organizzarsi secondo le proprie esigenze, storia, identità ed aspirazioni e non scommettere su qualcuno là in alto che risolvesse tutto?

Ci siamo sbagliati noi o loro?

Chi nelle principali città osa dire che può uscire tranquillo se non all'alba, almeno al tramonto? 

Chi fa suo quel "stiamo vincendo" del governo federale e guarda con rispetto, e non con paura, soldati, marinai e poliziotti?

Chi sono quelli che adesso si svegliano senza sapere se saranno vivi, sani o liberi al termine della giornata che comincia?

Chi non riesce ad offrire alla gente una via d'uscita, un'alternativa, che non sia aspettare le prossime elezioni?

Chi non riesce a lanciare un'iniziativa che davvero attecchisca localmente, non diciamo a livello nazionale?

Chi è rimasto solo?

Perché alla fine, chi rimarrà sarà chi resisterà; chi non si sarà venduto; chi non si sarà arreso; chi non avrà tentennato; chi avrà compreso che le soluzioni non vengono dall'alto, ma si costruiscono in basso; chi non avrà scommesso né scommette sulle illusioni che vende una classe politica vecchia che appesta come un cadavere; chi non avrà seguito il calendario di chi sta in alto né adeguato la sua geografia a quel calendario trasformando un movimento sociale in una lista di numeri di certificati elettorali; chi non sarà rimasto immobile di fronte alla guerra, aspettando il nuovo spettacolo di giochi di prestigio della classe politica nel circo elettorale, ma hanno costruito un'alternativa sociale, non individuale, di libertà, giustizia, lavoro e pace.

IV.- L'ETICA E LA NOTRA ALTRA GUERRA.

Prima abbiamo detto che la guerra è inerente al capitalismo e che la lotto per la pace è anticapitalista.

Lei, Don Luis, prima ha detto anche che "la moralità sociale costituisce solo un primo livello, precritico, dell'etica. L'etica critica incomincia quando l'individuo si allontana dalle forme di moralità esistenti e si pone domande sulla validità delle sue regole e comportamenti. Si può rendere conto che la moralità sociale non obbedisce alle virtù che proclama".

È possibile portare l'Etica nella guerra? È possibile farla irrompere nelle parate militari, tra i gradi militari, posti di blocco, operativi, combattimenti, morti? È possibile portarla a mettere in discussione la validità delle regole e dei comportamenti militari? 

O l'ipotesi della sua possibilità non è altro che un esercizio di speculazione filosofica?

Perché l'inclusione di questo "altro" elemento nella guerra sarebbe forse possibile solo come paradosso. Includere l'etica come fattore determinante di un conflitto porterebbe come conseguenza ad un'ammissione radicale: il rivale sa che il risultato della sua "vittoria" sarà la sua sconfitta. 

E non mi riferisco alla sconfitta come "distruzione" o "abbandono", bensì alla negazione dell'esistenza come forza belligerante. E' così, una forza fa una guerra che, se la vince, significherà la sua scomparsa come forza. E se la perde è lo stesso, ma nessuno fa una guerra per perderla (beh, Felipe Calderón Hinojosa sì).

E qui sta il paradosso della guerra zapatista: se perdiamo, vinciamo; e se vinciamo, vinciamo. La chiave sta nel fatto che la nostra è una guerra che non vuole distruggere il rivale nel senso classico. 

È una guerra che cerca di annullare il terreno della sua realizzazione e le possibilità dei rivali (noi compresi).

È una guerra per smettere di essere quello che ora siamo e così essere quello che dobbiamo essere. 

Questo è stato possibile perché riconosciamo l'altro, l'altra, l'altro che, in altre terre del Messico e del Mondo, e senza essere uguale a noi, soffre le stesse pene, sostiene resistenze simili, che lotta per un'identità multipla che non annulli, assoggetti, conquisti, e che anela ad un mondo senza eserciti. 

17 anni fa, il 1 gennaio 1994, si rese visibile la guerra contro i popoli originari del Messico.

Guardando la geografia nazionale in questo calendario, noi ricordiamo:

Non eravamo noi, gli zapatisti, i violenti? Non ci accusarono di voler dividere il territorio nazionale? Non si disse che il nostro obiettivo era distruggere la pace sociale, minare le istituzioni, seminare il caos, promuovere il terrore e distruggere il benessere di una Nazione libera, indipendente e sovrana? Non si segnalò fino alla nausea che la nostra richiesta di riconoscimento dei diritti e della cultura indigeni minava l'ordine sociale?

17 anni fa, il 12 gennaio 1994, una mobilitazione civile, senza appartenenza politica definita, ci chiese di tentare la strada del dialogo per ottenere le nostre richieste.

Noi abbiamo obbedito.

Più e più volte, nonostante la guerra contro di noi, abbiamo insistito con iniziative pacifiche.

Per anni abbiamo resistito ad attacchi militari, ideologici ed economici, ed ora il silenzio su quello che sta succedendo qua.

Nelle condizioni più difficili non solo non ci siamo arresi, né ci siamo venduti, né abbiamo tentennato, ma abbiamo anche costruito migliori condizioni di vita nei nostri villaggi.

Al principio di questa missiva ho detto che la guerra è una vecchia conoscenza dei popoli originari, degli indigeni messicani.

Più di 500 anni dopo, più di 200 anni dopo, più di 100 anni dopo, ed ora con questo altro movimento che reclama la sua molteplice identità comune, diciamo:

Siamo qua.

Abbiamo un'identità.

Abbiamo il senso della comunità perché non abbiamo aspettato né sospirato che arrivassero dall'alto le soluzioni di cui necessitiamo e che meritiamo. 

Perché non sottomettiamo il nostro cammino a chi guarda verso l'alto.

Perché, mantenendo l'indipendenza della nostra proposta, ci relazioniamo con equità con l'altro che, come noi, non solo resiste, ma ha costruito un'identità propria che gli dà appartenenza sociale, e che ora rappresenta anche l'unica solida opportunità di sopravvivenza al disastro. 

Noi siamo pochi, la nostra geografia è limitata, non siamo nessuno. 

Siamo popoli originari dispersi nella geografia e nel calendario più lontani. 

Noi siamo un'altra cosa.

Siamo pochi e la nostra geografia è limitata.

Ma nel nostro calendario non comanda l'incertezza.

Noi solamente teniamo a noi stessi.

Forse è poco quello che abbiamo, ma non abbiamo paura.

Bene, Don Luis. La saluto e che la riflessione critica animi nuovi passi.

Dalle montagne del Sudest Messicano.

Subcomandante Insurgente Marcos.

Messico, Gennaio-Febbraio 2011

 

http://enlacezapatista.ezln.org.mx/2011/03/09/apuntes-sobre-las-guerras-carta-primera-completa-del-sci-marcos-a-don-luis-villoro-inicio-del-intercambio-epistolar-sobre-etica-y-politica-enero-febrero-de-2011/

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)

 


sabato 12 marzo 2011

] Subcomandante Marcos: Sulle Guerre - Parte 2/2

 

SULLE GUERRE

La lettera completa alla pagina web: http://chiapasbg.wordpress.com


La Geografia della Guerra Moderna.

Se l'aspetto fisico lo riferiamo ad un esercito, cioè, ad un'organizzazione armata, quanto più forte è (cioè, più potere di distruzione possiede), tante più possibilità di successo ha. 

Se è l'aspetto morale ad essere riferito ad un organismo armato, quanto più legittima è la causa che lo anima (cioè, quanto più potere di convocazione ha), tanto maggiori sono le possibilità di raggiungere i suoi obiettivi.

Il concetto di guerra si è allargato: si trattava non solo di distruggere il nemico nella sua capacità fisica di combattimento (soldati ed armi) per imporre la volontà propria, era anche possibile distruggere la sua capacità morale di combattimento, benché avesse ancora sufficiente capacità fisica. 

Se le guerre si potessero mettere unicamente sul terreno militare (fisico, poiché ci riferiamo a questo), è logico aspettarsi che l'organizzazione armata con maggiore potere di distruzione imponga la sua volontà all'avversario (tale è l'obiettivo dello scontro tra forze) distruggendo la sua capacità materiale di combattimento.

Ma non è più possibile collocare nessun conflitto sul terreno puramente fisico. E' sempre più complicato il terreno su cui si svolgono le guerre (piccole o grandi, regolari o irregolari, di bassa, media o alta intensità, mondiali, regionali o locali).

Dietro quella grande ed ignorata guerra mondiale ("guerra fredda", come la chiama la storiografia moderna, noi la chiamiamo "la terza guerra mondiale"), si può trovare una sentenza storica che segnerà le guerre a venire.

La possibilità di una guerra nucleare (portata al limite dalla corsa agli armamenti che consisteva, grosso modo, in quante volte si era capaci di distruggere il mondo) offrì la possibilità di "un altro" finale di un conflitto bellico: il risultato di uno scontro armato poteva non essere l'imposizione della volontà di uno dei contendenti sull'altro, ma poteva presupporre l'annullamento delle volontà in lotta, cioè, della sua capacità materiale di combattimento. E per "annullamento" mi riferisco non solo a "incapacità di azione" (dunque un "pareggio"), ma anche (e soprattutto), a "scomparsa".

In effetti, i calcoli geomilitari ci dicevano che in una guerra nucleare non vi sarebbero stati vincitori né vinti. E ancora, non ci sarebbe stato nulla. La distruzione sarebbe stata così totale e irreversibile che la civiltà umana avrebbe ceduto il passo a quella degli scarafaggi

L'argomento ricorrente tra le alte sfere militari delle potenze dell'epoca era che le armi nucleari non servivano per combattere una guerra, ma per inibirla. Il concetto di "armi di contenimento" si tradusse allora nel più diplomatico "mezzi di dissuasione".

In sintesi: la dottrina "moderna" militare si sintetizzava così: impedire che l'avversario imponga la sua volontà (o "strategica"), equivale ad imporre la propria volontà ("strategica"), cioè, spostare le grandi guerre verso le piccole o medie guerre. Non si trattava più di distruggere la capacità fisica e/o morale di combattimento del nemico, ma di evitare che la usasse in uno scontro diretto. Invece, si cercava di ridefinire i teatri di guerra (e la capacità fisica di combattimento) dall'ambito mondiale all'ambito regionale e locale. Insomma: diplomazia pacifica internazionale e guerre regionali e nazionali.

Risultato: non c'è stata guerra nucleare (almeno non ancora, sebbene la stupidità del capitale sia tanto grande quanto la sua ambizione), ma al suo posto ci sono stati innumerevoli conflitti a tutti i livelli che hanno lasciato milioni di morti, milioni di profughi di guerra, milioni di tonnellate di materiale distrutto, economie rase al suolo, nazioni distrutte, sistemi politici fatti a pezzi… e milioni di dollari di profitti.

Ma era stata data la definizione alle guerre "più moderne" o "postmoderne": sono possibili conflitti militari che, per la loro natura, siano irrisolvibili in termini di forza fisica, cioè, nell'imporre con la forza la propria volontà all'avversario.

Potremmo supporre dunque che si iniziò una lotta parallela SUPERIORE alle guerre "convenzionali". Una lotta per imporre una volontà sull'altra: la lotta del potente militarmente (o "fisicamente" per transitare nel microcosmo umano) per impedire che le guerre si svolgessero su terreni dove non si potevano raggiungere risultati convenzionali (del tipo "l'esercito meglio equipaggiato, addestrato ed organizzato sarà potenzialmente vittorioso sull'esercito peggio equipaggiato, addestrato ed organizzato"). Potremmo supporre, quindi, che al contrario, c'è la lotta del militarmente (o "fisicamente") debole per fare che le guerre si svolgano su terreni dove il predominio militare non sia un fattore decisivo.

Le guerre "più moderne" o "postmoderne" non sono, quindi, quelle che mettono sul terrene le armi più sofisticate (e qui includo non solo le armi come tecnica militare, ma anche quelle considerate tali negli organigrammi militari: la fanteria, la cavalleria, i blindati, etc.), bensì quelle che sono portate su terreni dove la qualità e la quantità del potere militare non è il fattore determinante.

Con secoli di ritardo, la teoria militare di quelli che stanno in alto scopriva che sarebbero possibili conflitti nei quali un concorrente terribilmente superiore in termini militari sia incapace di imporre la sua volontà su un rivale debole.

Sì, sono possibili.

Gli esempi nella storia moderna abbondano, e quelli che adesso mi vengono in mente sono di sconfitte della più grande potenza bellica al mondo, gli Stati Uniti d'America, in Vietnam e a Playa Girón. Anche se potremmo aggiungere alcuni esempi dai calendari passati e della nostra geografia: le sconfitte dell'esercito realista spagnolo dalle forze insorte nel Messico di 200 anni fa.

Tuttavia, la guerra è lì con la sua questione centrale: la distruzione fisica e/o morale del rivale per imporre la propria volontà, continua ad essere il fondamento della guerra di quelli che stanno in alto. 

Allora, se la forza militare (o fisica, ripeto) non solo non è rilevante ma può essere prescindibile come variabile determinante nella decisione finale, abbiamo che nel conflitto bellico entrano altre variabili o alcune di quelle presenti come secondarie passano in primo piano.

Questo non è nuovo. Il concetto di "guerra totale" (sebbene non come tale) ha precedenti ed esempi. La guerra a tutti i costi (militari, economici, politici, religiosi, ideologici, diplomatici, sociali ed anche ecologici) è sinonimo di "guerra moderna".

Ma manca la cosa fondamentale: la conquista di un territorio. Ovvero, questa volontà si impone certo in un calendario preciso, ma soprattutto in una geografia delimitata. Se non c'è un territorio conquistato, cioè, sotto il controllo diretto o indiretto della forza conquistatrice, non è vittoria.

Benché si possa parlare di guerre economiche (come il blocco che il governo nordamericano mantiene contro la Repubblica di Cuba) o di aspetti economici, religiosi, ideologici, razziali, etc., di una guerra, l'obiettivo continua ad essere lo stesso. E nell'epoca attuale, la volontà che tenta di imporre il capitalismo è distruggere/spopolare e ricostruire/riordinare il territorio conquistato.

Sì, ora le guerre non si accontentano di conquistare un territorio e ricevere il tributo dalla forza vinta. Nella tappa attuale del capitalismo è necessario distruggere il territorio conquistato e spopolarlo, cioè, distruggere il suo tessuto sociale. Parlo dell'annichilimento di tutto quello che dà coesione ad una società.

Ma la guerra di quelli che stanno in alto non si ferma qui. Contemporaneamente alla distruzione ed allo spopolamento, si opera la ricostruzione di questo territorio ed il riordino del suo tessuto sociale, ma ora con un'altra logica, un altro metodo, altri attori, un altro obiettivo. Insomma: le guerre impongono una nuova geografia.

Se in una guerra internazionale questo complesso processo avviene nella nazione conquistata e si opera dalla nazione assalitrice, in una guerra locale o nazionale o civile il territorio da distruggere/spopolare e ricostruire/riordinare è comune alle forze in lotta. 

Cioè, la forza attaccante vittoriosa distrugge e spopola il proprio territorio. 

E lo ricostruisce e riordina secondo il suo piano di conquista o riconquista.  

Anche se non ha un piano… "qualcuno" opera quella ricostruzione - riordino. 

Come popoli originari messicani e come EZLN possiamo dire qualcosa sulla guerra. Soprattutto se si svolge nella nostra geografia ed in questo calendario: Messico, inizi del secolo XXI…

..... SEGUE

Subcomandante Marcos: Sulle Guerre - Parte 1/2


SULLE GUERRE

Scambio epistolare tra Luis Villoro ed il Subcomandante Marcos su Etica e Politica
Gennaio-Febbraio 2011

 

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

MESSICO

Gennaio-Febbraio 2011

Per: Don Luis Villoro.
Da: Subcomandante Insurgente Marcos.

Dottore, La saluto.

Speriamo davvero che stia meglio in salute e che accolga queste righe non solo come uno scambio di idee, ma anche come un abbraccio affettuoso da noi tutti. 

La ringraziamo per aver accettato di partecipare come corrispondente a questo scambio epistolare. Speriamo che da questo sorgano riflessioni che ci aiutino, qua e là, a tentare di comprendere il calendario che patisce la nostra geografia, il nostro Messico.

Mi permetta di iniziare con una specie di bozza. Si tratta di idee, frammentate come la nostra realtà, che possono seguire la loro strada indipendente o allacciarsi come una treccia (l'immagine migliore che ho trovato per "disegnare" il nostro processo di riflessione teorica), e che sono il prodotto della nostra inquietudine per quanto sta attualmente accadendo in Messico e nel mondo.

E qui iniziano questi veloci appunti su alcuni temi, tutti loro relazionati con l'etica e la politica. O piuttosto su quello che noi riusciamo a percepire (e a patire) di loro, e sulle resistenze in generale, e la nostra resistenza in particolare. Come c'è d'aspettarsi, in questi appunti regneranno la schematicità e la riduzione, ma credo che bastino a tracciare una o molte linee di discussione, di dialogo, di riflessione critica.

E si tratta proprio di questo, che la parola vada e venga, scavalcando posti di blocco e pattugliamenti militari e di polizia, del nostro da qua fino al Suo là, anche se poi succeda che la parola se ne vada da altre parti e non importa se qualcuno la raccoglie e la rilancia (che è per questo che sono fatte le parole e le idee).

Sebbene il tema su cui ci siamo accordati sia Politica ed Etica, forse è necessaria qualche deviazione, o meglio, avvicinamenti da punti apparentemente distanti.

E, dato che si tratta di riflessioni teoriche, bisognerà iniziare dalla realtà, quello che gli investigatori chiamano "i fatti".

In "Scandalo in Boemia", di Arthur Conan Doyle, il detective Sherlock Holmes dice al suo amico, il Dottor Watson: "È un errore capitale teorizzare prima di avere dati. Senza rendersi conto, uno comincia a deformare i fatti affinché si adattino alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti".

Potremmo cominciare dunque da una descrizione, affrettata e incompleta, di quello che la realtà ci presenta nella stessa forma, cioè, senza anestesia alcuna, e ricavare alcuni dati. Qualcosa come cercare di ricostruire non solo i fatti ma la forma con la quale prendiamo conoscenza di essi. 

E la prima cosa che appare nella realtà del nostro calendario e geografia è una vecchia conoscenza dei popoli originari del Messico: La Guerra.

I.- LE GUERRE DI QUELLI CHE STANNO IN ALTO.

"E in principio furono le statue".

Così potrebbe iniziare un saggio storico sulla guerra, o una riflessione filosofica sulla reale generatrice della storia moderna. Perché le statue belliche nascondono più di quanto mostrano. Erette per glorificare in pietra la memoria di vittorie militari, non fanno altro che occultare l'orrore, la distruzione e la morte di ogni guerra. E le figure in pietra di dee o angeli incoronati con l'alloro della vittoria non solo servono affinché il vincitore abbia memoria del suo successo, ma anche per forgiare la smemoratezza del vinto.

Ma attualmente questi specchi di roccia sono in disuso. Oltre ad essere seppelliti quotidianamente dalla critica implacabile di uccelli di ogni tipo, hanno trovato nei mezzi di comunicazione di massa un avversario insuperabile.

La statua di Hussein, abbattuta a Baghdad durante l'invasione nordamericana dell'Iraq, non è stata sostituita da una di George Bush, ma dai cartelloni pubblicitari delle grandi multinazionali. Benché il volto ebete dell'allora presidente degli Stati Uniti sarebbe stato adatto a promuovere cheese-burger, le multinazionali hanno preferito auto-erigersi l'omaggio di un nuovo mercato conquistato. All'affare della distruzione, è seguito l'affare della ricostruzione. E, benché si susseguano le perdite tra le truppe nordamericane, la cosa importante è il denaro che va e viene come deve essere: con fluidità e in abbondanza.

La caduta della statua di Saddam Hussein non è il simbolo della vittoria della forza militare multinazionale che invase l'Iraq. Il simbolo sta nel rialzo delle azioni delle aziende sponsor. 

"Nel passato erano le statue, ora sono le borse valori". 

Potrebbe essere questa la storiografia moderna della guerra. 

Ma la realtà della storia (questo caotico orrore guardato sempre meno e in maniera sempre più asettica), compromette, presenta conti, esige conseguenze, domanda. Uno sguardo onesto ed un'analisi critica potrebbero identificare i pezzi del rompicapo e dunque ascoltare, come un macabro urlo, la sentenza:

"In principio fu la guerra".


La Legittimazione della Barbarie.

Forse, in qualche momento della storia dell'umanità, l'aspetto materiale, fisico, di una guerra è stata la cosa determinante. Ma, con l'avanzare della pesante e turpe ruota della storia, questo non è bastato. Così come le statue sono servite per il ricordo del vincitore e la smemoratezza del vinto, nelle guerre i contendenti hanno dovuto non solo sconfiggere fisicamente l'avversario, ma anche servirsi di un alibi propagandistico, ovvero, di legittimità. Sconfiggerlo moralmente.

In qualche momento della storia è stata la religione a conferire questo certificato di legittimità alla dominazione guerriera (benché alcune delle ultime guerre moderne non sembrano aver progredito molto in questo senso). Ma poi è stato necessario un pensiero più elaborato e la filosofia ha preso il testimone.

Ricordo ora alcune sue parole: "La filosofia ha sempre avuto un rapporto ambivalente col potere sociale e politico. Da un lato, ha preso il posto della religione come giustificazione teorica della dominazione. Ogni potere costituito ha tentato di legittimarsi, prima con un credo religioso, poi con una dottrina filosofica. (…) Sembrerebbe che la forza bruta che sostiene il dominio manchi di significato per l'uomo se non si giustificasse con un fine accettabile. Il discorso filosofico, che subentra alla religione, è stato incaricato di conferirgli questo senso; è un pensiero di dominio." (Luis Villoro. "Filosofia e Dominio". Discorso di ingresso nel Colegio Nacional. Novembre 1978).

In effetti, nella storia moderna quest'alibi poteva arrivare ad essere talmente elaborato come una giustificazione filosofica o giuridica (gli esempi più patetici li ha dati l'Organizzazione delle Nazioni Unite, ONU). Ma la cosa fondamentale era, ed è, munirsi di una giustificazione mediatica.

Se una certa filosofia (seguendola, Don Luis: il "pensiero di dominio" in contrapposizione al "pensiero di liberazione") ha sostituito la religione in questo compito di legittimazione, ora i mezzi di comunicazione di massa hanno sostituito la filosofia.

Qualcuno ricorda che la giustificazione della forza armata multinazionale per invadere l'Iraq era che il regime di Saddam Hussein possedeva armi di distruzione di massa? Su questo si è costruita una gigantesca impalcatura mediatica che è stata il combustibile per una guerra che non è ancora finita, almeno in termini militari. Qualcuno ricorda che non si sono mai trovate queste armi di distruzione di massa? Non importa più se è stata una bugia, se c'è stato (e c'è) orrore, distruzione e morte, perpetrati con un falso alibi.

Si racconta che, per dichiarare la vittoria militare in Iraq, George W. Bush non aspettò i rapporti che dicevano del ritrovamento e distruzione di queste armi, né la conferma che la forza multinazionale controllava ormai, se non tutto il territorio iracheno, almeno i suoi punti nodali (la forza militare nordamericana era trincerata nella cosiddetta "zona verde" e non riusciva nemmeno ad avventurarsi nei quartieri vicini - si leggano gli stupendi reportage di Robert Fisk per il giornale britannico "The Independent" -).

No, il rapporto che ricevette Washington e gli permise di dichiarare finita la guerra (che di sicuro non è ancora finita), arrivò dai consulenti delle grandi multinazionali: l'affare della distruzione può cedere il passo all'affare della ricostruzione (su questo si vedano i brillanti articoli di Naomi Klein sul settimanale statunitense "The Nation", ed il suo libro "La Dottrina dello Shock").

Dunque, la cosa essenziale nella guerra non è solo la forza fisica (o materiale), è anche necessaria la forza morale che, in questi casi, è fornita dai mezzi di comunicazione di massa (come prima dalla religione e dalla filosofia).

..... segue


venerdì 4 marzo 2011

Il governo gestisce i conflitti in Chiapas

 

La Jornada – Venerdì 4 marzo 2011

I  conflitti  in  Chiapas,  "creati e gestiti dal governo".

Il Frayba denuncia Noé Castañón León quale "autore intellettuale"

Hermann Bellinghausen

In una rapporto Rapporto presentato a San Cristóbal de las Casas, il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (CDHFBC, noto anche come Frayba) rileva che il governo del Chiapas "crea e gestisce i conflitti per il controllo del territorio", a scapito dei diritti delle comunità indigene. 

Si tratta di un'analisi documentale sulla situazione imperante e gli interessi nel marco del "conflitto armato interno, ora nella fase di disputa del territorio, poiché il Chiapas è una vena di enorme ricchezza per gli investimenti privati, promossi con i progetti turistici". Secondo lo studio, i progetti d'investimento "vogliono sottrarre le terre alle comunità attraverso sgomberi forzati, cooptazione per la firma di 'accordi di sviluppo', occupazione poliziesca e militare, e criminalizzazione di attivisti e avvocati".

In questa cornice, prosegue il Centro, i fatti successi il 2 febbraio nella zona di Agua Azul, nell'ejido San Sebastián Bachajón (Chilón), dove ha perso la vita Marcos García Moreno ed è rimasto ferito Tomás Pérez Deara, e la cattura di 117 persone, 10 delle quali restano in carcere come "prigionieri", rappresentano "l'implementazione di una strategia calcolata dal governo dello stato, che ha generato lo scontro per poi inserirsi come mediatore e gestire il conflitto". 

Il CDHFBC assicura di essere in possesso di testimonianze che denunciano il segretario generale di Governo, Noé Castañón León, come uno dei "autori intellettuali" dell'aggressione. Sottolinea che il governo statale "ha rotto un processo di dialogo comunitario che gli attori stavano portando avanti dal 2010" affinché gli abitanti della zona amministrino e preservino le proprie risorse.

Il Rapporto  include la testimonianza di una persona presente ad una delle riunioni dove si sarebbe deciso di affrontare gli ejidatarios, "creando gruppi di scontro", e "catturare gli aderenti all'Altra Campagna" per distrarli con una lotta per la liberazione dei loro prigionieri. Lo scopo ufficiale di occupare il botteghino di ingresso ejidale è stato attuato il 2 febbraio. "Non è un conflitto comunitario", aggiunge. Come nemmeno lo è a Mitzitón né lo fu adActeal nel 1997. Castañón León sarebbe "l'artefice del conflitto" per favorire i piani di investimento privato. Inoltre, "c'è l'interesse militare di controllare quest territorio", che si trova vicino a comunità autonome zapatiste come San José en Rebeldía e Bolón Ajaw (che, con le nuove disposizioni amministrative, verrebbe circondata).

La situazione "è il prodotto di una guerra di logoramento che genera le condizioni per affrontare le organizzazioni della regione; ciò che è in disputa non è un botteghino di ingresso alle cascate, ma la difesa della terra e del territorio dei popolo indigeni che stanno costruendo un progetto di autonomia". Sulla base delle informazioni raccolte (documenti, testimonianze, denunce di ejidatarios), il CDHFBC afferma che "il governo messicano non è intervenuto per prevenire il conflitto" e "ha pianificato gli eventi mediante una strategia per il controllo del territorio nell'ambito di un conflitto armato irrisolto".

Il CDHFBC comunica di aver assunto la difesa legale degli arrestati di San Sebastián. I filogovernativi (priisti e del Partito Verde Ecologista) "hanno consegnato le terre al governo Juan Sabines Guerrero senza l'autorizzazione dell'assemblea degli ejidatarios". Questo gruppo è utilizzato dal governo "per cacciare le comunità dell'Altra Campagna e spingere la privatizzazione delle cascate di Agua Azul".

In questo modo si attacca il progetto di autonomia "che impedisce al governo di privatizzare la terra per progetti imprenditoriali". Attizzare il conflitto non è cosa nuova. "La strategia è la stessa, ma più aggressiva". Giorni fa il presidente Felipe Calderón Hinojosa ha visitato la regione ed avrebbe "dato il benestare" all'incursione della polizia. 

Per il resto, è stato ignorato il fatto che nell'aggressione filogovernativa ci sono stati dei feriti dell'Altra Campagna. Questi ribadiscono che è stato il gruppo di scontro guidato da  Carmen Aguilar Gómez "che ha ucciso il proprio compagno", e non gli arrestati che nemmeno si trovavano sul luogo dei fatti. http://www.jornada.unam.mx/2011/03/04/index.php?section=politica&article=024n1pol

(Traduzione "Maribel" - Bergamo)


Aggressione del governo del Chiapas ai movimenti socialie ai difensori dei diritti umani

 

Per aderire all'appello manda la tua firma a  espoirchiapas@hotmail.fr  o pubblicala nei commenti a questo link http://gazcostachis.blogspot.com/2011/02/suma-tu-adhesion-numerosas.html


Aggressione del governo del Chiapas ai movimenti sociali e ai difensori dei diritti umani

Lo scorso 22 Febbraio 2010, varie associazioni hanno realizzato un blocco stradale sulla via che da Tonalà porta a Pijijiapan (Chiapas) all'altezza di Pilitas, aderendo alla chiamata della Otra Campaňa per una manifestazione in favore della libertà dei prigionieri politici.

Trecento persone appartenenti al Consejo Autonomo Regional de la Zona Costa de Chiapas (CARZC) hanno espresso il loro rifiuto alle aggressioni e agli arresti subiti nella regione e il loro appoggio ai compagni di San Sebastián Bachajón e Mitzitón, recentemente attaccati da gruppi paramilitari.

Il blocco è stato tolto verso le 16, mentre a Tonalà alcuni rappresenti del CARZC prendevano parte a una riunione con membri del governo. Un'ora più tardi, mentre la gente stava già tornando alle proprie comunità, sono iniziate le detenzioni indiscriminate da parte di elementi della Polizia Federale; mentre altri manifestanti venivano circondati nella zona del blocco da corpi della Polizia Statale che impediva loro il ritorno a casa.

Il Pubblico Ministero si è in principio rifiutato di dare qualsiasi tipo di informazione sul numero degli arrestati e la loro identità, oltre a proibire la visita di avvocati e familiari. Solo verso l'1 della notte, attraverso il Consejo Estatal de Derechos Humanos, si è potuti venire a conoscenza del numero esatto dei compagni che si trovavano in carcere, in tutto 19.

Dopo lunghe ore di attesa e assenza di notizie, la mattina del 23 sono state espresse le accuse, assolutamente prive di fondamento, a cui si trovano di fronte i difensori dei diritti umani della costa chiapaneca: attacco alle vie di comunicazione, disordini e cospirazione.

Durante il giorno 23 sono state messe in libertà 3 persone, restano in carcere 16 attivisti. La moltitudine di familiari e compagni che si trovava di fronte alla procura è stata sciolta sotto le minacce dei corpi di polizia e con la falsa promessa che i detenuti sarebbero stati liberati entro il giorno seguente, dando adito ai sospetti che si tratti in effetti di arresti politici e non penali.

Questo non è un fatto isolato, lo riconosciamo come strategia del governo statale di aggressione e repressione verso le organizzazioni aderenti alla Otra Campaňa nel Chiapas.

La repressione durante le mobilitazioni del 22 Febbraio contro il Consejo Autònomo Regional de la Costa de Chiapas, assieme agli arresti e ai processi ingiustificati contro le comunità di Bachajon e Mitziton, il silenzio mediatico e il fatto che nelle carceri del Chiapas continuino ad esserci, e ogni giorno ce ne siano di più, prigionieri politici, sono un chiaro segno dell'incongruenza del governo di Juan Sabines Guerrero, che se da una parte manifesta la volontà di cambiare la realtà dei popoli indigeni affrontando all'origine i loro problemi e preparando la base per la loro autodeterminazione, dall'altra si trova in piena offensiva contro qualsiasi manifestazione di partecipazione popolare, di dignità e lotta.

Molto poco sembra essere cambiata la politica statale dal 2006 nonostante ciò che afferma il governatore (come pubblicato da non molto sul periodico El Cuarto Poder): "Lo stato deve garantire il rispetto dei diritti umani a tutti i suoi abitanti, quelli nati qui, quelli che qui vivono, quelli che ci visitano o restano ad abitare per un periodo, senza badare al sesso, l'origine culturale, il credo o la nazionalità. Al contrario, governare solo per alcuni, per quelli di un unico partito, di un unica religione, di una sola nazionalità è una pratica discriminatoria e lesiva dei diritti umani". Queste parole non hanno molto a che vedere con gli ultimi fatti accaduti nella costa del Chiapas, come a Bachajon o Mitziton.

Per questo chiediamo la liberazione immediata di tutti i detenuti, oltre alla piena regolarità del processo.

¡¡¡¡¡Libertad inmediata a los presos políticos de Bachajon y Mitziton!!!!

¡¡¡Libertad inmediata a todos los presos políticos en Chiapas!!!!

¡¡¡¡Cese a la represión del gobierno de Chiapas en contra de los compañeros de Mitziton y Bachajon!!!!

¡¡¡Respeto a la libre determinación de los pueblos y a la autonomía!!!!

¡¡¡¡ Cumplimiento de los acuerdos firmados por el Gobierno del Estado!!!!

¡¡¡¡Reubicación a los Paramilitares de Mitziton!!!

¡¡¡¡ Respeto a los pueblos de Bachajon!!!!

Per aderire all'appello manda la tua firma a  espoirchiapas@hotmail.fr  o pubblicala nei commenti a questo link http://gazcostachis.blogspot.com/2011/02/suma-tu-adhesion-numerosas.html



I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...