venerdì 9 novembre 2007

La Jornada - Venerdì 2 novembre 2007

Lo Stato messicano è colpevole del massacro di Acteal: Las Abejas
 
ELIO HENRÍQUEZ
 
Acteal, Chis., 1º novembre. Il colpevole dell'omicidio dei 45 indigeni ad Acteal, successo il 22 dicembre 1997, "è lo Stato messicano, perché non intervenne per fermare i paramilitari", ha dichiarato il presidente del tavolo direttivo dell'organizzazione civile Las Abejas, Diego Pérez Jiménez. 
 
"Non ci fermeremo fino a che non si farà giustizia e siano arrestati tutti gli autori materiali ed intellettuali", ha detto in intervista dopo una messa con la quale oggi - Giorno di Ognissanti - si sono ricordate le vittime. 
 
Nonostante il clima freddo e piovoso, decine di uomini, donne e bambini sono arrivati presto in questa comunità dove si trova la tomba collettiva di 45 tzotziles assassinati da presunti paramilitari priisti, originari del municipio di Chenalhó.
 
A mezzogiorno, il sacerdote Marcelo Pérez - nuovo parroco di Chenalhó in sostituzione del gesuita Pedro Arriaga - indigeno di San Andrés Larráinzar, ha detto: "Ricordiamo i nostri morti, che non ebbero una morte normale, ma furono martirizzati. Possiamo dire che sono santi e sante; fu un genocidio". Poi ha citato i nomi di ognuno dei 45 assassinati. 
 
Alla fine della messa, parenti, amici e vicini si sono recati in quello che chiamano "il santuario", dove ci sono le tombe circondate di fotografie, murales e quadri con immagini. Ogni famiglia ha posto offerte con fiori, candele, bibite, frutta, chayotes e tamales di fagioli.
 
Tra lacrime e singhiozzi, accompagnati da un gruppo di musica tradizionale, hanno pregato. "Ricordiamo così i nostri martiri, che per colpa del governo di Ernesto Zedillo e (dell'allora governatore) Julio César Ruiz Ferro furono assassinati mentre pregavano e digiunavano per la pace in Chiapas", ha affermato Pérez Jiménez. 
 
"Sono stati quei governi a pianificare e programmare il massacro dei nostri 45 fratelli ad Acteal, e sono passati 10 anni e non si è fatta giustizia, perché gli autori intellettuali ed alcuni materiali sono ancora liberi", ha aggiunto.
 
Ha dichiarato che finché continuerà l'impunità su questo caso "non ci saranno tranquillità né pace nel nostro villaggio, e continuerà viva la domanda per la quale i nostri fratelli hanno dato la loro vita". Dopo la cerimonia ad Acteal, le famiglie sono ritornate nelle loro comunità per compiere il rituale di portare offerte e ricordare i morti di "morte naturale".
 
(Traduzione Comitato Chiapas "Maribel" – Bergamo)

I: Guerra di contro insurrezione

Inviato dal mio telefono Huawei -------- Messaggio originale -------- Da: Annamaria <maribel_1994@yahoo.it> Data: lun 8 mar 2021, 16:3...